Manuale Msd

Please confirm that you are not located inside the Russian Federation

Caricamento in corso

Tachicardia parossistica sopraventricolare (SVT, PSVT)

Di

L. Brent Mitchell

, MD, Libin Cardiovascular Institute of Alberta, University of Calgary

Ultima revisione/verifica completa lug 2019| Ultima modifica dei contenuti lug 2019
per accedere alla Versione per i professionisti
I fatti in Breve

La tachicardia parossistica sopraventricolare è una condizione caratterizzata da una frequenza cardiaca regolare e veloce (160-220 battiti al minuto) che inizia e si arresta improvvisamente e che origina nel cuore ma non nei ventricoli.

  • La maggior parte dei soggetti lamenta fastidiosa consapevolezza del battito cardiaco (palpitazioni), respiro affannoso e dolore toracico.

  • Gli episodi possono spesso essere risolti con manovre volte a stimolare il nervo vago, che rallenta la frequenza cardiaca.

  • A volte ai soggetti vengono somministrati farmaci per fermare l’episodio.

La tachicardia parossistica sopraventricolare è più frequente tra i giovani ed è più fastidiosa che pericolosa. Può verificarsi durante un’attività fisica energica

e può essere scatenata da un battito cardiaco prematuro che attiva ripetutamente il cuore a una frequenza elevata. Tale attivazione ripetuta e rapida può derivare da diverse alterazioni. Nel nodo atrioventricolare possono essere presenti due percorsi elettrici (un’alterazione del ritmo cardiaco [aritmia] detta tachicardia sopraventricolare da rientro del nodo atrioventricolare). Vi può essere una via elettrica anomala tra gli atri e i ventricoli (aritmia chiamata tachicardia sopraventricolare atrioventricolare reciprocante). Gli atri possono generare impulsi troppo rapidi o circolanti (aritmia chiamata tachicardia parossistica atriale vera).

L’accelerazione della frequenza cardiaca accelerata tende a iniziare e a interrompersi bruscamente e può durare pochi minuti o molte ore. Quasi sempre, viene percepita come una consapevolezza fastidiosa del battito cardiaco, come se il cuore battesse forte o molto velocemente (palpitazioni). Spesso è associata ad altri sintomi, tra cui debolezza, stordimento, respiro affannoso e dolore toracico. Di solito il cuore non è affetto da altre patologie.

Il medico conferma la diagnosi con l’elettrocardiogramma (ECG).

Trattamento

  • Manovre e farmaci per rallentare la frequenza cardiaca o ripristinare il ritmo normale

  • A volte ablazione con radiofrequenza

Episodi di tachicardia parossistica sopraventricolare possono essere spesso arrestati mediante una delle varie manovre vagali, che stimolano il nervo vago e riducono quindi la frequenza cardiaca. Queste manovre vengono, solitamente, eseguite o controllate da un medico ma, spesso, i soggetti che soffrono ripetutamente di aritmia imparano a eseguirle da soli. Le manovre sono

  • Sforzarsi come se si facesse fatica a defecare

  • Sfregare il collo appena sotto all’angolo mascellare (per stimolare una zona sensibile dell’arteria carotide detta seno carotideo)

  • Mettere il viso in una ciotola di acqua gelata

Tali manovre sono più efficaci subito dopo l’inizio dell’aritmia.

Qualora non risultino efficaci, se l’aritmia provoca gravi sintomi o se dura più di 20 minuti, è consigliabile contattare un medico per arrestare l’episodio. I medici riescono generalmente a interrompere prontamente una crisi iniettando un farmaco per via endovenosa, solitamente adenosina o verapamil. A volte i farmaci si dimostrano inefficaci e può rendersi necessaria la cardioversione (rilascio di uno shock elettrico al cuore).

La prevenzione è più difficile del trattamento. Quando gli episodi sono frequenti o fastidiosi, i medici, solitamente, raccomandano una procedura di ablazione con catetere. Ai fini di questa procedura, energia con frequenza specifica o fredda viene erogata attraverso un catetere inserito nel cuore. L’energia o la bassa temperatura distruggono il tessuto in cui origina la tachicardia parossistica sopraventricolare.

Se l’ablazione con catetere non è possibile, possono essere efficaci quasi tutti i farmaci antiaritmici. I farmaci comunemente usati includono i beta-bloccanti, la digossina, il diltiazem, il verapamil, il propafenone e la flecainide (vedere la tabella Alcuni farmaci utilizzati per trattare le aritmie).

NOTA: Questa è la Versione per i pazienti. CLICCA QUI per accedere alla Versione per i professionisti
per accedere alla Versione per i professionisti
Ottieni

Potrebbe anche Interessarti

Video

Vedi Tutto
Panoramica su cuore e vasi sanguigni
Video
Panoramica su cuore e vasi sanguigni
Modelli 3D
Vedi Tutto
Cateterismo dell’arteria polmonare
Modello 3D
Cateterismo dell’arteria polmonare

SOCIAL MEDIA

PARTE SUPERIORE