Manuale Msd

Please confirm that you are a health care professional

honeypot link

Parotite

(Orecchioni; parotite epidemica)

Di

Brenda L. Tesini

, MD, University of Rochester School of Medicine and Dentistry

Ultima modifica dei contenuti ago 2019
Clicca qui per l’educazione dei pazienti
Risorse sull’argomento

La parotite è una malattia virale sistemica, acuta e contagiosa, che provoca abitualmente tumefazione dolorosa delle ghiandole salivari, più comunemente delle parotidi. Le complicanze possono comprendere l'orchite, la meningo-encefalite e la pancreatite. La diagnosi è solitamente clinica; tutti i casi devono essere immediatamente denunciati alle autorità di sanità pubblica. Il trattamento è di supporto. La vaccinazione è efficace per la prevenzione.

La maggior parte dei virus che infetta l'essere umano può infettare sia gli adulti che i bambini e vengono trattati in altre sezioni del MANUALE. I virus che provocano manifestazioni specifiche nei neonati sono discussi in vedi Infezioni neonatali Panoramica sulle infezioni neonatali L'infezione neonatale può essere contratta In utero per via transplacentare o tramite rottura delle membrane Nel canale del parto durante il parto (intrapartum) Da fonti esterne dopo la nascita... maggiori informazioni . Questo capitolo tratta le infezioni virali che sono acquisite tipicamente durante l'infanzia (anche se molti possono colpire anche gli adulti).

L'agente responsabile della parotite, un paramyxovirus, viene diffuso tramite le goccioline di Flügge o la saliva. Il virus probabilmente penetra attraverso il naso o la bocca. Il virus è presente nella saliva fino a 7 giorni prima della comparsa della tumefazione della ghiandola salivare con massima contagiosità poco prima dello sviluppo della parotite. È presente anche nel sangue e nelle urine e, in caso di interessamento del sistema nervoso centrale, nel liquido cerebrospinale. L'infezione di solito conferisce immunità permanente.

La parotite è meno contagiosa rispetto al morbillo. Si verifica soprattutto nelle popolazioni non vaccinate, ma si sono verificate epidemie anche in popolazioni in gran parte vaccinate. In queste epidemie possono aver giocato un ruolo una combinazione del fallimento della vaccinazione primaria (incapacità di sviluppare l'immunità dopo la vaccinazione) e della progressiva riduzione dell'immunità. Nel 2006 negli Stati Uniti si verificò una ripresa della parotite con 6584 casi, che si sono verificati principalmente in giovani adulti precedentemente vaccinati. Da quel momento, epidemie sporadiche, soprattutto nei campus universitari e in altre comunità affiatate, hanno contribuito a fluttuare dei casi da un minimo di 229 nel 2012 a un massimo di 6366 nel 2016 e 6109 nel 2017 (vedi Centers for Disease Control and Prevention [CDC] Mumps Cases and Outbreaks).

Come con il morbillo, i casi di parotite possono essere importati, con successiva trasmissione indigena, soprattutto in ambienti chiusi (p. es., campus universitari) o in comunità chiuse (p. es., comunità ebree osservanti). Il picco di incidenza della parotite si verifica nel tardo inverno e all'inizio della primavera. La malattia può presentarsi nei bambini di qualsiasi età, ma è inusuale nei bambini di età < 2 anni e in particolare in quelli < 1 anno. Circa il 25-30% dei casi decorre in maniera asintomatica.

Sintomatologia

Dopo un periodo di incubazione di 12-24 giorni, la maggior parte dei soggetti sviluppa cefalea, anoressia, malessere, e febbre di grado lieve-moderato. Le ghiandole salivari vengono interessate 12-24 h dopo, con febbre fino a 39,5-40° C. La febbre persiste per 24-72 h. La tumefazione ghiandolare raggiunge il picco intorno alla seconda giornata e si protrae per 5-7 giorni. Durante il periodo febbrile le ghiandole interessate sono estremamente dolenti.

La parotite è di solito bilaterale ma può essere anche unilaterale, soprattutto all'esordio. Il sintomo più precoce è il dolore alla masticazione o alla deglutizione, specialmente quando si assumono liquidi acidi quali l'aceto o il succo di limone. Successivamente compare una tumefazione dietro alla parotide, davanti e al di sotto dell'orecchio. Occasionalmente, anche le ghiandole sottomandibolari e sublinguali aumentano di volume e, più raramente, sono le sole ghiandole interessate. Il coinvolgimento della ghiandola sottomandibolare provoca una tumefazione cervicale sottomandibolare, talvolta associata a edema soprasternale, forse a causa dell'ostruzione linfatica conseguente al rigonfiamento delle ghiandole salivari. Quando sono interessate le ghiandole sottolinguali, la lingua può aumentare di dimensioni. A livello del cavo orale gli sbocchi dei dotti delle ghiandole interessate sono edematosi e lievemente infiammati. La cute al di sopra delle ghiandole può diventare tesa e lucida.

Complicanze

La parotite può interessare organi diversi dalle ghiandole salivari, specialmente dopo la pubertà. Tali complicanze comprendono

  • Orchite o ooforite

  • Meningite o encefalite

  • Pancreatite

Circa il 20% dei maschi affetti in fase postpuberale sviluppa un'orchite Orchite L'orchite è un'infezione dei testicoli, tipicamente correlata al virus della parotite. I sintomi sono il dolore e il gonfiore testicolare. La diagnosi è clinica. La terapia è sintomatica. Il... maggiori informazioni  Orchite (infiammazione testicolare), generalmente monolaterale, con dolore, edema, eritema e calore a livello dello scroto. Talvolta può eseguire un certo grado di atrofia testicolare, ma la produzione di testosterone e la fertilità sono, in genere, mantenute. Nelle femmine, l'ooforite (interessamento gonadico) è meno frequente, è meno dolorosa e non compromette la fertilità.

La meningite Panoramica sulle meningiti La meningite è un'infiammazione delle meningi e dello spazio subaracnoideo. Essa può derivare da un'infezione, da altre patologie o essere la conseguenza di una reazione a farmaci. La gravità... maggiori informazioni , generalmente associata a cefalea, vomito, rigidità nucale e pleiocitosi liquorale, si osserva nell'1-10% dei pazienti con parotite. L'encefalite Encefalite L'encefalite è l'infiammazione del parenchima del cervello, derivante dalla diretta invasione virale. L'encefalomielite acuta disseminata è l'infiammazione del cervello e del midollo spinale... maggiori informazioni , caratterizzata da sonnolenza, convulsioni e coma, si verifica in circa 1/5000-1/1000 casi. Circa il 50% delle infezioni del sistema nervoso centrale da virus della parotite decorre senza sviluppo di parotite.

La pancreatite Panoramica sulla pancreatite La pancreatite è classificata come acuta o cronica. La pancreatite acuta è un'infiammazione che si risolve sia clinicamente che istologicamente. La pancreatite cronica è caratterizzata da alterazioni... maggiori informazioni , caratterizzata da nausea grave e improvvisa, vomito e dolore epigastrico, può presentarsi verso la fine della prima settimana. Questi sintomi scompaiono nell'arco di 1 settimana, con restitutio ad integrum.

Molto raramente si riscontrano prostatite, nefrite, miocardite, epatite, mastite, poliartrite, sordità e interessamento delle ghiandole lacrimali. L'infiammazione della tiroide e del timo può provocare edema e tumefazione in regione soprasternale, ma la tumefazione a questo livello più spesso è legata all'interessamento delle ghiandole sottomandibolari con ostruzione del drenaggio linfatico.

Diagnosi

  • Valutazione clinica

  • Identificazione del virus attraverso reazione a catena della trascrittasi-polimerasi inversa (Reverse transcriptase–polymerase chain reaction [RT-PCR])

  • Test sierologici

La parotite deve essere sospettata nei pazienti che presentano infiammazione delle ghiandole salivari e sintomi sistemici tipici, in particolare se è presente l'interessamento parotideo o in corso di epidemia. Le analisi di laboratorio non sono necessarie per porre la diagnosi, ma sono fortemente consigliate per motivi di salute pubblica. Altre condizioni possono causare un simile interessamento ghiandolare ( Altre cause di incremento volumetrico della parotide e di altre ghiandole salivari Altre cause di incremento volumetrico della parotide e di altre ghiandole salivari La parotite è una malattia virale sistemica, acuta e contagiosa, che provoca abitualmente tumefazione dolorosa delle ghiandole salivari, più comunemente delle parotidi. Le complicanze possono... maggiori informazioni Altre cause di incremento volumetrico della parotide e di altre ghiandole salivari ). La parotite deve anche essere sospettata nei pazienti con una meningite asettica o un'encefalite inspiegabili, durante un'epidemia di parotite. In pazienti con segni meningei è necessaria la puntura lombare.

Tabella
icon

La diagnosi di laboratorio per parotite è necessaria se la malattia è

  • Monolaterale

  • Ricorrente

  • Si verifica in pazienti precedentemente vaccinati

  • Provoca un coinvolgimento importante di tessuti diversi dal parenchima delle ghiandole salivari

Gli accertamenti della parotite sono raccomandati per tutti i pazienti con parotite della durata 2 giorni senza una causa nota. La reazione a catena della trascrittasi-polimerasi inversa (Reverse transcriptase–polymerase chain reaction [RT-PCR]) è il test d'elezione per la diagnosi; tuttavia, può essere eseguita anche la sierologia in fase acuta e in fase di convalescenza mediante fissazione del complemento o saggio immuno-assorbente legato ad un enzima (enzyme-linked immunosorbent assay, [ELISA]) o coltura virale su campioni faringei o di liquido cerebrospinale, e, occasionalmente, di urine. Nelle popolazioni precedentemente vaccinate, il dosaggio delle IgM può risultare falsamente negativo; pertanto, è necessario eseguire la reazione a catena della trascrittasi-polimerasi inversa (Reverse transcriptase–polymerase chain reaction [RT-PCR]) con trascrittasi inversa real time su campioni di saliva o di lavaggio rinofaringeo il prima possibile durante il decorso della malattia.

Generalmente non sono necessari altri esami di laboratorio. Nella meningite asettica indifferenziata un elevato livello di amilasi sierica può rappresentare un indizio utile per la diagnosi di infezione da virus della parotite nonostante l'assenza di segni clinici di parotite. La formula leucocitaria non è specifica; può risultare normale ma di solito mostra lieve leucopenia e neutropenia. Nella meningite, la glicorrachia è generalmente normale, ma talora è compresa tra 20 e 40 mg/dL (1,1 e 2,2 mmol/L), come nel caso della meningite batterica. La proteinorrachia è solo lievemente aumentata.

Prognosi

I casi non complicati di parotite generalmente sono autolimitanti, sebbene raramente si possa verificare una recidiva dopo circa 2 settimane. La prognosi dei pazienti con meningite è solitamente buona, anche se possono residuare sequele permanenti, quali la sordità neurosensoriale o la paralisi facciale unilaterali (meno frequentemente bilaterali). Raramente si osservano encefalite postinfettiva, atassia cerebellare acuta, mielite trasversa e polinevrite.

Trattamento

  • Terapia di supporto

Il trattamento della parotite e delle sue complicanze è di supporto. Il paziente viene isolato fino alla scomparsa della tumefazione ghiandolare. Una dieta morbida riduce il dolore causato dalla masticazione. Devono essere evitate le sostanze acide (p. es., succhi di agrumi), che provocano fastidio.

Il vomito ripetuto legato alla pancreatite può richiedere l'idratazione EV. In caso di orchite, il riposo a letto e la sospensione dello scroto con del cotone fissato mediante cerotti messi a ponte tra le cosce, per rendere minima la tensione, oppure l'uso di impacchi di ghiaccio, alleviano il dolore. I corticosteroidi non sembrano velocizzare la guarigione dell'orchite.

Prevenzione

  • La prima dose tra i 12 e i 15 mesi

  • La seconda dose tra i 4 e i 6 anni

Gli adulti nati durante o dopo il 1957 devono ricevere 1 dose, a meno che non abbiano ricevuto la diagnosi di parotite da un operatore sanitario. Alle donne in gravidanza e alle persone con un sistema immunitario compromesso non devono essere somministrati i vaccini vivi attenuati.

La vaccinazione post-esposizione non conferisce protezione per la parotite. Le immunoglobuline per la parotite non sono più disponibili e le immunoglobuline estratte da sieri immuni non sono utili. I CDC (Centers for Disease Control and Prevention) consigliano l'isolamento dei pazienti infetti con precauzioni standard e relative alla trasmissione delle goccioline di Flügge per 5 giorni dopo l'inizio della parotite. I contatti sensibili devono essere vaccinati, e una terza dose è raccomandata per le persone precedentemente vaccinate ad aumentato rischio di parotite durante un'epidemia, come determinato dalle autorità della sanità pubblica. Mancano dati solidi, ma una terza dose e ulteriori misure possono aiutare a controllare un focolaio (1 Riferimenti per la prevenzione La parotite è una malattia virale sistemica, acuta e contagiosa, che provoca abitualmente tumefazione dolorosa delle ghiandole salivari, più comunemente delle parotidi. Le complicanze possono... maggiori informazioni  Riferimenti per la prevenzione ). Gli operatori sanitari suscettibili asintomatici devono essere allontanati dal lavoro da 11 giorni dopo l'esposizione iniziale fino a 25 giorni dopo l'ultima esposizione.

Riferimenti per la prevenzione

  • 1. Marin M, Marlow M, Moore KL, Patel M: Recommendation of the Advisory Committee on Immunization Practices for use of a third dose of mumps virus–containing vaccine in persons at increased risk for mumps during an outbreak. MMWR Morb Mortal Wkly Rep 67:33–38, 2018. doi: http://dx.doi.org/10.15585/mmwr.mm6701a7.

Punti chiave

  • La parotite provoca tumefazione dolorosa delle ghiandole salivari, più comunemente delle parotidi.

  • I casi possono verificarsi in soggetti vaccinati a causa del fallimento della vaccinazione primaria o della progressiva riduzione dell'immunità.

  • Circa il 20% dei maschi affetti in età postpuberale sviluppa orchite, solitamente unilaterale; in tali casi si può verificare un certo grado di atrofia testicolare, ma la produzione di testosterone e la fertilità sono in genere mantenute.

  • Altre complicanze comprendono la meningo-encefalite e la pancreatite.

  • La diagnosi di laboratorio viene eseguita per ragioni di salute pubblica e nel caso in cui le manifestazioni cliniche non siano tipiche, come in caso di assenza di parotite, di parotite unilaterale o ricorrente, di parotite in soggetti precedentemente vaccinati o di interessamento prevalente a carico di tessuti diversi dalle ghiandole salivari.

  • La vaccinazione universale è indispensabile, salvo controindicazioni (p. es., dalla gravidanza o grave immunodepressione).

Per ulteriori informazioni

Clicca qui per l’educazione dei pazienti
NOTA: Questa è la Versione per Professionisti. CLICCA QUI per accedere alla versione per i pazienti
Ottieni
Metti alla prova la tua conoscenza
Incontinenza urinaria nei bambini
Quale delle seguenti è la causa più probabile di enuresi notturna primaria in bambini con un’anamnesi altrimenti irrilevante?

Potrebbe anche Interessarti

PARTE SUPERIORE