Manuale Msd

Please confirm that you are not located inside the Russian Federation

Caricamento in corso

Adenomiosi

Di

Charlie C. Kilpatrick

, MD, MEd, Baylor College of Medicine

Ultima revisione/verifica completa lug 2019| Ultima modifica dei contenuti lug 2019
per accedere alla Versione per i professionisti

Si definisce adenomiosi lo sviluppo di tessuto di ghiandole della mucosa uterina (endometrio) nella parete muscolare dell’utero. L’utero s’ingrandisce, talvolta, raggiungendo dimensioni pari a due o tre volte la norma.

Non è chiaro quante donne presentino adenomiosi, in parte a causa della difficoltà della sua diagnosi.

L’adenomiosi provoca sintomi solamente in alcune donne, solitamente quelle tra i 35 e i 50 anni di età. Alcune donne con adenomiosi presentano anche endometriosi o fibromi.

La causa dell’adenomiosi è sconosciuta. L‘adenomiosi può essere più comune tra le donne che hanno avuto più di una gravidanza.

Sintomi

I sintomi di adenomiosi comprendono mestruazioni abbondanti e dolorose (dismenorrea), dolori vaghi nella regione pelvica e sensazione di pressione sulla vescica e sul retto. A volte, il rapporto sessuale è doloroso.

I sintomi solitamente scompaiono o diminuiscono dopo la menopausa.

Diagnosi

  • Ecografia o risonanza magnetica per immagini

Si sospetta la diagnosi di adenomiosi quando in corso di visita ginecologica si riscontra un utero ingrossato, di forma arrotondata e più soffice del normale.

La diagnosi di adenomiosi solitamente si basa sui risultati dell’ecografia o della risonanza magnetica per immagini (RMI) pelvica. L’ecografia viene spesso eseguita inserendo una sonda ecografica in vagina (la cosiddetta ecografia transvaginale).

Tuttavia, per una diagnosi definitiva di adenomiosi il medico deve esaminare i tessuti prelevati dall'utero. L’unico modo per ottenere questi tessuti è rimuovere l'utero (isterectomia).

Trattamento

  • Un dispositivo intrauterino a base di levonorgestrel

  • Pillole anticoncezionali

  • In caso di sintomi gravi, isterectomia

L’uso di un dispositivo intrauterino (IUD) che rilascia un ormone femminile sintetico chiamato levonorgestrel può aiutare a controllare il sanguinamento e i cicli mestruali dolorosi. Il medico può consigliare l'assunzione di pillole anticoncezionali (contraccettivi orali).

Contro il dolore si ricorre agli analgesici.

Se i sintomi sono gravi, si effettua un’isterectomia. Un’isterectomia allevia completamente i sintomi.

NOTA: Questa è la Versione per i pazienti. CLICCA QUI per accedere alla Versione per i professionisti
per accedere alla Versione per i professionisti
Ottieni

Potrebbe anche Interessarti

Video

Vedi Tutto
Cerotto anticoncezionale
Video
Cerotto anticoncezionale
L’apparato riproduttivo femminile comprende utero, tube di Fallopio e ovaie. Le ovaie sono...
Modelli 3D
Vedi Tutto
Sindrome dell’ovaio policistico
Modello 3D
Sindrome dell’ovaio policistico

SOCIAL MEDIA

PARTE SUPERIORE