Manuale Msd

Please confirm that you are a health care professional

Caricamento in corso

Panoramica sugli effetti della luce solare

Di

Julia Benedetti

, MD,

  • Harvard Medical School
  • Tufts University School of Medicine

Ultima modifica dei contenuti set 2019
Clicca qui per l’educazione dei pazienti
Risorse sull’argomento

La cute può rispondere alla luce del sole con alterazioni croniche (p. es., dermatoeliosi [fotoinvecchiamento], cheratosi attiniche), o alterazione acute (p. es., fotosensibilità, scottature).

Radiazione ultravioletta

Il sole emette una vasta gamma di radiazioni elettromagnetiche. La maggior parte degli effetti dermatologici della luce solare è causata dalla radiazione UV, che viene divisa in 3 bande: UVA (da 320 a 400 nm), UVB (da 280 a 320 nm) e UVC (da 100 a 280 nm). Poiché l'atmosfera filtra le radiazioni UVC, soltanto le radiazioni UVA e UVB raggiungono la superficie terrestre. Raggiungendo la superficie terrestre, la caratteristica e la quantità dei raggi solari ustionanti (principalmente lunghezze d'onda < 320 nm) variano notevolmente con i seguenti fattori:

  • Condizioni atmosferiche e di superficie

  • Latitudine

  • Stagione

  • Ora del giorno

  • Altitudine

  • Strato dell'ozono

L'esposizione della pelle alla luce solare dipende anche da molteplici fattori riconducibili allo stile di vita (p. es., abbigliamento, professione, attività ricreative).

I raggi che causano ustioni solari sono filtrati dal vetro e in larga misura da nubi spesse, fumo e smog; tuttavia, possono ancora passare attraverso nuvole leggere, nebbia, o 30 cm di acqua limpida, causando potenzialmente ustioni severe. La neve, la sabbia e l'acqua aumentano l'esposizione a causa della riflessione dei raggi solari. L'esposizione è aumentata a basse latitudini (più vicine all'equatore), in estate, e durante le ore centrali del giorno (dalle 10 alle 15), perché in queste condizioni ambientali la luce solare passa attraverso l'atmosfera più direttamente (ossia, con un angolo inferiore). L'esposizione è aumentata anche ad alte quote principalmente a causa di uno strato atmosferico più sottile. L'ozono della stratosfera, che filtra i raggi UV specialmente con le lunghezze d'onda più corte, è ridotto a causa dei clorofluorocarburi prodotti dall'uomo (p. es., nei condizionatori e negli spray). La riduzione dello strato di ozono aumenta la quantità di raggi UVA e UVB che raggiungono la superficie terrestre.

Le lampade abbronzanti utilizzano luce artificiale che è più del tipo UVA che UVB. Questo utilizzo di raggi UVA è spesso pubblicizzato come un modo "più sicuro" per abbronzarsi; tuttavia, molti degli stessi effetti deleteri a lungo termine si verificano esattamente come con l'esposizione agli UVB, compreso il fotoinvecchiamento e il cancro della pelle. La luce UV emessa dai lettini abbronzanti è stata classificata come cancerogena per l'uomo, e l'abbronzatura indoor ha dimostrato di aumentare il rischio di melanoma. Molto semplicemente, non esiste un'abbronzatura "sicura".

Fisiopatologia

Gli effetti avversi dell'esposizione ai raggi UV includono scottature gravi e diversi cambiamenti a lungo termine. I cambiamenti cronici comprendono l'ispessimento della pelle, le rughe, e alcune lesioni come la cheratosi attinica e il cancro. L'esposizione determina anche l'inattivazione e la perdita di cellule epidermiche di Langerhans, che sono una parte importante del sistema immunitario della cute.

Come risposta protettiva all'esposizione alla luce solare, l'epidermide si ispessisce e i melanociti producono il pigmento melanico in quantità maggiore, causando quello che comunemente viene chiamato "abbronzatura". L'abbronzatura fornisce una certa protezione naturale contro le radiazioni UV, ma per il resto non produce alcun beneficio alla salute.

Le persone differiscono molto nella loro sensibilità e nella loro risposta all'esposizione solare, in base principalmente alla quantità di melanina presente nella loro cute. La cute è stata classificata in 6 fototipi (da I a VI) in base alla progressiva minore sensibilità al danno solare. La classificazione si basa sulle variabili interconnesse di colore della pelle, sensibilità agli UV e risposta all'esposizione solare (vedi tabella Classificazione di Fitzpatrick del tipo di pelle). La cute di fototipo I è bianca o molto leggermente pigmentata, molto sensibile alla luce UV, non presenta alcuna pigmentazione immediata, si ustiona sempre facilmente e non si abbronza mai. La cute di fototipo VI è marrone scuro o nero, è la più protetta dai raggi UV, ed è di colore scuro intenso nero-marrone con o senza esposizione al sole. Tuttavia, le persone di pelle scura non sono immuni agli effetti del sole e la pelle pigmentata di scuro può sviluppare danni solari con un'esposizione forte o prolungata. Gli effetti a lungo termine dell'esposizione ai raggi UV in persone di pelle scura sono gli stessi di quelli riscontrati nelle persone di pelle chiara, ma compaiono spesso in ritardo e sono meno gravi perché la melanina nella loro pelle fornisce una protezione naturale agli UV.

Le persone con capelli biondi o rossi sono particolarmente suscettibili agli effetti acuti e cronici delle radiazioni UV. In molte delle persone con i capelli chiari si verifica un'irregolare attivazione dei melanociti che determina la comparsa di lentiggini.

Non vi è alcuna pigmentazione della pelle nelle persone affette da albinismo a causa di un difetto nel metabolismo della melanina. Chiazze di depigmentazione sono presenti in pazienti con vitiligine a causa della distruzione immunologica dei melanociti. Questi e qualsiasi altro gruppo di persone che non sono in grado di produrre melanina a un ritmo rapido e completo sono particolarmente sensibili ai danni del sole.

Tabella
icon

Classificazione di Fitzpatrick del tipo di pelle

Tipo di pelle

Caratteristiche tipiche

Capacità di abbronzarsi

I

Pelle bianca pallida; capelli rossi o biondi; occhi blu/verdi; lentiggini

Brucia sempre, non si abbronza mai

II

Pelle chiara; capelli rossi o biondi; occhi blu, nocciola o verdi

Brucia facilmente, si abbronza con difficoltà

III

Bianco più scuro; qualsiasi colore degli occhi o dei capelli

A volte lieve scottatura, si abbronza gradualmente

IV

Pelle marrone chiaro

Brucia solo leggermente, si abbronza facilmente

V

Pelle scura

Raramente brucia, si abbronza facilmente

VI

Pelle marrone scuro o nera

Non brucia mai, si abbronza sempre molto facilmente

Prevenzione

Evitare il sole, indossare indumenti protettivi, e applicare creme con schermi solari si aiuta a ridurre al minimo l'esposizione ai raggi UV.

Evitare il sole

Semplici precauzioni aiutano a prevenire le scottature solari e gli effetti cronici della luce solare. Queste precauzioni sono raccomandate per le persone con ogni tipo di pelle, in particolare per quelle che sono di pelle chiara e che si ustionano facilmente. L'esposizione al sole luminoso di mezzogiorno e di altri ambienti con UV intensi ( Panoramica sugli effetti della luce solare : Radiazione ultravioletta) deve essere ridotto al minimo (30 minuti o meno) persino per le persone con carnagione scura. Nelle zone temperate, l'intensità dei raggi UV è meno pericolosa prima delle 10 del mattino e dopo le 3 di pomeriggio, poiché vengono filtrate le radiazioni con le lunghezze d'onda maggiormente responsabili delle scottature solari. La nebbia e le nuvole non riducono significativamente il rischio. Questo aumenta alle alte quote e alle basse latitudini (p. es., all'equatore).

Anche se l'esposizione al sole aiuta a generare la vitamina D, molti esperti raccomandano il mantenimento di livelli adeguati di vitamina D mediante il consumo di integratori, se necessario, piuttosto che l'aumento intenzionale dell'esposizione al sole.

Indumenti protettivi

L'esposizione della pelle alle radiazioni UV può essere minimizzata attraverso l'uso di coperture protettive come cappelli, magliette, pantaloni e occhiali da sole. I tessuti con trama molto fitta riparano meglio dal sole rispetto ai tessuti a trama larga. Sono disponibili in commercio indumenti speciali che forniscono una protezione solare elevata. Questo tipo di abbigliamento è etichettato con fattore di protezione ultravioletta seguito da un numero che indica il livello di protezione (simile all'etichettatura della protezione solare). I cappelli a larga tesa contribuiscono a proteggere il viso, le orecchie e il collo, ma queste aree necessitano ancora di una protezione supplementare con una crema solare per uso topico. L'uso regolare di occhiali da sole avvolgenti, protettivi dagli UV, aiuta a riparare occhi e palpebre.

Filtri solari

Le creme con filtri solari aiutano a proteggere la pelle dalle scottature e dai danni cronici del sole, tramite l'assorbimento o riflettendo i raggi UV del sole. Filtri solari più datati tendevano a filtrare solo raggi UVB, ma la maggior parte dei filtri solari più recenti ora filtra efficacemente anche i raggi UVA ed è etichettata come "ad ampio spettro". Negli Stati Uniti, l'FDA (Food and Drug Administration) valuta i filtri solari con il fattore di protezione solare: più alto è il numero, maggiore è la protezione. Il fattore di protezione solare quantifica soltanto la protezione verso l'esposizione agli UVB; negli Stati Uniti non esiste una scala per la protezione dagli UVA. La gente deve generalmente usare uno schermo solare ad ampio spettro con un fattore di protezione solare di 30 o più.

Gli schermi solari sono disponibili in un'ampia varietà di formulazioni, come creme, gel, schiume, spray, polveri e stick. Gli ingredienti del filtro solare funzionano assorbendo e/o riflettendo la luce. I prodotti autoabbronzanti non forniscono una protezione significativa dall'esposizione agli UV.

I filtri solari chimici comprendono ingredienti che assorbono le radiazioni UV. I cinnamati, i salicilati e i derivati dell'acido para-aminobenzoico forniscono protezione dagli UVB. I benzofenoni sono comunemente utilizzati per fornire protezione da UVB e dalle onde corta UVA. Possono essere aggiunti avobenzone e filtro ecamsule nell'intervallo UVA e per fornire ulteriore protezione da UVA.

Il blocco fisico (filtri solari minerali) riflette o disperde la luce, e contiene, tra gli ingredienti, l'ossido di zinco e il diossido di titanio, che riflettono fisicamente sia i raggi UVB che UVA. Sebbene le formulazioni di questi prodotti fossero in precedenza molto bianche e pastose quando applicate, la micronizzazione e la nanotecnologia hanno permesso loro di formare uno strato più trasparente fornendo allo stesso tempo una protezione ad ampio spettro.

Si ritiene che tutti gli ingredienti dei filtri solari chimici siano assorbiti, in una certa misura, per via sistemica. Anche se si ritiene che la maggior parte degli ingredienti abbia effetti avversi minimi, per alcuni si è riscontrato un rischio potenziale, e altri sono attualmente in fase di studio. Per le persone preoccupate per l'assorbimento sistemico, si possono preferire i filtri solari minerali che non sono stati micronizzati, perché le loro molecole sono troppo grandi per essere assorbite attraverso la pelle.

L'inefficacia degli schermi solari è frequente e di solito deriva da un'applicazione insufficiente del prodotto, da un'applicazione troppo tardiva (occorre applicare gli schermi solari in modo ottimale 30 minuti prima dell'esposizione), dalla mancata riapplicazione dopo il nuoto o l'attività fisica, o dalla mancata riapplicazione ogni 2 o 3 h durante l'esposizione al sole.

Possono avvenire reazioni allergiche o fotoallergiche con schermi solari che contengono filtri chimici e vanno distinte dalle altre eruzioni cutanee da fotosensibilità. Per la diagnosi può essere necessario eseguire il patch test o il fotopatch test con i componenti degli schermi solari. Questi test vengono di solito effettuati da dermatologi con esperienza nel campo della dermatite allergica da contatto.

Clicca qui per l’educazione dei pazienti
NOTA: Questa è la Versione per Professionisti. CLICCA QUI per accedere alla versione per i pazienti
Ottieni

Potrebbe anche Interessarti

SOCIAL MEDIA

PARTE SUPERIORE