Manuale Msd

Please confirm that you are a health care professional

Caricamento in corso

Intossicazione da funghi

Di

Gerald F. O’Malley

, DO, Grand Strand Regional Medical Center;


Rika O’Malley

, MD, Albert Einstein Medical Center

Ultima modifica dei contenuti apr 2020
Clicca qui per l’educazione dei pazienti
NOTA: Questa è la Versione per Professionisti. CLICCA QUI per accedere alla versione per i pazienti

Numerose specie di funghi determinano effetti tossici se ingerite. I sintomi variano in base alle specie. L'identificazione delle diverse specie è difficile, per cui il trattamento solitamente è guidato dai sintomi.

In natura distinguere le specie tossiche da quelle non tossiche è difficile, anche per le persone con grande esperienza. Le regole popolari non sono affidabili, inoltre le stesse specie presentano gradi differenti di tossicità a seconda del luogo e del momento di raccolta. Se i pazienti hanno ingerito funghi non noti, identificare la specie può indirizzare verso uno specifico trattamento. Tuttavia, poiché un esperto micologo per un consulto immediato è raramente reperibile, il trattamento dei pazienti che manifestano sintomi, dopo aver mangiato dei funghi, è solitamente dettato dalla clinica. Se è disponibile un campione del fungo, residuo del cibo oppure recuperato dall'aspirato gastrico del paziente, questo può essere inviato a un micologo per il riconoscimento.

Tutti i funghi tossici causano vomito e dolore addominale; gli altri sintomi variano in modo significativo a seconda del tipo di fungo coinvolto. Generalmente, i funghi che causano sintomi precoci (entro 2 h) sono meno pericolosi di quelli che provocano sintomi più tardivamente (in genere dopo 6 h).

La terapia per la maggior parte degli avvelenamenti da funghi è sintomatica e di supporto. Il carbone attivato può essere utile a limitare l'assorbimento. Numerosi antidoti sono stati testati, soprattutto per le specie di Amanita, ma nessuno ha mostrato risultati costantemente positivi.

Sintomi gastrointestinali iniziali

I funghi che causano sintomi gastrointestinali precoci (p. es., Chlorophyllum molybdites, e piccoli funghi scuri che spesso crescono nei prati) causano gastroenteriti, a volte con cefalea o mialgie. La diarrea è talvolta sanguinolenta.

I sintomi si risolvono tipicamente in 24 h.

Il trattamento è di supporto.

Sintomi neurologici iniziali

I funghi che causano sintomi neurologici precoci comprendono i funghi allucinogeni, abitualmente ingeriti a scopo voluttuario, che contengono psilocibina, un allucinogeno. I più frequenti sono i funghi del genere Psilocybe, ma anche altri generi contengono la psilocibina.

I sintomi iniziano entro 15-30 minuti e si manifestano con euforia, immaginazione esaltata e allucinazioni. Sono comuni tachicardia e ipertensione e nei bambini può comparire iperpiressia; comunque, gravi complicanze sono rare.

Il trattamento a volte comprende la sedazione (p. es., con benzodiazepine).

Sintomi muscarinici iniziali

I funghi che causano sintomi muscarinici precoci comprendono i membri dei generi Inocybe e Clitocybe.

I sintomi possono comprendere miosi, broncorrea, bradicardia, diaforesi, sibili e fascicolazioni (sindrome SLUDGE, salivation, lacrimation, urination, defecation, gastrointestinal, emesis) (vedi tabella Sindromi tossiche comuni). I sintomi di solito sono lievi, compaiono entro 30 minuti e si risolvono entro 12 h.

Per trattare i gravi sintomi muscarinici (p. es., sibili, bradicardia) viene somministrata atropina.

Sintomi gastrointestinali ritardati

I funghi che causano sintomi gastrointestinali tardivi comprendono i membri dei generi Amanita, Gyromitra, e Cortinarius.

Tra la specie di Amanita quella più tossica è Amanita phalloides, responsabile del 95% dei decessi per intossicazione da funghi. La gastroenterite iniziale, che può comparire tra 6 e 12 h dopo l'ingestione, può essere grave; si può sviluppare ipoglicemia. I sintomi iniziali si riducono per alcuni giorni; successivamente si sviluppa un'insufficienza epatica e talvolta un'insufficienza renale. La terapia iniziale prevede infusione di liquidi, uno stretto monitoraggio della glicemia e la somministrazione di dosi ripetute di carbone attivato. Il trattamento dell'insufficienza epatica richiede il trapianto epatico; altri trattamenti specifici (p. es., N-acetilcisteina, penicillina ad alte dosi, silibinina, emulsione lipidica EV) non sono di provata efficacia.

I funghi Amanita smithiana causano gastroenterite tardiva, di solito 6 a 12 h dopo l'ingestione, e insufficienza renale acuta (di solito entro 1-2 settimane dopo l'ingestione) che spesso richiede la dialisi.

I funghi della specie Gyromitra possono provocare ipoglicemia contemporaneamente o poco dopo l'insorgenza della gastroenterite. Ulteriori manifestazioni comprendono tossicità a carico del sistema nervoso centrale (p. es., convulsioni) e, dopo pochi giorni, sindrome epato-renale. La terapia iniziale prevede infusione di liquidi, uno stretto monitoraggio della glicemia e la somministrazione di dosi ripetute di carbone attivato. I sintomi neurologici sono trattati con piridossina 70 mg/kg per infusione lenta EV in 4-6 h (dose massima giornaliera di 5 g); l'insufficienza epatica viene trattata con terapia di supporto.

I funghi della specie Cortinarius sono originari in Europa. La gastroenterite persiste per 3 giorni. L'insufficienza renale, con dolore lombare e riduzione della diuresi, si manifesta da 3 a 20 giorni dopo l'ingestione. L'insufficienza renale talvolta si risolve spontaneamente.

Clicca qui per l’educazione dei pazienti
NOTA: Questa è la Versione per Professionisti. CLICCA QUI per accedere alla versione per i pazienti
Ottieni

Potrebbe anche Interessarti

Video

Vedi Tutto
Come esaminare la caviglia
Video
Come esaminare la caviglia
Modelli 3D
Vedi Tutto
Sistema muscolo-scheletrico completo
Modello 3D
Sistema muscolo-scheletrico completo

SOCIAL MEDIA

PARTE SUPERIORE