Manuale Msd

Please confirm that you are a health care professional

Caricamento in corso

Cheratite puntata superficiale

Di

Melvin I. Roat

, MD, FACS, Sidney Kimmel Medical College at Thomas Jefferson University

Ultima modifica dei contenuti ago 2018
Clicca qui per l’educazione dei pazienti
NOTA: Questa è la Versione per Professionisti. CLICCA QUI per accedere alla versione per i pazienti

La cheratite puntata superficiale consiste in un'infiammazione corneale, dovuta a diverse cause, e caratterizzata da perdita o danno epiteliale diffusi, fini, punteggiati. I sintomi comprendono arrossamento, lacrimazione, fotofobia e lenta diminuzione della vista. La diagnosi si fonda sull'esame con lampada a fessura. Il trattamento dipende dalla causa.

La cheratite puntata superficiale è un reperto aspecifico. Le cause possono comprendere:

I sintomi comprendono fotofobia, sensazione di corpo estraneo, lacrimazione, arrossamento e lenta riduzione della vista. L'esame della cornea con la lampada a fessura o con l'oftalmoscopio rivela un caratteristico aspetto velato con punteggiature multiple che si colorano con fluoresceina. La congiuntivite virale può associarsi alla chemosi congiuntivale e alla linfoadenopatia preauricolare.

La cheratite che accompagna la congiuntivite da adenovirus si risolve spontaneamente in circa 3 settimane. La blefarite, la cheratocongiuntivite secca, e il tracoma richiedono una terapia specifica. Se causata da eccessivo uso di lenti a contatto, la cheratite viene trattata mediante l'interruzione dell'uso delle lenti a contatto e con una pomata antibiotica (p. es., ciprofloxacina 0,3% 4 volte/die), ma l'occhio non deve essere coperto a causa dell'incidenza di gravi infezioni. Occorre che i portatori di lenti a contatto con cheratite puntata superficiale vengano esaminati il giorno successivo. Qualunque terapia topica in atto che si possa ritenere la causa scatenante della cheratite (principio attivo o conservante) deve essere sospesa.

Cheratite da ultravioletti

La luce UVB (lunghezza d'onda < 300 nm) può ustionare la cornea, causando cheratite o cheratocongiuntivite. La saldatura ad arco è una causa diffusa; anche una breve saldatura eseguita senza l'adeguata protezione può determinare un'ustione. Altre cause possibili comprendono scintille elettriche ad alto voltaggio, lampade abbronzanti e luce solare riflessa dalla neve a elevata altitudine. La radiazione UV aumenta del 4-6% per ogni 305 m di altitudine sopra il livello del mare, e la neve riflette l'85% degli UVB.

I sintomi in genere non sono evidenti per 8-12 h dopo l'esposizione e durano 24-48 h. I pazienti presentano lacrimazione, dolore, arrossamento, tumefazione palpebrale, fotofobia, cefalea, sensazione di corpo estraneo e riduzione della vista. La perdita permanente della vista è molto rara.

La diagnosi si basa su anamnesi, presenza di cheratite puntata superficiale e assenza di corpi estranei o infezione.

Il trattamento consiste nell'applicazione di una pomata antibiotica (p. es., bacitracina o pomata gentamicina 0,3% ogni 8 h) e, occasionalmente, di un farmaco cicloplegico a breve durata d'azione (p. es., una goccia di ciclopentolato 1% ogni 4 h). Il dolore intenso può richiedere analgesici sistemici (p. es., acetaminofene [paracetamolo] 500 mg ogni 4 h per 24 h). La superficie corneale si rigenera spontaneamente in 24-48 h. L'occhio deve essere ricontrollato dopo 24 h. Per la prevenzione si utilizzano occhiali scuri o una maschera da saldatore.

Clicca qui per l’educazione dei pazienti
NOTA: Questa è la Versione per Professionisti. CLICCA QUI per accedere alla versione per i pazienti
Ottieni

Potrebbe anche Interessarti

Video

Vedi Tutto
Come eseguire la cantotomia laterale
Video
Come eseguire la cantotomia laterale
Glaucoma
Video
Glaucoma
All'interno dell'occhio ci sono due camere piene di liquido. Il fluido intraoculare, o liquido...

SOCIAL MEDIA

PARTE SUPERIORE