Manuale Msd

Please confirm that you are a health care professional

Caricamento in corso

Disturbo ciclotimico

Di

William Coryell

, MD, Carver College of Medicine at University of Iowa

Ultima modifica dei contenuti mar 2020
Clicca qui per l’educazione dei pazienti
NOTA: Questa è la Versione per Professionisti. CLICCA QUI per accedere alla versione per i pazienti

Il disturbo ciclotimico è caratterizzato da periodi ipomaniacali e mini-depressivi che durano solo pochi giorni, seguiti da un decorso fluttuante e meno grave che nel disturbo bipolare; questi periodi sintomatici devono verificarsi per più della metà dei giorni durante un periodo di ≥ 2 anni. La diagnosi è clinica e basata sull'anamnesi. Il trattamento è fondamentalmente di tipo educativo, sebbene alcuni soggetti con alterazione funzionale necessitino di una terapia farmacologica.

Il disturbo ciclotimico è generalmente un precursore del disturbo bipolare di tipo II. Tuttavia, può anche presentarsi sotto forma di un'estrema instabilità dell'umore, senza divenire un disturbo dell'umore di tipo maggiore.

Nell'ipomania cronica, ovvero una variante clinica rara, predominano i periodi di euforia, con riduzione abituale del sonno < 6 h. I soggetti con questa forma di disturbo sono costantemente troppo allegri, sicuri di sé, pieni di energie e di progetti, imprevedibili, iperimpegnati e importuni; si fanno prendere da impulsi irrequieti e possono agire in modo eccessivamente familiare con la gente.

Per alcuni soggetti, le tendenze ciclotimica e ipomaniacale croniche contribuiscono al successo negli affari, nella leadership, nella realizzazione e nella creatività artistica; tuttavia, molto spesso hanno conseguenze serie e dannose a livello interpersonale e sociale. Spesso le conseguenze comprendono instabilità lavorativa e scolastica, cambi di residenza frequenti e impulsivi, rotture sentimentali o coniugali ripetute e abuso episodico di alcol e farmaci.

La diagnosi del disturbo ciclotimico è clinica e basata sull'anamnesi.

Trattamento

  • Terapia di supporto

  • A volte uno stabilizzatore dell'umore

Ai pazienti deve essere insegnato come convivere con gli estremi delle loro inclinazioni temperamentali; tuttavia, convivere con un disturbo ciclotimico non è facile poiché le relazioni interpersonali sono spesso tempestose. Sono da consigliare lavori con orari flessibili. I pazienti con inclinazioni artistiche devono essere incoraggiati a portare avanti queste occupazioni, poiché gli eccessi e la fragilità della ciclotimia sono più tollerati in tali ambienti.

La decisione di usare uno stabilizzatore dell'umore (p. es., litio, alcuni anticonvulsivanti, specialmente valproato, carbamazepina, e lamotrigina) dipende dal bilancio tra la compromissione funzionale e i vantaggi sociali o gli spunti creativi che il paziente può presentare. Il divalproex da 500 a 1000 mg per via orale 1 volta/die è più tollerato rispetto a dosi equivalenti di litio.

Gli antidepressivi devono essere evitati a meno che i sintomi depressivi non siano gravi e prolungati poiché innescano il rischio di cicli rapidi.

I gruppi di supporto possono aiutare i pazienti fornendo un forum per condividere le loro esperienze e sentimenti comuni.

Clicca qui per l’educazione dei pazienti
NOTA: Questa è la Versione per Professionisti. CLICCA QUI per accedere alla versione per i pazienti
Ottieni

Potrebbe anche Interessarti

SOCIAL MEDIA

PARTE SUPERIORE