Manuale Msd

Please confirm that you are not located inside the Russian Federation

honeypot link

Fegato

Di

Christina C. Lindenmeyer

, MD, Cleveland Clinic

Ultima revisione/verifica completa ott 2019| Ultima modifica dei contenuti ott 2019
per accedere alla Versione per i professionisti
I fatti in Breve
Risorse sull’argomento

Il fegato è un organo a forma di cuneo ed è l’organo più grande, e in un certo senso il più complesso, del corpo umano. Funge da industria chimica dell’organismo, svolgendo molte funzioni vitali, a partire dal controllo della quantità delle sostanze chimiche presenti nel corpo fino alla sintesi dei fattori che permettono la coagulazione del sangue (fattori della coagulazione) in caso di emorragie. (Vedere anche Panoramica sul fegato e sulla cistifellea Panoramica sul fegato e sulla cistifellea Il fegato e la cistifellea occupano la parte superiore destra dell’addome e sono collegati tra loro da dotti noti come vie biliari, che confluiscono nel primo tratto dell’intestino tenue (il... maggiori informazioni ).

Funzioni del fegato

Il fegato produce circa la metà del colesterolo dell’organismo. Il resto proviene dal cibo. La maggior parte del colesterolo prodotto dal fegato è utilizzato per sintetizzare la bile, un liquido giallo-verdastro, denso e vischioso che aiuta la digestione. Inoltre, il colesterolo è necessario per la sintesi di alcuni ormoni, come gli estrogeni, il testosterone e gli ormoni surrenalici, ed è un componente indispensabile di ogni membrana cellulare. Il fegato produce altre sostanze, tra cui le proteine necessarie all’organismo per mantenere le proprie funzioni. Per esempio, i fattori della coagulazione sono proteine necessarie per arrestare il sanguinamento. L’albumina è una proteina necessaria per mantenere la pressione del torrente ematico.

Gli zuccheri vengono immagazzinati nel fegato come glicogeno e quindi scissi e rilasciati in circolo sotto forma di glucosio quando necessario, per esempio, in caso di eccessiva riduzione dei livelli glicemici come avviene durante il sonno o dopo molte ore di digiuno.

Il fegato inoltre scompone (catabolizza) le sostanze dannose o tossiche (tossine) assorbite dall’intestino o prodotte altrove nell’organismo, per eliminarle in forma innocua nella bile o nel sangue. I sottoprodotti escreti nella bile entrano nell’intestino, per poi lasciare l’organismo sotto forma di feci. I prodotti del catabolismo immessi nel sangue vengono filtrati dai reni e poi eliminati con le urine. Il fegato inoltre trasforma chimicamente (metabolizza) i farmaci (vedere Metabolismo dei farmaci Metabolismo dei farmaci Il metabolismo dei farmaci consiste nell’alterazione chimica di un farmaco da parte dell’organismo. (Vedere anche Introduzione a Somministrazione dei farmaci e farmacocinetica). Alcuni farmaci... maggiori informazioni ), spesso rendendoli inattivi o permettendo che vengano facilmente escreti dall’organismo.

Vascolarizzazione del fegato

Il fegato riceve sangue direttamente dall’intestino, nonché dal cuore, come tutti gli altri organi. Il sangue proveniente dall’intestino contiene quasi tutto ciò che viene assorbito dall’intestino stesso, tra cui nutrienti, farmaci e talvolta tossine. Questo sangue scorre in piccoli capillari presenti nella parete intestinale e si riversa nella vena porta, che entra nel fegato. Successivamente, il sangue scorre attraverso una struttura reticolare, costituita da piccoli canali, presente all’interno del fegato, in cui i nutrienti e le tossine vengono metabolizzati.

L’arteria epatica convoglia il sangue dal cuore al fegato. Il sangue trasporta ossigeno destinato al tessuto epatico, nonché colesterolo e altre sostanze che devono essere metabolizzate. Nei tessuti del fegato, il sangue proveniente dall’intestino si mescola a quello proveniente dal cuore per poi rifluire al cuore stesso attraverso la vena epatica.

NOTA: Questa è la Versione per i pazienti. CLICCA QUI per accedere alla Versione per i professionisti
per accedere alla Versione per i professionisti
Ottieni
Metti alla prova la tua conoscenza
Colecistite
La colecistite, che può essere acuta o cronica, è una infiammazione della cistifellea, di solito causata dalla presenza di un calcolo biliare che ostruisce il dotto cistico. Quale tra queste affermazioni è corretta per la colecistite cronica ma non per quella acuta?

Potrebbe anche Interessarti

PARTE SUPERIORE