Manuale Msd

Please confirm that you are not located inside the Russian Federation

Caricamento in corso

Panoramica sulle malattie vascolari del fegato

Di

Nicholas T. Orfanidis

, MD, Thomas Jefferson University Hospital

Ultima revisione/verifica completa ott 2018| Ultima modifica dei contenuti ott 2018
per accedere alla Versione per i professionisti
NOTA: Questa è la Versione per i pazienti. CLICCA QUI per accedere alla Versione per i professionisti
per accedere alla Versione per i professionisti
Risorse sull’argomento

Il fegato riceve l’ossigeno e i nutrienti di cui ha bisogno dal sangue trasportato da due grandi vasi sanguigni:

  • vena porta

  • arteria epatica

La vena porta fornisce circa i due terzi del sangue. Questo sangue contiene ossigeno e molti nutrienti provenienti dall’intestino e trasportati al fegato per essere metabolizzati. L’arteria epatica fornisce il terzo rimanente del sangue. Questo sangue ricco di ossigeno proviene dal cuore e fornisce al fegato circa la metà del fabbisogno di ossigeno. Poiché il fegato riceve sangue da due vasi sanguigni, è più protetto: se uno di questi vasi sanguigni dovesse danneggiarsi, spesso il fegato può continuare a funzionare perché riceve l’ossigeno e i nutrienti dall’altro vaso.

Vascolarizzazione del fegato

Vascolarizzazione del fegato

Il sangue esce dal fegato attraverso le vene epatiche. Questo sangue è una mescolanza del sangue proveniente dall’arteria epatica e dalla vena porta. Le vene epatiche trasportano il sangue alla vena cava inferiore, la vena più grande del corpo, che poi trasporta il sangue proveniente dall’addome e dalle parti basse del corpo alla parte destra del cuore.

Le patologie dei vasi sanguigni (vascolari) del fegato dipendono da uno scarso flusso sanguigno, in entrata o in uscita dal fegato. Se il problema è l’efflusso ematico dal fegato, il sangue ristagna nel fegato provocando una congestione che può avere come esito un fegato ingrossato. In entrambi i casi, le cellule epatiche non ricevono sangue a sufficienza (ischemia) e sono quindi deprivate di ossigeno e nutrienti. Nella colangiopatia ischemica sono i dotti biliari a non ricevere sangue a sufficienza.

Sapevate che...

  • A differenza del resto del corpo, il fegato è l’unico organo che riceve la maggior parte del proprio fabbisogno di ossigeno da una vena.

Un insufficiente flusso sanguigno, in entrata o in uscita dal fegato, può dipendere da un’insufficienza cardiaca o da patologie che rendono più probabile la coagulazione del sangue (coagulopatie). Nelle coagulopatie, un coagulo può ostruire la vena porta o la vena epatica, rallentando o bloccando il flusso sanguigno. I disturbi legati alle ostruzioni dei vasi sanguigni comprendono

  • La sindrome di Budd-Chiari, che insorge quando i coaguli di sangue bloccano il flusso del sangue proveniente dal fegato

  • La trombosi della vena porta, che è un’ostruzione o un restringimento della vena porta (il vaso sanguigno che porta il sangue dall’intestino al fegato) dovuto a un coagulo di sangue

  • La sindrome da ostruzione sinusoidale, che insorge quando i capillari all’interno del fegato sono ostruiti

NOTA: Questa è la Versione per i pazienti. CLICCA QUI per accedere alla Versione per i professionisti
per accedere alla Versione per i professionisti
Ottieni

Potrebbe anche Interessarti

Video

Vedi Tutto
Panoramica sull’epatite autoimmune
Video
Panoramica sull’epatite autoimmune
Modelli 3D
Vedi Tutto
All’interno del fegato
Modello 3D
All’interno del fegato

SOCIAL MEDIA

PARTE SUPERIORE