Manuale Msd

Please confirm that you are a health care professional

Caricamento in corso

Alcalosi respiratoria

Di

James L. Lewis, III

, MD, Brookwood Baptist Health and Saint Vincent’s Ascension Health, Birmingham

Ultima modifica dei contenuti mar 2018
Clicca qui per l’educazione dei pazienti
NOTA: Questa è la Versione per Professionisti. CLICCA QUI per accedere alla versione per i pazienti
Risorse sull’argomento

L'alcalosi respiratoria è una diminuzione primitiva nella pressione parziale del diossido di carbonio (Pco2) associata o meno a una diminuzione compensatoria del bicarbonato (HCO3); il pH può essere elevato o quasi normale. Le cause sono un aumento della frequenza o del volume respiratorio (iperventilazione) o di entrambi. L'alcalosi respiratoria può essere acuta o cronica. La forma cronica è asintomatica, ma quella acuta causa obnubilamento, confusione, parestesie, crampi e sincope. I segni comprendono iperpnea o tachipnea e spasmi carpopodalici. La diagnosi è clinica ed è supportata dall'emogasanalisi e dal dosaggio degli elettroliti sierici. Il trattamento è diretto alla causa.

Eziologia

L'alcalosi respiratoria è una diminuzione primaria della Pco2 (ipocapnia) dovuta a un aumento del volume e/o della frequenza respiratoria (iperpnea). La ventilazione il più delle volte aumenta come risposta fisiologica ad ipossia (come avviene, p. es., ad alta quota), acidosi metabolica e aumento delle richieste metaboliche (p. es., febbre) e per tale motivo è presente in molte gravi patologie. Oltretutto, dolore, ansia e alcuni disturbi del sistema nervoso centrale (p. es., ictus, convulsioni [post-ictiche]) possono aumentare la frequenza respiratoria senza una necessità fisiologica.

Fisiopatologia

L'alcalosi respiratoria può essere

  • Acuta

  • Cronica

La distinzione si basa sul grado di compenso metabolico. L'eccesso di HCO3 viene tamponato dagli idrogenioni extracellulari (H+) in pochi minuti, ma un compenso più significativo avviene in 2-3 giorni quando il rene riduce l'escrezione di H+.

Alcalosi pseudorespiratoria

L'alcalosi pseudorespiratoria è definita da una Pco2 arteriosa bassa e un pH elevato in pazienti sottoposti a ventilazione meccanica con grave acidosi metabolica causata da una scarsa perfusione sistemica (p. es., shock cardiogeno o durante le manovre di rianimazione cardiopolmonare). L'alcalosi pseudorespiratoria avviene quando una ventilazione meccanica (frequentemente iperventilazione) elimina quantità di diossido di carbonio (CO2) superiori alle normali quantità contenute a livello alveolare. Esalazioni di grandi quantità di CO2 causano un'alcalosi respiratoria nel sangue arterioso (quindi all'emogasanalisi), ma la scarsa perfusione tissutale e l'ischemia cellulare causano acidosi cellulare, portando all'acidosi del sangue venoso. La diagnosi è basata sulla dimostrazione di marcate differenze Pco2 e pH arteriose e venose e da elevati livelli di lattato nei pazienti in cui l'emogasanalisi mostra alcalosi respiratoria; il trattamento è il miglioramento dell'emodinamica sistemica.

Sintomatologia

I segni e i sintomi dipendono dal grado e dalla velocità di diminuzione della Pco2. L'alcalosi respiratoria acuta causa obnubilamento, confusione, parestesie periferiche e periorali, crampi e sincope. Si ritiene che il meccanismo sia una variazione del flusso ematico e del pH cerebrale. La tachipnea o l'iperpnea sono spesso l'unico segno presente; nei casi gravi può presentarsi lo spasmo carpopodalico a causa dei livelli diminuiti di calcio ionizzato nel sangue (spinto all'interno delle cellule in scambio con lo ione idrogeno [H+]).

L'alcalosi respiratoria cronica è generalmente asintomatica e non ha segni caratteristici.

Diagnosi

  • Emogasanalisi ed elettroliti sierici

  • Se è presente ipossia, ricercare la causa con vigore

Il riconoscimento dell'alcalosi respiratoria e dell'appropriato compenso renale ( Disturbi dell'equilibrio acido-base : Diagnosi) richiede un'emogasanalisi e il dosaggio degli elettroliti sierici. Possono essere presenti una lieve ipofosfatemia e ipokaliemia da shift intracellulare e una diminuzione del calcio (Ca++) ionizzato dovuto all'incremento del legame alle proteine.

La presenza di ipossia o di un aumento del gradiente alveolo-arterioso (A-a) di O2 (Po2 inspirata [Po2+ 5/4 Pco2 arteriosa]) richiede la ricerca di una causa. Le cause sono spesso evidenti in base all'anamnesi e ai risultati degli esami. Tuttavia, siccome l'embolia polmonare spesso si manifesta senza ipossia, un'embolia deve essere fortemente sospettata in un paziente che iperventila prima di ascrivere la responsabilità di questa alterazione all'ansia soltanto.

Trattamento

  • Trattamento della malattia di base

Il trattamento è diretto alla patologia sottostante. L'alcalosi respiratoria non è potenzialmente letale, perciò non sono necessari interventi per ridurre il pH. L'aumento della diossido di carbonio inspirata attraverso la ri-respirazione dell'aria espirata (per esempio da un sacchetto di carta) è una pratica diffusa ma può essere pericolosa almeno in alcuni pazienti con disturbi del sistema nervoso centrale, in cui il pH del liquido cerebrospinale può già essere sotto la norma.

Punti chiave

  • L'alcalosi respiratoria implica un aumento della frequenza o del volume respiratorio (iperventilazione).

  • L'iperventilazione il più delle volte si verifica come risposta fisiologica a ipossia, acidosi metabolica, aumento delle richieste metaboliche (p. es., febbre), dolore, o ansia.

  • Non presumere che l'ansia sia la causa di un'iperventilazione finché non sono esclusi disturbi più gravi.

  • Trattare la causa: l'alcalosi respiratoria non è potenzialmente letale, perciò non sono necessari interventi per ridurre il pH.

Clicca qui per l’educazione dei pazienti
NOTA: Questa è la Versione per Professionisti. CLICCA QUI per accedere alla versione per i pazienti
Ottieni

Potrebbe anche Interessarti

Modelli 3D
Vedi Tutto
Sistema endocrino femminile
Modello 3D
Sistema endocrino femminile

SOCIAL MEDIA

PARTE SUPERIORE