Manuale Msd

Please confirm that you are a health care professional

Caricamento in corso

Disturbo da comportamento ripetitivo focalizzato sul corpo

Di

Katharine A. Phillips

, MD, Weill Cornell Medical College;


Dan J. Stein

, MD, PhD, University of Cape Town

Ultima modifica dei contenuti giu 2018
Clicca qui per l’educazione dei pazienti

Il disturbo da comportamento ripetitivo focalizzato sul corpo è caratterizzato da comportamenti ripetitivi incentrati sul corpo (p. es., mangiarsi le unghie, mordersi le labbra, mordersi le guance) e tentavi di fermare tali comportamenti.

Il disturbo del comportamento ripetitivo focalizzato sul corpo è un esempio di altro specifico disturbo ossessivo-compulsivo correlato, come elencato nel Diagnostic and Statistical Manual of Mental Disorders, Fifth Edition (DSM-5). Il DSM-5 classifica i disturbi da tricotillomania (disturbo dello strapparsi i capelli) e di escoriazione (skin-picking) come disturbi separati; questi comportamenti sono anche tipi di comportamenti ripetitivi incentrati sul corpo.

Sintomatologia

I pazienti con questo disturbo si impegnano più volte in attività incentrate sul corpo (p. es., mangiarsi le unghie, mordersi le labbra, mordersi le guance).

Alcuni pazienti si concentrano su queste attività piuttosto automaticamente (ossia, senza la piena consapevolezza); altri sono più consapevoli di tali attività. I comportamenti non sono innescati da ossessioni o dubbi circa l'aspetto, ma possono essere preceduti da una sensazione di tensione o ansia che viene alleviata dal comportamento, che è spesso accompagnato anche da un sentimento di gratificazione. Le persone con disturbo del comportamento ripetitivo incentrato sul corpo in genere cercano di fermare il loro comportamento o farlo meno spesso, ma non sono in grado di farlo.

Mangiarsi le unghie in modo grave o strapparsi le unghie (onicotillomania) possono causare deformità significative alle unghie (p. es., la deformità dell'unghia "washboard", o unghie habit-tic) ed emorragie subungueali.

Diagnosi

  • Criteri clinici

Per soddisfare i criteri diagnostici del disturbo comportamentale ripetitivo focalizzato sul corpo, i pazienti devono tipicamente

  • Presentare comportamenti ripetitivi focalizzati sul corpo diversi dallo strapparsi i capelli o dalla dermatillomania

  • Attuare ripetuti tentativi di ridurre o interrompere i comportamenti

  • Provare disagio significativo o menomazione dall'attività

Trattamento

  • N-Acetilcisteina

  • Inibitori della ricaptazione della serotonina

  • Terapia cognitivo-comportamentale (di solito l'inversione delle abitudini)

Il trattamento del disturbo del comportamento ripetitivo incentrato sul corpo include farmaci (p. es., N-acetilcisteina, inibitori selettivi della ricaptazione della serotonina) e terapia cognitivo-comportamentale (il più delle volte l'allenamento per l'inversione delle abitudini), sebbene i dati siano molto limitati. L'inversione delle abitudini, una terapia prevalentemente comportamentale, include quanto segue:

  • Educazione alla consapevolezza (p. es., automonitoraggio, identificazione dei trigger per il comportamento)

  • Controllo dello stimolo (modifica delle situazioni, p. es., evitando i fattori scatenanti per ridurre la probabilità di iniziare il processo di escoriazione)

  • Educazione per la risposta in competizione (insegnare ai pazienti a sostituire altri comportamenti, come stringere il pugno, lavorare a maglia o sedersi sulle mani, per il comportamento incentrato sul corpo)

Il trattamento è simile a quello per tricotillomania (disturbo dell'estrazione dei capelli) e escoriazione (affinamento della pelle).

Punti chiave

  • Il disturbo del comportamento ripetitivo focalizzato sul corpo comprende l'impegnarsi ripetitivamente in attività incentrate sul corpo come mangiarsi le unghie, mordersi le labbra, mordersi le guance.

  • Questi comportamenti focalizzati sul corpo non sono innescati da ossessioni o dubbi circa l'aspetto, ma possono essere preceduti da una sensazione di tensione o ansia che viene alleviata dai comportamenti, spesso seguiti da una sensazione di gratificazione.

  • I pazienti con questo disturbo tipicamente cercano di interrompere il loro comportamento o farlo meno spesso, ma non ci riescono.

  • Trattare usando N-acetilcisteina o un inibitore selettivo della ricaptazione della serotonina e con la terapia cognitivo-comportamentale includendo l'inversione dell'abitudine.

Clicca qui per l’educazione dei pazienti
NOTA: Questa è la Versione per Professionisti. CLICCA QUI per accedere alla versione per i pazienti
Ottieni

Potrebbe anche Interessarti

SOCIAL MEDIA

PARTE SUPERIORE