Manuale Msd

Please confirm that you are a health care professional

Caricamento in corso

Paronichia cronica

Di

Chris G. Adigun

, MD,

  • Board-Certified Dermatologist
  • Dermatology & Laser Center of Chapel Hill

Ultima modifica dei contenuti ago 2019
Clicca qui per l’educazione dei pazienti
Risorse sull’argomento

La paronichia cronica è l'infiammazione ricorrente o persistente del solco ungueale, solitamente delle dita delle mani.

La paronichia cronica è una patologia infiammatoria del tessuto periungueale. Compare in genere in soggetti con mani cronicamente umide (p. es., lavapiatti, baristi, domestici), soprattutto se hanno eczema alle mani, sono diabetici o immunodepressi. Spesso è presente la Candida ma il suo ruolo eziologico non è chiaro; l'eradicazione dei miceti non sempre coincide con la risoluzione del processo patologico. Potrebbe trattarsi di una dermatite irritativa con colonizzazione fungina secondaria.

La piega ungueale può essere rossa e dolente con ripetuti episodi di infiammazione, e spesso diventa fibrotica. A differenza della paronichia acuta, la raccolta purulenta non è quasi mai presente. Si verifica spesso una perdita della cuticola e un notevole scollamento del solco ungueale dalla placca ungueale. Questa separazione lascia uno spazio che permette l'ingresso di agenti irritanti e di microrganismi. L'unghia può diventare distrofica a lungo termine.

La diagnosi di paronichia è clinica.

Manifestazioni della paronichia cronica

Trattamento

  • Evitare agenti irritanti ed eccessiva esposizione all'acqua

  • Corticosteroidi o tacrolimus topici

  • A volte corticosteroidi intralesionali e farmaci antifungini

  • Per le malattie gravi o refrattarie, intervento chirurgico

Evitare sostanze irritanti ed eccessiva esposizione all'acqua aiuta la ricrescita della cuticola e la chiusura dello spazio tra solco e placca ungueale. Se è necessario venire a contatto con l'acqua si ricorre a guanti o a creme a effetto barriera.

Farmaci topici che possono contribuire a migliorare il quadro clinico sono i corticosteroidi e il tacrolimus 0,1% (un inibitore della calcineurina). Le iniezioni intralesionali di corticosteroidi nell'ipertrofia della piega ungueale prossimale possono accelerare il miglioramento. I trattamenti antimicotici vengono aggiunti alla terapia solo per prevenire un'eventuale colonizzazione micotica.

I casi gravi o refrattari possono richiedere un intervento chirurgico (1).

Se non vi è alcuna risposta alla terapia ed è affetto un solo dito, un carcinoma a cellule squamose deve essere considerato come diagnosi differenziale e deve essere praticata una biopsia.

Riferimento relativo al trattamento

Clicca qui per l’educazione dei pazienti
NOTA: Questa è la Versione per Professionisti. CLICCA QUI per accedere alla versione per i pazienti
Ottieni

Potrebbe anche Interessarti

SOCIAL MEDIA

PARTE SUPERIORE