Manuale Msd

Please confirm that you are a health care professional

honeypot link

Panoramica sulla funzione e disfunzione sessuale femminile

Di

Allison Conn

, MD, Baylor College of Medicine, Texas Children's Pavilion for Women;


Kelly R. Hodges

, MD, Baylor College of Medicine, Texas Children's Pavilion for Women

Ultima modifica dei contenuti mar 2021
Clicca qui per l’educazione dei pazienti
Risorse sull’argomento

Gli uomini e le donne iniziano o acconsentono ad avere un'attività sessuale per molte ragioni, tra cui la condivisione dell'eccitazione sessuale e del piacere fisico e l'esperienza di affetto, amore, romanticismo o intimità. Tuttavia, le donne hanno un numero maggiore di probabilità di riferire delle motivazioni emotive come

  • Per incoraggiare e avere esperienza dell'intimità emotiva

  • Per aumentare il loro senso di benessere

  • Per confermare la loro desiderabilità

  • Per accontentare o placare un partner

Le donne accedono al desiderio sessuale (desiderio responsivo) una volta che la stimolazione sessuale innesca l'eccitazione e il piacere (eccitazione soggettiva) e la congestione genitale (eccitazione fisica genitale). Il desiderio di soddisfazione sessuale, che può o meno comprendere l'orgasmo singolo o multiplo, aumenta con il persistere dell'attività sessuale e dell'intimità, e un'esperienza fisica o emotiva gratificante soddisfa e rinforza le motivazioni originarie della donna.

Il ciclo della risposta sessuale di una donna è fortemente influenzato dalla sua salute mentale e dalla qualità della sua relazione con il proprio partner. Il desiderio iniziale diminuisce tipicamente con l'età ma aumenta con un nuovo partner a qualsiasi età.

Fisiologia

La risposta sessuale include le seguenti fasi:

  • Motivazione (compreso il desiderio)

  • Eccitazione soggettiva

  • Congestione genitale

  • Orgasmo

  • Risoluzione

La fisiologia della risposta sessuale della donna non è completamente conosciuta ma coinvolge fattori ormonali e del sistema nervoso centrale.

Gli estrogeni influenzano la risposta sessuale. Si sospetta, sebbene non sia provato, che gli androgeni siano coinvolti ed agiscano attraverso i recettori degli androgeni e degli estrogeni (dopo conversione intracellulare del testosterone in estradiolo). Gli estrogeni aiutano a mantenere la sensibilità dei tessuti genitali, il pH vaginale, la microflora normale, l'elasticità, la lubrificazione, la continenza urinaria e il tono muscolare pelvico.

Dopo la menopausa, la produzione ovarica di estrogeni cessa, mentre la produzione di androgeni ovarici varia. Tuttavia, la produzione surrenale di pro-ormoni (p. es., deidroepiandrosterone solfato) che vengono convertiti sia in androgeni che in estrogeni nelle cellule periferiche diminuisce in una donna a partire dai 30 anni. Anche la produzione ovarica di pro-ormoni si riduce, dopo la menopausa. Complessivamente, i livelli di androgeni tendono a smettere di diminuire a circa 60 anni. Se il decremento della produzione dell'ormone sessuale possa avere un qualsiasi ruolo nella riduzione del desiderio sessuale, dell'interesse, o dell'eccitazione soggettiva, non è chiaro.

Il cervello produce ormoni sessuali (neurosteroidi) dal colesterolo, e la produzione può aumentare dopo la menopausa. Non è noto se questo aumento documentato sia universale, se faciliti l'eccitazione con il diminuire della produzione periferica, e se sia modificato dalla somministrazione di ormone esogeno.

Motivazione

La motivazione è il desiderio di impegnarsi in attività sessuali. Ci sono molte ragioni per voler intraprendere un'attività sessuale, tra cui l'interesse sessuale o il desiderio. L'interesse o desiderio sessuale può essere provocato da pensieri, parole, immagini, odori, o sensazioni tattili. La motivazione può essere evidente fin dall'inizio oppure può crescere una volta che la donna si eccita.

Eccitazione

Vengono attivate le aree cerebrali coinvolte nell'ideazione, nell'emozione, nella motivazione e nell'organizzazione della congestione genitale. Sono coinvolti neurotrasmettitori che agiscono su specifici recettori. Sulla base delle note azioni dei farmaci e degli studi sugli animali, alcuni neurotrasmettitori sembrano essere prosessuali; essi comprendono dopamina, noradrenalina, e melanocortina. La serotonina è solitamente sessualmente inibitoria, così come la prolattina e l'acido gamma-aminobutirrico.

Congestione genitale

Questa risposta riflessa automatica si verifica entro pochi secondi da uno stimolo sessuale e causa congestione genitale e lubrificazione. La valutazione del cervello dello stimolo come biologicamente sessuale, non necessariamente come erotico o soggettivamente eccitante, innesca questa risposta. Le cellule muscolari lisce attorno agli spazi sanguigni di vulva e clitoride e le arteriole vaginali si dilatano, aumentando il loro flusso sanguigno (congestione) e la trasudazione di liquido interstiziale attraverso l'epitelio vaginale (lubrificazione). Le donne non sono sempre consapevoli della congestione; formicolio e pulsazione genitale sono in genere maggiormente riportati da donne più giovani. Con l'avanzare dell'età, il flusso ematico genitale basale si riduce, ma può non diminuire la congestione genitale in risposta a stimoli sessuali (p. es., video erotici).

Orgasmo

Avviene il massimo eccitamento; esso è accompagnato da contrazioni dei muscoli pelvici ogni 0,8 secondi, seguito da una lenta regressione della congestione genitale. Il tratto di efferenza simpatica toracolombare sembra essere coinvolto, ma l'orgasmo è possibile anche dopo la completa resezione del midollo (quando si usa un vibratore per stimolare la cervice uterina). Al momento dell'orgasmo vengono rilasciati prolattina, ormone antidiuretico, e ossitocina che possono contribuire al senso di benessere, rilassamento, o stanchezza che segue (risoluzione). Tuttavia, molte donne sperimentano un senso di benessere e di rilassamento senza nessun orgasmo definitivo.

Risoluzione

La risoluzione è un senso di benessere, diffuso rilassamento muscolare, o la stanchezza che segue di solito l'orgasmo. Tuttavia, la risoluzione può verificarsi lentamente dopo un'attività sessuale molto eccitante senza orgasmo. Molte donne sono in grado di rispondere a ulteriori stimoli quasi immediatamente dopo la risoluzione.

Classificazione

La disfunzione sessuale femminile può essere caratterizzata da almeno uno dei seguenti:

  • Dolore durante le attività sessuali

  • Perdita di desiderio sessuale

  • Riduzione dell'eccitazione

  • Incapacità di raggiungere l'orgasmo

La disfunzione sessuale femminile viene diagnosticata quando uno di questi sintomi provoca disagio personale.

Il Diagnostic and Statistical Manual of Mental Disorders (Fifth Edition [DSM-5]) comprende i seguenti tipi di disfunzione sessuale femminile, classificati in base ai sintomi:

Il disturbo dell'eccitazione genitale persistente Disturbo dell'eccitazione genitale persistente Il disturbo dell'eccitazione genitale persistente è un'eccessiva indesiderata eccitazione genitale spontanea. Il disturbo di eccitazione genitale persistente è un disturbo raro; non è incluso... maggiori informazioni è un disturbo raro e separato non incluso nel Diagnostic and Statistical Manual of Mental Disorders, Fifth Edition (DSM-5). Si tratta di un'eccessiva eccitazione genitale persistente che si verifica quando il desiderio sessuale è assente, non vi è alcuna causa nota e l'eccitazione non si risolve con l'orgasmo.

Nel disturbo orgasmico femminile Disturbo dell'orgasmo femminile Il disturbo dell'orgasmo femminile è caratterizzato da un orgasmo assente, infrequente, marcatamente diminuito di intensità o marcatamente ritardato in risposta alla stimolazione malgrado i... maggiori informazioni , l'orgasmo è assente, marcatamente ridotto di intensità o marcatamente ritardato in risposta alla stimolazione, malgrado l'alto livello di eccitazione soggettiva. I sintomi devono comparire durante quasi tutte le attività sessuali e devono essere presenti da ≥ 6 mesi. I disturbi orgasmici acquisiti sono spesso legati a un nuovo disturbo, tra cui disturbi psicologici o comportamentali, o a cambiamenti anatomici (p. es., a causa di cancro o chirurgia). In genere, le donne con disturbo dell'orgasmo hanno livelli normali di desiderio sessuale.

  • Dolore pelvico profondo e tensione durante la penetrazione o dolore urente vulvovaginale superficiale causato da lieve tocco

  • Paura o ansia prima, durante o dopo la penetrazione, che spesso portano a una diminuzione del desiderio sessuale o a evitare l'attività sessuale

  • Un restringimento di riflesso dei muscoli vaginali quando si tenta l'ingresso della vagina, rendendo la penetrazione difficile o impossibile

  • Interesse per l'attività sessuale

  • Avvio dell'attività sessuale e reattività all'iniziazione di un partner

  • Eccitazione o piacere durante quasi tutte le attività sessuali

  • Fantasie o pensieri sessuali o erotici

  • Sensazioni genitali o non genitali durante l'attività sessuale

  • Interesse o eccitazione in risposta a stimoli sessuali o erotici interni o esterni (p. es., scritti, verbali, visivi)

Nella disfunzione sessuale indotta da sostanze/farmaci, la disfunzione sessuale è correlata all'inizio, al cambiamento della dose o alla sospensione di una sostanza o di un farmaco.

Altre disfunzioni sessuali specificate e non specificate comprendono le disfunzioni sessuali che non soddisfano i criteri per le altre categorie.

Un disturbo da disfunzione sessuale è in genere diagnosticato quando i sintomi sono presenti per ≥ 6 mesi e causano disagio significativo. Alcune donne possono non presentare un disturbo o un fastidio a causa di desiderio sessuale, interesse sessuale, eccitamento o orgasmo ridotti o assenti.

Quasi tutte le donne con disfunzioni sessuali presentano le caratteristiche di più di una malattia. Per esempio, il disturbo del dolore genitopelvico/disturbo della penetrazione porta spesso al disturbo di interesse sessuale/eccitazione; un alterato eccitamento può rendere il sesso meno gradevole o persino doloroso, riducendo la probabilità dell'orgasmo e di una successiva motivazione sessuale. Tuttavia, il dolore durante il rapporto sessuale dovuto ad alterata lubrificazione può verificarsi come sintomo isolato in donne con alti livelli di desiderio sessuale, interesse ed eccitamento soggettivo.

I disturbi sessuali femminili possono essere classificati come cronici o acquisiti; situazione-specifici o generalizzati; ed in lievi, moderati o gravi sulla base del grado di sofferenza che comportano nella donna.

Sebbene la ricerca sia limitata, queste patologie sono ugualmente attribuibili a tutte le donne, con rapporti etero e omosessuali.

Eziologia

La tradizionale suddivisione in cause psicologiche e fisiche è artificiale; il disagio psicologico provoca cambiamenti nella fisiologia ormonale e neurologica, e i cambiamenti fisici possono generare reazioni psicologiche che aggravano la disfunzione. Ci sono spesso diverse cause di sintomi entro e tra categorie di disturbi e la causa spesso non è chiara.

Fattori psicologici primari

I disturbi dell'umore sono strettamente correlati al calo dell'interesse e dell'eccitazione. Fino all'80% delle donne con depressione maggiore e disfunzione sessuale, la disfunzione sessuale diventa meno grave quando gli antidepressivi trattano efficacemente la depressione. Tuttavia, la disfunzione sessuale persiste o peggiora quando gli antidepressivi sono inefficaci. Le donne con un disturbo d'ansia hanno anche un numero maggiore di probabilità di avere una disfunzione sessuale che coinvolge l'interesse sessuale, l'eccitazione, l'orgasmo e disturbi del dolore genitopelvico. Una bassa autostima e varie paure (di lasciarsi andare, di essere vulnerabili, di essere rifiutati o di perdere il controllo) possono contribuire.

Esperienze precedenti possono influenzare lo sviluppo psicosessuale di una donna, come negli esempi seguenti:

  • Esperienze sessuali precedenti negative o altre esperienze possono portare a bassa autostima, vergogna o senso di colpa.

  • Abusi emotivi, fisici o sessuali durante l'infanzia o l'adolescenza possono portare le bambine a controllare e nascondere le emozioni, un utile meccanismo di difesa, però questa inibizione può rendere in seguito difficile l'espressione sessuale.

  • La precoce e traumatizzante perdita di un genitore o di un'altra persona cara può inibire l'intimità con un partner sessuale per la paura di una perdita simile.

Anche le preoccupazioni per un esito negativo (p. es., gravidanze indesiderate, infezioni a trasmissione sessuale, incapacità di avere un orgasmo, disfunzione sessuale in un partner) possono mettere in pericolo la risposta sessuale.

Cause contestuali (quelle specifiche alla situazione attuale di una donna) sono le seguenti:

  • Contesto intrapersonale: bassa immagine sessuale di sé (p. es., a causa di infertilità, menopausa precoce, o rimozione chirurgica di un seno, utero, o un'altra parte del corpo associata al sesso)

  • Contesto di una relazione: mancanza di fiducia, sentimenti negativi, o attrazione ridotta verso un partner sessuale (p. es., a causa del comportamento del partner o di una presa di coscienza di un cambiamento di orientamento sessuale)

  • Contesto sessuale: per esempio, ambienti che non sono sufficientemente erotici, privati, o sicuri

  • Contesto culturale: per esempio, restrizioni culturali sull'attività sessuale

Distrazioni e stress emotivo (p. es., relative alla famiglia, al lavoro, o finanziarie) possono interferire con l'eccitazione.

Fattori fisici primari

Diverse lesioni genitali, fattori sistemici e ormonali, e farmaci possono causare o contribuire alla disfunzione (vedi tabella Alcuni fattori fisici che contribuiscono alla disfunzione sessuale femminile Alcuni fattori fisici che contribuiscono alla disfunzione sessuale femminile Alcuni fattori fisici che contribuiscono alla disfunzione sessuale femminile ).

Tabella

La sindrome genitourinaria della menopausa descrive sintomatologia dovuta a carenza di estrogeni e androgeni, come

  • Atrofia vulvovaginale

  • Secchezza vaginale e riduzione della lubrificazione durante il rapporto, che causano dolore

  • Sintomi urinari (p. es., grave disuria, ricorrenti infezioni delle vie urinarie)

La sindrome genitourinaria della menopausa colpisce circa la metà delle donne in menopausa. Bassi livelli di estrogeni possono causare sintomi simili, come nel post-partum o durante i trattamenti con alcuni farmaci come gli inibitori dell'aromatasi.

Diagnosi

  • Colloquio con la donna e il suo partner, separatamente e insieme quando possibile.

  • Esame pelvico

La maggior parte dei disturbi della disfunzione sessuale è diagnosticata sulla base dei criteri clinici descritti dal DSM-5. Questi disturbi comprendono dolore genitopelvico/disturbo della penetrazione, disturbo dell'orgasmo femminile, disturbo di interesse sessuale/eccitazione femminile e disfunzione sessuale indotta da sostanze/farmaci. Per la diagnosi di tutti questi disturbi, non ci deve essere una spiegazione alternativa più probabile per i sintomi; per tutti tranne che per le disfunzioni sessuali indotte da sostanze/farmaci, i sintomi devono essere presenti da ≥ 6 mesi. Se la disfunzione sessuale non soddisfa i criteri per nessuno di questi disturbi, la disfunzione è classificata come altra disfunzione sessuale specificata o non specificata secondo il DSM-5.

La diagnosi di disfunzione sessuale e delle sue cause si basa su anamnesi ed esame obiettivo. I medici devono chiedere di routine circa le disfunzioni sessuali per aiutare a ridurre qualsiasi stigma correlato. Questionari validati, come il Female Sexual Function Index (FSFI), possono aiutare a facilitare questa pratica.

Idealmente, l'anamnesi deve essere raccolta da entrambi i partner, interrogati separatamente e insieme; si comincia chiedendo alla donna di descrivere il problema a parole sue e vanno compresi elementi specifici (vedi tabella Aspetti dell'anamnesi sessuale nella valutazione della disfunzione sessuale femminile Aspetti dell'anamnesi sessuale nella valutazione della disfunzione sessuale femminile Aspetti dell'anamnesi sessuale nella valutazione della disfunzione sessuale femminile ). I medici devono anche ottenere un'anamnesi sessuale dettagliata. Aree problematiche (p. es., passate esperienze sessuali negative, percezione negativa di sé) identificate alla prima visita possono essere studiate con maggiore completezza alle visite di follow up.

Tabella

L'esame obiettivo, compreso l'esame pelvico, viene eseguito per identificare eventuali anomalie ginecologiche che possono causare disfunzione sessuale; questo esame può spesso individuare la sede del dolore. La tecnica può differire lievemente da quella usata in un esame ginecologico di routine. Spiegare ciò che avviene nel corso dell'esame aiuta la donna a rilassarsi e bisogna proseguire anche durante l'esecuzione dell'esame. L'esaminatore può chiedere alla donna se vuole sedersi e vedere i suoi genitali in uno specchio durante l'esame; così facendo si può conferire un senso di controllo.

Durante l'esame, il medico deve ricercare i segni di bassi estrogeni, in particolare l'assottigliamento delle piccole labbra, la perdita del cuscinetto adiposo labiale, la mucosa vaginale pallida e la perdita di pieghe vaginali. Un tampone di cotone umido può essere utilizzato per identificare i punti di dolore sulla vulva e sul vestibolo vulvare.

A meno che non si sospetti un disturbo non diagnosticato, la valutazione iniziale della disfunzione sessuale femminile in genere non richiede una valutazione di laboratorio. Bassi livelli di estrogeni vengono rilevati clinicamente durante l'esame. La funzione sessuale non si associa ai livelli di testosterone, indipendentemente da come vengano misurati. Tuttavia, se clinicamente si sospetta un'iperprolattinemia, il livello di prolattina va misurato. Se si sospetta clinicamente un disturbo della tiroide, vanno eseguiti i test del caso; essi includono l'ormone stimolante la tiroide se si sospetta l' ipotiroidismo Ipotiroidismo L'ipotiroidismo è un deficit di ormone tiroideo. La diagnosi si basa su caratteristiche cliniche tra cui un aspetto tipico del volto, un eloquio rauco e lento e la cute secca e su bassi livelli... maggiori informazioni Ipotiroidismo , la tiroxina (T4) se si sospetta ipertiroidismo Ipertiroidismo L'ipertiroidismo è caratterizzato da una condizione di ipermetabolismo e da elevati livelli sierici di ormoni tiroidei liberi. I sintomi sono numerosi e comprendono tachicardia, astenia, perdita... maggiori informazioni Ipertiroidismo , e, talvolta, altri test di funzionalità tiroidea.

Trattamento

  • Spiegazione della risposta sessuale femminile

  • Correzione dei fattori contribuenti

  • Terapie psicologiche

  • Farmaci

Il trattamento della disfunzione sessuale nelle donne varia a seconda della patologia e delle cause; spesso è necessario più di un trattamento a causa della sovrapposizione tra i disturbi. Anche se i criteri per un particolare disturbo del DSM-5 non sono completamente soddisfatti, il trattamento può aiutare.

La comprensione emotiva e un'attenta valutazione possono essere di per sé terapeutici. Anche insegnare alle donne l'anatomia e la fisiologia sessuale, compreso ciò che è implicato nella risposta sessuale femminile, può essere d'aiuto.

Il trattamento può richiedere un team multidisciplinare, che comprende consulenti sessuali, specialisti del dolore, psicoterapeuti e/o fisioterapisti.

Correggere i fattori contribuenti, se possibile, come per i seguenti:

  • Trattare i disturbi dell'umore

  • Se le donne stanno assumendo un inibitore selettivo della ricaptazione della serotonina, passare a un antidepressivo che ha minori effetti avversi sulla sfera sessuale (p. es., bupropione, meclobemide, mirtazapina, duloxetina) o possibilmente aggiungere il bupropione a un inibitore selettivo della ricaptazione della serotonina

  • Per la disfunzione sessuale indotta da sostanze/farmaci, interrompere la sostanza abusata o cambiare un farmaco da prescrizione

Terapie psicologiche

La terapia cognitivo-comportamentale si rivolge all'auto-visione negativa e spesso catastrofica derivante da malattia (tra cui disturbi ginecologici), o da infertilità.

La mindfulness, una pratica orientale con radici in meditazione buddista, può aiutare. Essa si concentra sulla consapevolezza non giudicante del momento presente. La sua pratica aiuta le donne a liberarsi dalle distrazioni che interferiscono con l'attenzione alle sensazioni sessuali. La mindfulness riduce la disfunzione sessuale in donne sane e in donne che hanno il cancro pelvico o vestibolodinia provocata. Le donne possono essere indirizzate a comunità o risorse di Internet per imparare a praticare la mindfulness. La terapia cognitiva basata sulla mindfulness combina una forma adattata di terapia cognitivo-comportamentale con la mindfulness. Come nella terapia cognitivo-comportamentale, le donne sono incoraggiate a identificare i pensieri disadattivi, ma poi a osservare semplicemente la loro presenza, rendendosi conto che sono solo eventi mentali e potrebbero non riflettere la realtà. Questo approccio può rendere tali pensieri meno fastidiosi. La terapia cognitiva basata sulla mindfulness è usata per prevenire la depressione ricorrente e può essere adattata per il trattamento di disturbi di eccitazione sessuale e disturbo dell'interesse/eccitazione sessuale così come il dolore cronico di vestibolodinia provocata Eziologia .

Alcune donne (p. es., donne con un'anamnesi di abuso sessuale) richiedono una psicoterapia più estesa.

Farmaci

La terapia con estrogeni può essere usata per trattare la disfunzione sessuale in donne con sindrome genitourinaria della menopausa. Le alterazioni atrofiche della vulva e della vagina possono essere trattate con basse dosi di estrogeni vaginali (compresse, gel, creme, anelli). Estrogeni sistemici a bassa dose o estrogeni più progesterone (nelle donne con un utero) possono essere utilizzati se le donne hanno concomitanti sintomi vasomotori della menopausa (p. es., vampate di calore). L'ospemifene (un modulatore selettivo del recettore degli estrogeni) può essere utile nel trattamento della sindrome genitourinaria della menopausa.

La terapia con androgeni può essere presa in considerazione per le donne in postmenopausa con disturbo da interesse sessuale/eccitazione. Viene usato il testosterone transdermico (300 mcg una volta/die). I livelli di testosterone devono essere misurati all'inizio e dopo 3-6 settimane. Si raccomanda un trattamento a breve termine e il testosterone deve essere interrotto se non vi è risposta dopo 6 mesi di utilizzo. È indicato il monitoraggio degli effetti avversi come acne, irsutismo e virilizzazione. I medici devono spiegare chiaramente che le prove sulla terapia con testosterone sono limitate e devono fornire informazioni dettagliate sui suoi effetti dannosi e benefici. La terapia con testosterone deve essere presa in considerazione solo se altri interventi non hanno avuto successo e se la donna è generalmente in buona salute e non ha controindicazioni. L'uso a lungo termine del testosterone non è stato studiato come trattamento per il disturbo di interesse sessuale/eccitazione, e il deidroepiandrosterone sistemico ha dimostrato di essere inefficace. Il prasterone intravaginale (una preparazione di deidroepiandrosterone) può essere utilizzato per le donne in postmenopausa con dispareunia e dolore genitopelvico/disturbo della penetrazione Disturbo del dolore genitopelvico/disturbo della penetrazione Il dolore genitopelvico/disturbo della penetrazione comporta la contrazione involontaria dei muscoli del pavimento pelvico quando si tenta o si completa l'ingresso vaginale (sindrome dell'elevatore... maggiori informazioni ).

Le attuali evidenze sull'uso di androgeni per migliorare la risposta sessuale delle donne sono scarse. Alcune evidenze suggeriscono che la supplementazione di testosterone può modestamente dare beneficio alle donne che hanno un basso interesse sessuale, ma sono in grado di avere esperienze sessuali soddisfacenti. L'attività totale degli androgeni (misurata come metaboliti) è simile in donne con o senza interesse sessuale.

La flibanserina, un agonista/antagonista del recettore della serotonina, può essere usata per trattare le donne in premenopausa senza depressione; tuttavia, in una revisione sistematica, la qualità delle prove di efficacia e sicurezza è stata classificata bassa e l'effetto benefico era minimo (1 Riferimento relativo al trattamento Gli uomini e le donne iniziano o acconsentono ad avere un'attività sessuale per molte ragioni, tra cui la condivisione dell'eccitazione sessuale e del piacere fisico e l'esperienza di affetto... maggiori informazioni ). La flibanserina ha avvertenze "black box" che affermano che l'ingestione di flibanserina e alcol ravvicinati, l'assunzione di flibanserina con un inibitore moderato o forte del CYP3A4 o una compromissione epatica aumenta il rischio di ipotensione e sincope.

Alcune evidenze suggeriscono che le donne con disturbo da interesse sessuale/eccitazione dovuto all'uso di inibitori selettivi della ricaptazione della serotonina possono trarre beneficio dall'aggiunta di bupropione (un inibitore della ricaptazione della noradrenalina-dopamina). Alcune evidenze suggeriscono che se le donne hanno smesso di avere orgasmi quando hanno iniziato a prendere gli inibitori selettivi della ricaptazione della serotonina, il sildenafil (un inibitore della fosfodiesterasi di tipo 5) può aiutarle a raggiungere di nuovo l'orgasmo. Tuttavia, i risultati degli studi sono stati contraddittori; questo farmaco non è raccomandato per questo scopo nella pratica di routine.

Altre terapie

La fisioterapia del pavimento pelvico è un cardine del trattamento delle donne con dolore genitopelvico/disturbo della penetrazione. Il suo scopo è quello di insegnare alle donne a rilassare il pavimento pelvico e diminuire lo spasmo. La fisioterapia del pavimento pelvico comprende l'allenamento dei muscoli del pavimento pelvico, la mobilizzazione dei tessuti molli e il rilascio miofasciale, la pressione del punto di innesco, la stimolazione elettrica, il biofeedback e l'ecografia terapeutica.

Sono disponibili dispositivi da prescrizione e da banco per l'autodilatazione nelle donne con muscoli pelvici tesi, che contribuiscono alla dispareunia nel dolore genitopelvico/disturbo della penetrazione.

A seconda del tipo di disfunzione, possono essere implementate l'allenamento delle abilità sessuali (p. es., l'istruzione nella masturbazione) e gli esercizi per facilitare la comunicazione con un partner circa i bisogni e le preferenze sessuali.

Vari lubrificanti e creme idratanti possono ridurre la secchezza vaginale, che causa dispareunia. Questi trattamenti comprendono oli a base alimentare (p. es., olio di cocco), prodotti a base di silicone e prodotti a base di acqua. Gli oli alimentari non devono essere usati con i preservativi, ma possono essere utilizzati lubrificanti a base di silicone e acqua. Se sono necessari lubrificanti, i medici e la donna devono discutere quale tipo di lubrificante deve usare.

Tranne che in piccoli studi pilota, vi è scarsa evidenza che dispositivi come vibratori o dispositivi di aspirazione del clitoride siano efficaci nelle donne con disturbo di interesse/eccitazione sessuale o disturbo dell'orgasmo; tuttavia, alcuni di questi prodotti sono disponibili al banco e possono essere provati.

Riferimento relativo al trattamento

  • 1. Jaspers L, Feys F, Bramer VM, et al: Efficacy and safety of flibanserin for the treatment of hypoactive sexual desire disorder in women: A systematic review and meta-analysis. JAMA Intern Med 176 (4):453–462, 2016. doi: 10.1001/jamainternmed.2015.8565

Punti chiave

  • La disfunzione sessuale femminile comprende il disturbo di interesse sessuale/eccitazione femminile, il disturbo dell'orgasmo femminile, il dolore genitopelvico/disturbo della penetrazione, la disfunzione sessuale indotta da sostanze/farmaci e altri disturbi specificati e non specificati.

  • Fattori psicologici e fisici di solito contribuiscono alla disfunzione sessuale femminile; essi possono interagire l'uno con l'altro, peggiorando la disfunzione.

  • Fattori psicologici che includono disturbi dell'umore, effetti delle esperienze passate, preoccupazioni circa un esito negativo, circostanze specifiche della donna (p. es., bassa immagine sessuale di sé) e distrazioni.

  • Fattori fisici che comprendono condizioni genitali, fattori sistemici e ormonali e farmaci (in particolare gli inibitori selettivi della ricaptazione della serotonina).

  • Colloquio con entrambi i partner, separatamente e insieme se possibile.

  • Includere terapie psicologiche (p. es., la terapia cognitivo-comportamentale, la mindfulness, la combinazione dei due [terapia cognitiva basata sulla mindfulness]) nel trattamento per la maggior parte dei tipi di disfunzione sessuale femminile.

  • Quando indicato, utilizzare farmaci (p. es., un estrogeno) per trattare alcuni tipi di disfunzione sessuale femminile.

  • Raccomandare la fisioterapia del pavimento pelvico, un cardine del trattamento per il dolore genitopelvico/disturbo da penetrazione, e discutere quali tipi di lubrificanti le donne devono usare, se sono necessari lubrificanti.

Clicca qui per l’educazione dei pazienti
NOTA: Questa è la Versione per Professionisti. CLICCA QUI per accedere alla versione per i pazienti
quiz link

Test your knowledge

Take a Quiz! 
iOS ANDROID
iOS ANDROID
iOS ANDROID
PARTE SUPERIORE