Manuale Msd

Please confirm that you are not located inside the Russian Federation

honeypot link

Cellulite orbitale

Di

James Garrity

, MD, Mayo Clinic College of Medicine

Ultima revisione/verifica completa lug 2020| Ultima modifica dei contenuti lug 2020
per accedere alla Versione per i professionisti
Risorse sull’argomento

La cellulite orbitale è un’infezione che interessa il tessuto all’interno dell’orbita e intorno e dietro all’occhio.

  • L’infezione può diffondersi all’orbita da sedi quali i seni paranasali.

  • I sintomi includono dolore, edema, arrossamento dell’occhio, febbre, protrusione oculare, deficit visivo e ridotto movimento oculare.

  • Di solito, viene eseguita una tomografia computerizzata o una risonanza magnetica per immagini delle orbite.

  • Il trattamento prevede antibiotici per via endovenosa e il ricovero ospedaliero.

La cellulite orbitale e la cellulite presettale sono più comuni tra i bambini. La cellulite presettale è molto più comune di quella orbitale. Tuttavia, la cellulite orbitale è più pericolosa.

La cellulite orbitale di solito è causata dalla diffusione di un’infezione all’orbita dai seni paranasali ma può anche essere un’infezione diffusa dai denti o dal flusso sanguigno. Anche il morso di un animale o un insetto oppure un’altra ferita alle palpebre può diffondere l’infezione e causare cellulite orbitale.

Senza un’adeguata terapia, la cellulite orbitale può condurre alla cecità e a gravi malattie. L’infezione può diffondersi al cervello (meningite) e al midollo spinale, oppure possono formarsi coaguli di sangue che, partendo dalle vene intorno agli occhi, si estendono a una grossa vena alla base del cervello (seno cavernoso) e determinano una grave patologia detta trombosi del seno cavernoso.

Sintomi

I sintomi della cellulite orbitale includono

  • Dolore

  • Occhio sporgente (proptosi)

  • Occhio rosso

  • Movimento oculare ridotto

  • Diplopia (visione doppia)

  • Dolore al movimento oculare

  • Palpebre gonfie

  • febbre

Alla fine, la vista risulta compromessa.

Diagnosi

  • Valutazione medica

  • Tomografia computerizzata o risonanza magnetica per immagini

  • Emocolture e colture di campioni prelevati dal seno nasale

I medici generalmente riescono a riconoscere la cellulite orbitale senza ricorrere a esami diagnostici. Tuttavia, per confermare la diagnosi in genere si ricorre a una tomografia computerizzata (TC) o a una risonanza magnetica per immagini (RMI). Inoltre, si richiedono ulteriori esami per determinarne la causa, come l’esame dei denti e del cavo orale e TC o RMI dei seni paranasali. Spesso, i medici prelevano campioni dai seni paranasali, insieme a campioni di sangue, che vengono inviati ed esaminati in laboratorio. I campioni sono sottoposti a coltura (per la crescita dei microrganismi) per determinare i batteri che causano l’infezione, le aree infette e l’antibiotico da somministrare. Un soggetto con cellulite orbitale deve essere visitato al più presto da un oftalmologo (un medico specializzato nei disturbi oculari).

Trattamento

  • Ricovero ospedaliero

  • Antibiotici

  • Intervento chirurgico

Di solito, per i soggetti con cellulite orbitale è previsto il ricovero. Si inizia il prima possibile la profilassi antibiotica prima di conoscere i risultati degli esami di laboratorio. Vengono somministrati antibiotici per via endovenosa. L’antibiotico iniziato viene sostituto se gli esami colturali indicano che la scelta non è corretta. Talvolta, è necessario un intervento chirurgico in caso di compromissione della vista, per drenare una raccolta di pus (ascesso) o un seno paranasale infetto, rimuovere un corpo estraneo o aiutare a trattare l’infezione qualora gli antibiotici da soli non risultassero efficaci.

NOTA: Questa è la Versione per i pazienti. CLICCA QUI per accedere alla Versione per i professionisti
per accedere alla Versione per i professionisti
Ottieni

Metti alla prova la tua conoscenza

Mosche volanti nell’occhio
Quale dei seguenti è la causa più comune di corpi mobili (mosche volanti) nell’occhio?

Potrebbe anche Interessarti

PARTE SUPERIORE