Manuale Msd

Please confirm that you are a health care professional

honeypot link

Cheratite puntata superficiale

Di

Melvin I. Roat

, MD, FACS, Sidney Kimmel Medical College at Thomas Jefferson University

Ultima modifica dei contenuti mag 2020
Clicca qui per l’educazione dei pazienti

La cheratite puntata superficiale consiste in un'infiammazione corneale, dovuta a diverse cause, e caratterizzata da perdita o danno epiteliale diffusi, fini, punteggiati. I sintomi comprendono arrossamento, lacrimazione, fotofobia e lenta diminuzione della vista. La diagnosi si fonda sull'esame con lampada a fessura. Il trattamento dipende dalla causa.

La cheratite puntata superficiale è un reperto aspecifico. Le cause possono comprendere:

I sintomi comprendono fotofobia, sensazione di corpo estraneo, lacrimazione, arrossamento e lenta riduzione della vista. L'esame della cornea con la lampada a fessura o con l'oftalmoscopio rivela un caratteristico aspetto velato con punteggiature multiple che si colorano con fluoresceina. La congiuntivite virale può associarsi alla chemosi congiuntivale e alla linfoadenopatia preauricolare.

La cheratite che accompagna la congiuntivite da adenovirus si risolve spontaneamente in circa 3 settimane. La blefarite, la cheratocongiuntivite secca, e il tracoma richiedono una terapia specifica. Se causata da eccessivo uso di lenti a contatto, la cheratite viene trattata mediante l'interruzione dell'uso delle lenti a contatto e con una pomata antibiotica (p. es., ciprofloxacina 0,3% 4 volte/die), ma l'occhio non deve essere coperto a causa dell'incidenza di gravi infezioni. Occorre che i portatori di lenti a contatto con cheratite puntata superficiale vengano esaminati il giorno successivo. Qualunque terapia topica in atto che si possa ritenere la causa scatenante della cheratite (principio attivo o conservante) deve essere sospesa.

Cheratite da ultravioletti

La luce ultravioletta (lunghezza d'onda < 300 nm) può ustionare la cornea, causando cheratite o cheratocongiuntivite. La saldatura ad arco è una causa diffusa; anche una breve saldatura eseguita senza l'adeguata protezione può determinare un'ustione. Altre cause possibili comprendono scintille elettriche ad alto voltaggio, lampade abbronzanti e luce solare riflessa dalla neve a elevata altitudine. La radiazione UV aumenta del 4-6% per ogni 305 m di altitudine sopra il livello del mare, e la neve riflette l'85% degli UVB.

I sintomi in genere non sono evidenti per 8-12 h dopo l'esposizione e durano 24-48 h. I pazienti presentano lacrimazione, dolore, arrossamento, tumefazione palpebrale, fotofobia, cefalea, sensazione di corpo estraneo e riduzione della vista. La perdita permanente della vista è molto rara.

La diagnosi si basa su anamnesi, presenza di cheratite puntata superficiale e assenza di corpi estranei o infezione.

Il trattamento consiste nell'applicazione di una pomata antibiotica (p. es., bacitracina o pomata gentamicina 0,3% ogni 8 h) e, occasionalmente, di un farmaco cicloplegico a breve durata d'azione (p. es., una goccia di ciclopentolato 1% ogni 4 h). Il dolore intenso può richiedere analgesici sistemici (p. es., acetaminofene [paracetamolo] 500 mg ogni 4 h per 24 h). La superficie corneale si rigenera spontaneamente in 24-48 h. L'occhio deve essere ricontrollato dopo 24 h. Per la prevenzione si utilizzano occhiali scuri o una maschera da saldatore.

Clicca qui per l’educazione dei pazienti
NOTA: Questa è la Versione per Professionisti. CLICCA QUI per accedere alla versione per i pazienti
Ottieni

Metti alla prova la tua conoscenza

Retinopatia ipertensiva
La retinopatia ipertensiva è un danno vascolare retinico causato dall’ipertensione. L’ipertensione cronica, scarsamente controllata, può causare anomalie trasversali arterovenose (incrocio arterovenoso). L’incrocio arterovenoso è un importante fattore predisponente per lo sviluppo di quale delle seguenti patologie dell’occhio?

Potrebbe anche Interessarti

PARTE SUPERIORE