Manuale Msd

Please confirm that you are a health care professional

Caricamento in corso

Epatite A

Di

Sonal Kumar

, MD, MPH, Weill Cornell Medical College

Ultima modifica dei contenuti ott 2019
Clicca qui per l’educazione dei pazienti
NOTA: Questa è la Versione per Professionisti. CLICCA QUI per accedere alla versione per i pazienti
Risorse sull’argomento

L'epatite A è causata da un virus a RNA trasmesso per via oro-fecale che, nei bambini più grandi e negli adulti, provoca sintomi tipici dell'epatite virale, tra cui inappetenza, malessere, e ittero. I bambini piccoli possono essere asintomatici. Epatite fulminante e decesso sono rari nei Paesi sviluppati. Non evolve in epatite cronica. La diagnosi viene effettuata tramite test anticorpale. Il trattamento è di supporto. La vaccinazione e l'infezione precedente sono protettive.

Il virus dell'epatite A è un picornavirus a singola elica di RNA. È la causa più comune di epatite virale acuta ed è particolarmente frequente nei bambini e nei giovani adulti.

In alcuni paesi, > 75% degli adulti è stato esposto all'epatite A. Negli Stati Uniti nel 2016, sono stati segnalati 2000 casi e circa 4000 casi si sono verificati (molti casi non sono riconosciuti o non segnalati), una marcata diminuzione rispetto ai 25 000-35 000 casi annuali prima che il vaccino per l'epatite A diventasse disponibile nel 1995 (1). In tutto il mondo, circa 1.4 milioni di casi di epatite A si verificano ogni anno (2).

La diffusione del virus dell'epatite A si verifica soprattutto per contagio oro-fecale e si può quindi verificare in zone di scarsa igiene. Le epidemie da contaminazione dell'acqua e degli alimenti si verificano specialmente nei paesi in via di sviluppo. Anche l'ingestione dei frutti di mare crudi può essere, talvolta, responsabile dell'infezione. Sono frequenti anche i casi sporadici, di solito da ascrivere a un contagio interpersonale diretto.

La diffusione del virus nelle feci si verifica prima della comparsa dei sintomi e, di solito, cessa alcuni giorni dopo l'inizio dei sintomi; pertanto, la possibilità di contagio spesso è già assente al momento della manifestazione clinica dell'epatite.

Per il virus dell'epatite A non è nota la condizione di portatore cronico e non esita in epatite cronica o cirrosi.

Riferimenti generali

  • 1. CDC: Hepatitis A Questions and Answers for Health Professionals. Consultato il 4/9/19.

  • 2. WHO: Hepatitis A. Consultato il 4/9/19.

Sintomatologia

Nei bambini < 6 anni, il 70% delle infezioni da epatite A è asintomatico, e, in bambini con sintomi, l'ittero è raro. Al contrario, la maggior parte dei bambini più grandi e gli adulti hanno manifestazioni tipiche di un'epatite virale, tra cui inappetenza, malessere, febbre, nausea e vomito; l'ittero si manifesta in oltre il 70%.

Le manifestazioni cliniche in genere si risolvono dopo circa 2 mesi, ma in alcuni pazienti i sintomi persistono o si ripresentano per un massimo di 6 mesi.

La guarigione dall'epatite A acuta è di solito completa. Raramente si verifica un'epatite fulminante.

Diagnosi

  • Test sierologici

Durante la fase diagnostica iniziale di epatite acuta, l'epatite virale deve essere differenziata dalle altre patologie che provocano ittero (vedi figura Approccio diagnostico semplificato a una possibile epatite virale acuta).

Se si sospetta un'epatite virale acuta, vengono eseguiti i seguenti esami per lo screening dei virus dell'epatite A, B e C:

  • Ac IgM anti-epatite A (IgM anti-epatite A)

  • Antigene di superficie dell'epatite B (HBsAg)

  • Ac IgM anti-core dell'epatite B (IgM anti-HBc)

  • Anticorpi contro il virus dell'epatite C (anti-epatite C) e dell'epatite C RNA (HCV-RNA)

Se le IgM anti-epatite A sono positive, si pone diagnosi di epatite A acuta. La ricerca degli anticorpi IgG anti-epatite A (IgG anti-epatite A) viene eseguita (vedi tabella Sierologia dell'epatite A) per distinguere un'infezione acuta da un'infezione pregressa. La positività delle IgG anti-epatite A suggerisce una precedente infezione da virus dell'epatite A prima o la presenza di immunità acquisita. Non esistono ulteriori esami per l'epatite A.

Il virus dell'epatite A è presente nel siero solo durante l'infezione acuta e non può essere individuato con gli esami clinicamente disponibili.

Gli Ac IgM tipicamente sono prodotti nelle fasi precoci dell'infezione e raggiungono il picco circa 1-2 settimane dopo la comparsa dell'ittero. Diminuiscono nel corso di alcune settimane, seguiti dalla produzione di anticorpi IgG protettivi (IgG anti-epatite A), che di solito persistono per tutta la vita. Pertanto, gli anticorpi IgM sono un marker di infezione acuta, mentre le IgG anti-epatite A indicano solo una precedente esposizione al virus dell'epatite A e l'immunità verso infezioni ricorrenti.

Tabella
icon

Sierologia dell'epatite A

Marker

Infezione acuta da virus dell'epatite A

Pregressa infezione da virus dell'epatite A o vaccinazione*

IgM anti-epatite A

+

IgG anti-epatite A

+

* Il virus dell'epatite A non causa epatite cronica.

HAV = virus dell'epatite A; IgM anti-HAV = anticorpi IgM anti-HAV.

Altri esami

Gli esami epatici sono necessari, se non sono stati già effettuati; essi comprendono le aspartato aminotrasferasi (AST) e le alanina aminotrasferasi (ALT) sieriche, la fosfatasi alcalina e la bilirubina.

Altri test devono essere effettuati per valutare la funzione epatica; essi comprendono albumina sierica, conta piastrinica e il tempo di protrombina/rapporto internazionale normalizzato (INR).

Trattamento

  • Terapia di supporto

Nessun trattamento attenua l'epatite acuta virale, compresa l'epatite A. L'alcol deve essere evitato perché può aumentare il danno epatico. Le limitazioni della dieta e dell'attività fisica, compreso il riposo a letto generalmente prescritto, non hanno alcuna base scientifica.

Per l'epatite colestatica, la colestiramina 8 g per via orale 1 o 2 volte/die, può alleviare il prurito.

I casi di epatite virale devono essere riportati all'Ufficio di Igiene locale o nazionale.

Prevenzione

Una buona igiene personale aiuta a prevenire la trasmissione oro-fecale dell'epatite A. Si raccomandano misure preventive di barriera, ma l'isolamento dei pazienti previene davvero poco la diffusione del virus dell'epatite A.

Le superfici contaminate con liquidi biologici in casa dei pazienti possono essere pulite con candeggina diluita.

Vaccinazione

Il vaccino per l'epatite A è raccomandato a tutti i bambini a partire dall'età di 1 anno, con una 2a dose fra 6 e 18 mesi dopo la prima (vedi tabella Programma di vaccinazione raccomandato per le età 0-6 anni).

Una vaccinazione pre-esposizione anti-epatite A (vedi Adult Immunization Schedule) deve essere prevista per

  • Viaggiatori in paesi con alta o intermedia endemicità per virus dell'epatite A

  • Personale dei laboratori diagnostici

  • Uomini che hanno rapporti sessuali con altri uomini

  • Persone che fanno uso di droghe illecite endovena o non

  • Persone con epatopatie croniche (compresa l'epatite C cronica) perché hanno un rischio maggiore di sviluppare epatite fulminante a causa del virus dell'epatite A

  • Persone in terapia con concentrati di fattori della coagulazione

  • Persone che prevedono uno stretto contatto con un adottato internazionale durante i primi 60 giorni dopo l'arrivo da un paese con alta o intermedia endemicità per virus dell'epatite A

  • Persone che non hanno un alloggio stabile o che sono senzatetto

Una profilassi pre-esposizione anti-virus dell'epatite A può essere presa in considerazione per il personale dei centri di assistenza sanitaria diurna e per il personale militare.

Sono disponibili molti vaccini contro il virus dell'epatite A, ciascuno con differenti dosaggi e tempi di somministrazione; sono sicuri, forniscono protezione entro circa 4 settimane, danno una protezione prolungata (si pensa > 20 anni).

In precedenza, i viaggiatori erano invitati a vaccinarsi per l'epatite A ≥ 2 settimane prima del viaggio; a quelli che partono in < 2 settimane devono essere somministrate anche le immunoglobuline standard. Le evidenze attuali suggeriscono che le immunoglobuline sono necessarie solo per i viaggiatori anziani e per i viaggiatori con epatopatia cronica o con un'altra malattia cronica.

Profilassi post-esposizione

La profilassi post-esposizione deve essere somministrata ai familiari e alle persone che sono venute a stretto contatto con i pazienti affetti da epatite A.

Per i sani, i pazienti non vaccinati di età compresa tra 1-40 anni, viene somministrata una singola dose di vaccino contro l'epatite A.

Per gli altri pazienti, in particolare quelli > 75 anni, quelli con epatopatia cronica e gli immunocompromessi, le immunoglobuline standard (in precedenza immunoglobuline sieriche) prevengono o riducono la gravità dell'epatite A. Una dose di 0,02 mL/kg IM è generalmente raccomandata, ma alcuni esperti consigliano 0,06 mL/kg (da 3 a 5 mL per gli adulti). Può essere somministrata fino a 2 settimane dopo l'esposizione, ma tanto prima viene effettuata la profilassi, tanto maggiore risulta l'efficacia.

Punti chiave

  • Il virus dell'epatite A è la causa più frequente di epatite virale acuta; esso si diffonde per via oro-fecale.

  • I bambini < 6 anni possono essere asintomatici; i bambini più grandi e gli adulti manifestano inappetenza, malessere, ed ittero.

  • Un'epatite fulminante è rara, e non si verificano epatite cronica, cirrosi e cancro.

  • Trattare con terapia di supporto.

  • La vaccinazione di routine con inizio all'età di 1 anno è raccomandata a tutti.

  • Vaccinare le persone a rischio (p. es., i viaggiatori in aree endemiche, il personale di laboratorio), e fornire la profilassi post-esposizione con immunoglobuline standard o, per alcuni, la vaccinazione.

Per ulteriori informazioni

  • CDC: Hepatitis A Questions and Answers for Health Professionals. Consultato il 4/9/19.

Clicca qui per l’educazione dei pazienti
NOTA: Questa è la Versione per Professionisti. CLICCA QUI per accedere alla versione per i pazienti
Ottieni

Potrebbe anche Interessarti

Modelli 3D
Vedi Tutto
Lobuli epatici
Modello 3D
Lobuli epatici

SOCIAL MEDIA

PARTE SUPERIORE