Manuale Msd

Please confirm that you are not located inside the Russian Federation

honeypot link

Episclerite

Di

Melvin I. Roat

, MD, FACS, Sidney Kimmel Medical College at Thomas Jefferson University

Ultima revisione/verifica completa apr 2021| Ultima modifica dei contenuti apr 2021
per accedere alla Versione per i professionisti
I fatti in Breve
Risorse sull’argomento

L’episclerite è un’infiammazione del tessuto che si trova fra la sclera (il resistente rivestimento fibroso esterno bianco dell’occhio) e la congiuntiva (la membrana che riveste internamente la palpebra e che copre il bianco dell’occhio).

  • La causa è in genere sconosciuta.

  • I sintomi includono arrossamento, gonfiore e irritazione oculare.

  • L’episclerite si risolve da sola, tuttavia i colliri a base di corticosteroidi possono far sparire i sintomi più velocemente.

Struttura interna dell’occhio

Struttura interna dell’occhio

Altri sintomi includono dolorabilità alla palpazione e irritazione oculare, con lieve aumento della secrezione dell’occhio e della sensibilità alla luce intensa. La condizione tende a scomparire e può recidivare. La diagnosi si basa sui sintomi e sull’aspetto dell’occhio.

Trattamento dell’episclerite

  • A volte colliri cortisonici oppure farmaci antinfiammatori non steroidei per via orale

Spesso non è necessario trattare l’episclerite. I colliri vasocostrittori, come la tetrizolina, possono ridurre temporaneamente l’arrossamento, tuttavia, devono essere utilizzati solo in occasioni particolari, perché l'uso regolare accresce l’arrossamento (effetto rimbalzo).

Per trattare un episodio, si utilizzano colliri cortisonici topici o un farmaco antinfiammatorio non steroideo somministrato per via orale per far scomparire i sintomi più velocemente.

NOTA: Questa è la Versione per i pazienti. CLICCA QUI per accedere alla Versione per i professionisti
per accedere alla Versione per i professionisti
PARTE SUPERIORE