Manuale Msd

Please confirm that you are a health care professional

Caricamento in corso

Pidocchi

(Pediculosi)

Di

James G. H. Dinulos

, MD, Geisel School of Medicine at Dartmouth

Ultima modifica dei contenuti set 2018
Clicca qui per l’educazione dei pazienti
NOTA: Questa è la Versione per Professionisti. CLICCA QUI per accedere alla versione per i pazienti
Risorse sull’argomento

I pidocchi possono infestare il cuoio capelluto, il corpo, il pube e le ciglia. I pidocchi del capo si trasmettono per contatto; quelli del corpo vengono trasmessi in condizioni soffocanti e di sovraffollamento; infine, quelli pubici sono trasmessi per via sessuale. La sintomatologia, i segni, la diagnosi e il trattamento differiscono in base alla sede di infestazione.

I pidocchi sono privi di ali, sono insetti che succhiano il sangue, infestano la testa (Pediculus humanus var. capitis), il corpo (P. humanus var. corporis), o il pube (Phthirus pubis). Le 3 tipologie di pidocchi differiscono notevolmente sul piano morfologico e clinico ( Uno sguardo ravvicinato ai pidocchi.). Il pidocchio della testa e quello del pube vivono direttamente nell'ospite; il pidocchio del corpo vive sugli indumenti. Tutti i tipi sono presenti in tutto il mondo.

Pidocchi del capo

Uno sguardo ravvicinato ai pidocchi.

Uno sguardo ravvicinato ai pidocchi.

I pidocchi della testa sono più frequenti fra le bambine di età tra i 5 e gli 11 anni, ma possono colpire quasi tutti i soggetti; le infestazioni sono meno comuni nei soggetti di popolazione nera. I pidocchi della testa possono essere trasmessi da persona a persona per contatto stretto (come avviene tra conviventi nelle famiglie e tra i compagni di classe) e possono essere eiettati dai capelli dal vento o dall'elettricità statica; la trasmissione attraverso queste vie (oppure per condivisione di pettini, di spazzole e di cappelli) è probabile ma non dimostrata. Non c'è correlazione tra la pediculosi della testa e la scarsa igiene o il basso livello socioeconomico.

Di regola, l'infestazione interessa i capelli e il cuoio capelluto, ma possono coinvolgere altre aree del pelo. L'infestazione attiva di solito comprende 20 pidocchi e provoca un intenso prurito. Nella maggior parte dei casi, l'esame obiettivo è normale, ma può evidenziare escoriazioni del cuoio capelluto e un'adenopatia cervicale posteriore.

La diagnosi si basa sulla dimostrazione della presenza di pidocchi vivi. I pidocchi sono identificati pettinando i capelli bagnati a partire dal cuoio capelluto con un pettine a denti fitti (distanza dei denti di circa 0,2 mm); di solito i pidocchi si trovano sulla nuca o in sede retroauricolare. Le lendini sono visibili più comunemente e appaiono ovoidali, uova bianco-grigiastre adese alla base dei follicoli piliferi. Ciascun pidocchio adulto femmina deposita 3-5 uova/die, per cui normalmente le lendini superano ampiamente il numero dei pidocchi e non sono un indice di gravità dell'infestazione.

Il trattamento è descritto nella tabella Alternative terapeutiche per i pidocchi. La resistenza ai farmaci è frequente e deve essere trattata con ivermectina orale e provando ad alternare i pediculocidi. Dopo aver applicato un pediculicida topico, le lendini sono rimosse utilizzando un pettine a denti stretti sui capelli bagnati (pettinatura bagnata). La scomparsa o l'ablazione delle lendini vive (vitali) è importante per prevenire le re-infestazioni; le lendini vive hanno un aspetto fluorescente all'illuminazione con lampada di Wood. Gran parte dei pedicolicidi uccidono anche le lendini. Le lendini morte rimangono dopo un trattamento efficace e non sono indicative di infezione in atto; e non devono essere rimosse. Poiché, con il tempo, crescono lontano dal cuoio capelluto, l'assenza di lendini a meno di 0,6 cm dal cuoio capelluto esclude che sia in atto un'infestazione attiva. È stato dimostrato che l'aria calda è in grado di uccidere > 88% dei pidocchi, ma la sua efficacia nell'uccidere i pidocchi già nati è variabile. Trenta minuti di aria calda, leggermente più fresca di un asciugacapelli, può essere una misura efficace aggiuntiva per trattare i pidocchi del capo.

Non sono univoci i pareri circa la necessità di pulire gli oggetti personali dei soggetti con pidocchi o lendini e la necessità di allontanare dalla scuola i bambini portatori di pidocchi o lendini; non esistono dati conclusivi a favore di entrambi gli approcci. Tuttavia, alcuni esperti consigliano la sostituzione di oggetti personali o una pulizia accurata, seguita da essiccazione a 54° C circa per 30 min. Gli elementi che non possono essere lavati possono essere inseriti in sacchetti di plastica chiusi ermeticamente per 2 settimane per uccidere i pidocchi, che vivono solo circa 10 giorni.

Pediculosi del corpo

I pidocchi del corpo vivono in primo luogo nelle lenzuola e negli indumenti, e non sulle persone, e sono trovati più frequentemente in condizioni di ristrettezza, di sovraffollamento (p. es., le caserme) e in soggetti di basso livello socioeconomico. La trasmissione avviene per condivisione di indumenti e di lenzuola contaminati. I pidocchi del corpo sono i principali vettori di tifo epidemico, febbre delle trincee, e di febbre ricorrente.

I pidocchi del corpo causano prurito; i segni sono costituiti da piccole punture di colore rosso dovute ai morsi, solitamente associate a segni lineari da graffiamento, a pomfi orticarioidi o a infezione batterica superficiale. Le lesioni si rinvengono principalmente a livello delle spalle, dei glutei, e dell'addome. Le lendini possono essere presenti sui peli del corpo.

La diagnosi viene formulata in base alla dimostrazione di pidocchi e lendini negli indumenti, specialmente a livello delle cuciture.

Il trattamento primario consiste nella pulizia accurata (p. es., pulizia seguita da asciugatura a 65°) o nella sostituzione di indumenti e di lenzuola, che è spesso difficile perché i soggetti colpiti frequentemente dispongono di risorse modeste e di scarso controllo del loro ambiente.

Pidocchi del pube

I pidocchi del pube ("granchi") sono trasmessi per via sessuale negli adolescenti e negli adulti e possono essere trasmessi ai bambini con uno stretto contatto dei genitori. Essi possono anche essere trasmessi da fomiti (fonti di contagio) (p. es., asciugamani, biancheria, abbigliamento). Quasi sempre infestano i peli del pube e della regione perianale, ma possono diffondersi alle cosce, al tronco e ai peli del volto e dei capelli (barba, baffi, e ciglia).

Immagini di pidocchi pubici

La pediculosi pubica causa il prurito. I segni obiettivi sono scarsi, ma alcuni pazienti presentano escoriazioni e linfoadenopatia regionale e/o linfadenite. Macule grigio bluastre della pelle, pallide (maculae ceruleae) sul tronco, sui glutei e sulle cosce sono causate dall'attività anticoagulante della saliva del pidocchio, mentre si alimenta; esse sono infrequenti, ma caratteristiche dell'infestazione. L'infestazione delle ciglia si manifesta con il prurito, il bruciore e l'irritazione degli occhi.

La diagnosi viene formulata con la dimostrazione di lendini e/o pidocchi all'ispezione ravvicinata (con la lampada di Wood) o con esame al microscopio. Un segno a sostegno dell'infestazione è la disseminazione di feci di colore marrone scuro (emesse dai pidocchi) sulla cute o sulla biancheria intima.

Il trattamento è descritto nella tabella Alternative terapeutiche per i pidocchi. Il trattamento dell'infestazione delle palpebre e delle ciglia è spesso problematico e implica l'uso di vaselina, di fisostigmina unguento, di ivermectina orale o l'asportazione meccanica dei pidocchi con delle pinzette. Anche i partner sessuali devono essere trattati.

Tabella
icon

Alternative terapeutiche per i pidocchi

Terapia

Istruzioni

Commenti

Pidocchi, della testa

Malation 0,5%

Applicare sui capelli asciutti e sul cuoio capelluto, lavare e sciacquare dopo 8-12 h, fare lo shampoo su cuoio capelluto, e rimuovere le lendini

Si può ripetere dopo 7-9 giorni se sono ancora repertate lendini vive (lendini una distanza inferiore a un 1/4 di pollice di distanza dal cuoio capelluto)

Trattamento altamente efficace, ma non di 1a linea a causa di infiammabilità e di odori sgradevoli

Permetrina, altri piretroidi, piretrine*

Lavare i capelli e applicare sui capelli umidi, appena dietro le orecchie e sulla nuca; lavare dopo 10 min

Si può ripetere dopo 7 giorni se vengono ancora repertate lendini vive (una distanza inferiore a un 1/4 di pollice di distanza dal cuoio capelluto)

Controindicata in pazienti sensibili alle piante appartenenti alla famiglia del crisantemo

Pettinatura umida con un pettine di metallo per pidocchi

Deve essere associata a tutte le terapie

Shampoo al lindano 1%v

Applicare lo shampoo, lasciare la schiuma per 4-5 min, risciacquare e pettinare con pettine a denti fitti

Ripetere dopo 1 settimana

Aumentata resistenza al farmaco

In genere, non si osserva tossicità (p. es., crisi comiziali) nel trattamento della pediculosi del capo, tuttavia non è raccomandato in bambini di età < 2 anni, in persone con un comizialità incontrollata, o in donne in gravidanza o durante l'allattamento

Non può essere usato sulle ciglia

Ivermectina

200 mcg/kg per via orale per 1 dose

Ripetere dopo 7-10 giorni

Utile per le pediculosi resistenti

Detergente Cetaphil®

Applicare, attendere 2 min, rimuovere con il pettine, asciugare i capelli con l'asciugacapelli, aspettare 8 h, poi effettuare uno shampoo e rimuovere le lendini con un pettine umido

Ripetere settimanalmente se necessario

Pidocchi del corpo

Trattamento del prurito e dell'infezione secondaria

Non sono utilizzati trattamenti locali perché i pidocchi del corpo si trovano nell'abbigliamento

Lavare i vestiti e la biancheria e asciugarla ad almeno 65° C

Lavaggio a secco o stiratura dei vestiti

Pidocchi del pube

Shampoo al lindano 1% (60 mL)

Come per la pediculosi del capo

Come per la pediculosi del capo

Shampoo a base di piretrine con butossido di piperonile* (60 mL)

Applicare sulla cute e sui capelli asciutti, lasciare per 10 min, sciacquare, ripetere dopo 7-10 giorni

Non applicare più di 2 volte in 24 h

Permetrina 1% (60 mL) crema

Come per la pediculosi del capo

Si deve ripetere dopo 10 giorni

Pidocchi delle ciglia

Vaselina unguento

Applicare 3-4 volte/die per 8-10 giorni

Gocce di fluoresceina al 10-20%

Applicate sulle palpebre

Fornisce un effetto pediculicida immediato

*Le piretrine sono componenti naturali di fiori di crisantemo, con una forte attività insetticida, i piretroidi sono parenti sintetici e naturali della piretrina e la permetrina è un piretroide sintetico comunemente usato. Le piretrine sono combinate con un derivato dell'acido piperico (piperonilbutossido) per migliorarne l'efficacia.

Punti chiave

  • I pidocchi del capo e quelli pubici vivono sulle persone, mentre i pidocchi del corpo vivono sui capi di abbigliamento.

  • Confermare la diagnosi di pediculosi visualizzando pidocchi vivi o lendini vive.

  • Il trattamento della pediculosi del capo e pubica consiste nell'uso di scabicidi topici (p. es., un piretroide) o, raramente, di ivermectina orale.

  • Trattare i pidocchi del corpo in modo sintomatico ed eliminando la fonte di pidocchi.

Clicca qui per l’educazione dei pazienti
NOTA: Questa è la Versione per Professionisti. CLICCA QUI per accedere alla versione per i pazienti
Ottieni

Potrebbe anche Interessarti

Video

Vedi Tutto
Come drenare un ematoma subungueale
Video
Come drenare un ematoma subungueale

SOCIAL MEDIA

PARTE SUPERIORE