Manuale Msd

Please confirm that you are a health care professional

Caricamento in corso

Criptorchidismo

(Testicoli ritenuti)

Di

Ronald Rabinowitz

, MD, University of Rochester Medical Center;


Jimena Cubillos

, MD, University of Rochester School of Medicine and Dentistry

Ultima modifica dei contenuti feb 2019
Clicca qui per l’educazione dei pazienti
NOTA: Questa è la Versione per Professionisti. CLICCA QUI per accedere alla versione per i pazienti
Risorse sull’argomento

Il criptorchidismo è l'impossibilità di uno o entrambi i testicoli a scendere nello scroto; è tipicamente accompagnata da ernia inguinale. La diagnosi è ottenuta tramite l'esame obiettivo, a volte seguito dalla laparoscopia. Il trattamento è l'orchiopessi chirurgico.

Il criptorchidismo colpisce circa il 3% dei neonati a termine e fino al 30% dei neonati pretermine; due terzi dei testicoli ritenuti scenderanno spontaneamente entro i primi 4 mesi di vita. Così, circa lo 0,8% dei neonati di sesso maschile richiede un trattamento.

L'ottanta per cento di criptorchidismi sono diagnosticati alla nascita. Il resto viene diagnosticato durante l'infanzia o nella prima adolescenza; questi sono di solito causati da un gubernaculo accessorio ectopico e si manifestano dopo lo scatto di crescita somatica.

Fisiopatologia

Normalmente, i testicoli si sviluppano a 7-8 settimane di gestazione e rimangono al di sopra dell'anello inguinale interno fino a circa 28 settimane, quando cominciano la discesa in sede scrotale guidati da un mesenchima condensato (il gubernaculum). L'inizio della discesa è dato da stimoli ormonali (p. es., androgeni, fattore inibente di Müller), fisici (p. es., regressione del gubernaculum, pressione intra-addominale), e ambientali (p. es., esposizione materna a sostanze estrogeniche o antiandrogene).

Il vero testicolo ritenuto rimane nel canale inguinale lungo la via di discesa, o meno comunemente nella cavità addominale o nel retroperitoneo. Un testicolo ectopico è così detto poiché discende normalmente attraverso l'anello esterno ma devia verso una posizione anomala e si trova al di fuori del normale tragitto di discesa del canale (p. es., in sede sovrapubica, nella tasca inguinale superficiale, nel perineo o lungo la faccia interna della coscia).

Complicanze

I testicoli ritenuti possono provocare ipofertilità e sono associati al carcinoma del testicolo, principalmente nel testicolo ritenuto e soprattutto con malposizione intra-addominale. Tuttavia, nei pazienti con un testicolo ritenuto, il 10% dei tumori si sviluppa nel lato normale. Nei casi non trattati di testicoli intra-addominali, può verificarsi la torsione del testicolo, che si presenta come un addome acuto. Quasi tutti i neonati che hanno un testicolo ritenuto alla nascita presentano anche un'ernia inguinale (processo pervio).

Eziologia

I testicoli ritenuti sono quasi sempre idiopatici. Circa il 10% dei casi è bilaterale; il sospetto deve essere elevato per virilizzazione femminile causata da iperplasia surrenalica congenita, in soggetti fenotipicamente maschi, che alla nascita presentano testicoli non palpabili (specialmente se associata a ipospadia).

Sintomatologia

In circa l'80% dei casi, lo scroto sul lato interessato è vuoto alla nascita; nei restanti casi, c'è un testicolo palpabile nello scroto alla nascita che con la crescita tende a risalire a causa di un'inserzione ectopica del gubernaculum che ne impedisce la normale "discesa" nello scroto. L'ernia inguinale associata a criptorchidismo è raramente sintomatica, ma la pervietà del canale inguinale è spesso identificabile, in particolare nei neonati (tuttavia meno frequentemente in quelli con testicoli ectopici ritenuti).

Diagnosi

  • Valutazione clinica

  • Talvolta laparoscopia

  • Raramente ecografia o RM

Tutti i ragazzi devono avere una valutazione testicolare alla nascita e successivamente ogni anno per valutare la posizione testicoli e la crescita.

I testicoli ritenuti ed ectopici devono essere distinti dai testicoli ipermobili (retrattili), che sono nello scroto ma si spostano facilmente nel canale inguinale con il riflesso cremasterico. La diagnosi di criptorchidismo viene effettuata sulla base dell'esame obiettivo; un ambiente caldo, mani dell'esaminatore calde, e un paziente rilassato sono importanti per evitare di stimolare la retrazione del testicolo.

Nei pazienti con un testicolo non palpabile unilaterale, la discesa di un testicolo più grande dell'atteso suggerisce la presenza di un testicolo ritenuto atrofico; la conferma richiede un intervento chirurgico di solito attraverso una laparoscopia diagnostica per vedere un testicolo intra-addominale o per confermare un'agenesia testicolare. Tuttavia, l'esplorazione scrotale o inguinale a volte è eseguita se si sospetta un residuo testicolare distale all'anello inguinale interno.

Per testicoli non palpabili bilaterali, i pazienti nel periodo neonatale immediato devono essere valutati per un possibile disturbo della differenziazione sessuale (deve essere considerata una valutazione di un endocrinologo pediatrico). Se è viene escluso un disturbo della differenziazione sessuale, la laparoscopia è spesso necessario per identificare testicoli che si trovano nell'addome per eseguire un'orchidopessi bilaterale può essere eseguita.

Trattamento

  • Riparazione chirurgica

Per un testicolo ritenuto palpabile, il trattamento è l'orchiopessi chirurgica, in cui il testicolo è portato in sede scrotale e ivi suturato; viene anche riparata l'associata ernia inguinale.

Per un testicolo ritenuto non palpabile, viene effettuata una laparoscopia addominale; se è presente il testicolo, viene spostato nello scroto. Se è atrofico (di solito il risultato di una torsione testicolare prenatale), si rimuove il tessuto.

L'intervento chirurgico deve essere effettuato a circa 6 mesi di età perché un intervento precoce aumenta la fertilità potenziale e può ridurre il rischio di cancro. Inoltre, più piccolo è il bambino, minore è la distanza necessaria per posizionare i testicoli nello scroto.

L'intervento non è richiesto per i testicoli ipermobili (retrattili), fino a quando la lunghezza dei cordoni spermatici è sufficiente a far rimanere i testicoli in posizione scrotale senza trazione, quando non è stimolato il riflesso cremasterico. L'ipermobilità solitamente si risolve entro la pubertà senza alcun trattamento, quando l'aumento del volume dei testicoli rende la retrazione più difficile.

Punti chiave

  • Il criptorchidismo colpisce circa il 3% dei neonati a termine e fino al 30% dei neonati pretermine; due terzi dei testicoli ritenuti scenderanno spontaneamente.

  • I testicoli ritenuti possono provocare ipofertilità e un aumentato rischio di carcinoma del testicolo (anche nel testicolo disceso).

  • La valutazione clinica è di solito sufficiente; l'imaging è raramente indicato.

  • Il trattamento consiste nella riparazione chirurgica.

Clicca qui per l’educazione dei pazienti
NOTA: Questa è la Versione per Professionisti. CLICCA QUI per accedere alla versione per i pazienti
Ottieni

Potrebbe anche Interessarti

Video

Vedi Tutto
Circolazione del cuore prenatale
Video
Circolazione del cuore prenatale
Il cuore e il sistema circolatorio di un feto iniziano a formarsi subito dopo il concepimento...
Modelli 3D
Vedi Tutto
Fibrosi cistica: difettoso trasporto di cloruro
Modello 3D
Fibrosi cistica: difettoso trasporto di cloruro

SOCIAL MEDIA

PARTE SUPERIORE