Manuale Msd

Please confirm that you are not located inside the Russian Federation

Caricamento in corso

Principi della terapia antitumorale

Di

Robert Peter Gale

, MD, PhD, Imperial College London

Ultima revisione/verifica completa lug 2018| Ultima modifica dei contenuti ago 2018
per accedere alla Versione per i professionisti
I fatti in Breve
NOTA: Questa è la Versione per i pazienti. CLICCA QUI per accedere alla Versione per i professionisti
per accedere alla Versione per i professionisti

La terapia antitumorale è uno degli aspetti più complessi dell’assistenza medica. Coinvolge un’equipe di vari medici in collaborazione fra loro (per esempio, medici di base, ginecologi o altri specialisti, oncologi, chirurghi oncologici, oncologi radioterapeuti e patologi) e molti altri operatori sanitari (quali infermieri, radioterapisti, fisioterapisti, assistenti sociali e farmacisti).

Il trattamento prevede di prendere in considerazione il tipo di tumore, compresa la sede, lo stadio, le caratteristiche genetiche, nonché le caratteristiche specifiche del soggetto da trattare.

Le decisioni inerenti il trattamento prendono in considerazione anche altri fattori, tra cui

  • La probabilità di guarire o di prolungare la vita quando la guarigione non è possibile

  • L’effetto del trattamento sui sintomi

  • Gli effetti collaterali del trattamento

  • La volontà del soggetto

Le persone sottoposte a terapia antitumorale sperano di ottenere il risultato migliore e di vivere il più a lungo possibile con la migliore qualità di vita. Le persone, però, devono essere consce del fatto che il trattamento comporta dei rischi. Dovrebbero discutere dei loro desideri in merito alle cure mediche con tutti i medici da cui sono seguite, prendendo parte alle decisioni in merito al trattamento (e indicare preventivamente per iscritto la propria volontà).

Al momento della diagnosi, il trattamento mira ad asportare completamente, se possibile, il tumore (attraverso un unico trattamento o un’associazione di chirurgia, radioterapia, chemioterapia e, talvolta, nuovi trattamenti antitumorali). Il trattamento, talvolta, mira anche a eliminare le cellule tumorali in altre parti del corpo, anche quando non vi è alcun segno di tali cellule.

Perfino nel caso in cui non sia possibile guarire la malattia, i sintomi spesso possono essere alleviati da un trattamento che migliora la qualità della vita (terapia palliativa). Per esempio, se un tumore non può essere rimosso chirurgicamente, la radioterapia può ridurne le dimensioni, attenuando temporaneamente il dolore e i sintomi dovuti all’interessamento dei tessuti vicini (sintomi locali).

Data la complessità dei vari trattamenti, sono stati sviluppati approcci terapeutici specifici, definiti protocolli di trattamento, al fine di garantire alle persone la terapia più efficace e sicura. I protocolli di trattamento fanno sì che le persone possano ricevere un approccio standard alla cui base vi sono precisi esperimenti scientifici. I protocolli generalmente vengono creati e affinati mediante le sperimentazioni cliniche. Grazie alla sperimentazione clinica, i medici possono confrontare nuovi farmaci e combinazioni terapeutiche con i trattamenti standard per stabilire se tali nuovi trattamenti siano più efficaci. Alle persone affette da tumore viene spesso offerta l’opportunità di partecipare a tali sperimentazioni, ma non tutti i pazienti con cancro sono idonei alla partecipazione ad una sperimentazione clinica.

Risposta al trattamento antitumorale

Una risposta completa (remissione) si manifesta quando un cancro scompare per un certo periodo di tempo dopo il trattamento. I medici controllano regolarmente i soggetti che sono in trattamento o stati trattati per il cancro. Tali controlli consistono solitamente in esami di diagnostica per immagini ed esami di laboratorio per monitorare la risposta del tumore al trattamento e per identificare rapidamente un tumore qualora questo si ripresenti.

Alcuni tumori secernono proteine rilevabili nel flusso sanguigno. Queste sostanze sono chiamate marcatori tumorali. Un esempio è costituito dal PSA, l’antigene prostatico specifico. I livelli di PSA aumentano negli uomini affetti da tumore della prostata. La maggior parte dei marcatori tumorali non è abbastanza specifica per essere utilizzata nello screening (test per la rilevazione del tumore prima della comparsa dei sintomi) o nella diagnosi del tumore, poiché la presenza di queste sostanze nel sangue può essere determinata da una serie di disturbi diversi dal tumore. I marcatori tumorali (come il PSA e l’antigene tumorale CA 125 del carcinoma ovarico) possono aiutare i medici a valutare la risposta di una persona al trattamento. Se il marcatore tumorale era presente prima del trattamento, ma è assente in un campione di sangue prelevato dopo il trattamento, questo è stato probabilmente efficace. Se inizialmente scompare e in seguito ricompare, probabilmente il tumore si è ripresentato.

La guarigione è chiaramente l’esito migliore. Guarire significa che tutte le tracce del cancro scompaiono senza lasciare traccia, per non ripresentarsi durante il lungo periodo di osservazione. Nel caso di alcuni tipi di cancro, i medici parlano di guarigione se le persone rimangono libere dalla malattia per 5 anni o più. Con altre forme, è necessario un periodo più lungo, prima che il soggetto sia considerato guarito.

In caso di risposta parziale, la dimensione o la diffusione del cancro (ad esempio, come rilevata da esami di diagnostica per immagini quali radiografia, tomografia computerizzata [TC] e tomografia a emissione di positroni [PET]) si è ridotta di oltre la metà, anche se il cancro rimane visibile negli studi di diagnostica per immagini. Le persone che rispondono parzialmente presentano normalmente meno sintomi e possono avere un prolungamento della sopravvivenza, anche se il cancro si riforma nella maggior parte dei casi. La durata della risposta è valutata in base al tempo che intercorre tra la comparsa di risposta parziale e il momento in cui il cancro inizia ad aumentare di dimensioni e a diffondersi di nuovo.

In alcune persone, il trattamento non produce né una risposta completa né una parziale, ma il cancro non aumenta né si diffonde e la persona può non avvertire nuovi sintomi per un lungo periodo di tempo. Anche una risposta di questo tipo è considerata positiva. In caso di risposta negativa, il tumore continua a crescere di dimensioni o a diffondersi in nuove sedi nonostante il trattamento.

La recidiva si manifesta quando un cancro che era completamente scomparso, si ripresenta.

L’intervallo libero da malattia è l’intervallo che intercorre tra la completa scomparsa del cancro e il suo ripresentarsi.

Il tempo di sopravvivenza totale è l’intervallo di tempo dalla diagnosi di cancro al momento del decesso.

Alcuni tipi di cancro, come il tumore della mammella o i linfomi (tumori dei linfonodi) vengono denominati responsivi in quanto rispondono bene alla chemioterapia o alla radioterapia. Altri tumori, come il melanoma (un tipo di tumore della pelle) o i tumori maligni del cervello vengono chiamati resistenti in quanto solo poche persone rispondono alla chemioterapia o alla radioterapia. I tumori del tratto intestinale e dei polmoni spesso rispondono inizialmente alla chemioterapia ma, successivamente, sviluppano resistenza nonostante la continuazione del trattamento.

NOTA: Questa è la Versione per i pazienti. CLICCA QUI per accedere alla Versione per i professionisti
per accedere alla Versione per i professionisti
Ottieni

Potrebbe anche Interessarti

Video

Vedi Tutto
Catetere venoso centrale/Catetere centrale inserito...
Video
Catetere venoso centrale/Catetere centrale inserito...
La chemioterapia prevede l’uso di farmaci per distruggere le cellule tumorali. Solitamente...
Panoramica sui tumori
Video
Panoramica sui tumori

SOCIAL MEDIA

PARTE SUPERIORE