Manuale Msd

Please confirm that you are not located inside the Russian Federation

Caricamento in corso

Effetti dell’invecchiamento sul fegato

Di

Christina C. Lindenmeyer

, MD, Cleveland Clinic

Ultima revisione/verifica completa ott 2019| Ultima modifica dei contenuti ott 2019
per accedere alla Versione per i professionisti

Con l’invecchiamento, compaiono diverse alterazioni microscopiche e strutturali del fegato. (Vedere anche Panoramica sul fegato e sulla cistifellea per una presentazione della normale funzionalità del fegato e della cistifellea). Ad esempio, il colore del fegato cambia da marrone chiaro a marrone scuro. Le dimensioni e il flusso sanguigno si riducono. Nonostante ciò, i test epatici rimangono generalmente normali.

Con l’invecchiamento la capacità del fegato di metabolizzare molte sostanze si riduce. Pertanto, alcuni farmaci non vengono inattivati con la stessa velocità negli anziani rispetto ai giovani. Ne consegue che una dose di farmaco che non avrebbe effetti collaterali nei giovani potrebbe indurre effetti collaterali correlati al dosaggio negli anziani (vedere Invecchiamento e farmaci). Per tale motivo, negli anziani è spesso necessaria una diminuzione dei dosaggi farmacologici. Inoltre, la capacità del fegato di sopportare lo stress si riduce. Pertanto, le sostanze tossiche per il fegato possono essere più dannose negli anziani che nei giovani. La ripresa funzionale delle cellule epatiche danneggiate risulta più lenta negli anziani.

Con l’invecchiamento la produzione e il flusso di bile si riducono. Per tale motivo, è più probabile che si formino calcoli biliari.

NOTA: Questa è la Versione per i pazienti. CLICCA QUI per accedere alla Versione per i professionisti
per accedere alla Versione per i professionisti
Ottieni

Potrebbe anche Interessarti

Video

Vedi Tutto
Panoramica sul fegato e della cistifellea
Video
Panoramica sul fegato e della cistifellea
Modelli 3D
Vedi Tutto
All’interno del fegato
Modello 3D
All’interno del fegato

SOCIAL MEDIA

PARTE SUPERIORE