Manuale Msd

Please confirm that you are a health care professional

Caricamento in corso

Disturbo schizoaffettivo

Di

Carol Tamminga

, MD,

  • Professor and Chairman
  • UT Southwestern Medical Dallas

Ultima modifica dei contenuti ott 2018
Clicca qui per l’educazione dei pazienti

Il disturbo schizoaffettivo è caratterizzato da psicosi, altri sintomi della schizofrenia e sintomi significativi del tono dell'umore. Si differenzia dalla schizofrenia per il verificarsi di 1 episodio di depressione o mania nella vita di una persona

Le psicosi riguardano sintomi come deliri, allucinazioni, pensiero e linguaggio disorganizzati e comportamento motorio bizzarro ed inadeguato (compresa catatonia) che indicano perdita di contatto con la realtà.

Bisogna considerare la diagnosi di disturbo schizoaffettivo quando coesistono psicosi e sintomi della sfera dell'umore. La diagnosi richiede che evidenti sintomi affettivi (di tipo depressivo o maniacale) siano presenti per > 50% della durata totale della malattia, contemporaneamente a ≥ 2 sintomi della schizofrenia (deliri, allucinazioni, eloquio disorganizzato, comportamento grossolanamente disorganizzato o catatonico, sintomi negativi).

La distinzione del disturbo schizoaffettivo dalla schizofrenia e dai disturbi dell'umore può richiedere una valutazione longitudinale dei sintomi e del loro decorso.

Trattamento

  • Spesso costituito da una combinazione di farmaci, psicoterapia e supporto sociale

Poiché il disturbo schizoaffettivo non di rado conduce a disabilità a lungo termine, è spesso necessario un trattamento integrato (comprendente farmaci, psicoterapia e supporto sociale).

Per il trattamento del tipo maniacale, un antipsicotico di seconda generazione è spesso sufficiente, ma in caso contrario può essere utile aggiungere litio, carbamazepina o valproato.

Per il trattamento della forma depressiva, gli antipsicotici di 2a generazione sono somministrati per primi. Poi, una volta che i sintomi psicotici positivi sono stabilizzati, si deve introdurre un antidepressivo se la depressione richiede un trattamento; gli inibitori della ricaptazione della serotonina sono preferiti per il loro profilo di sicurezza.

Clicca qui per l’educazione dei pazienti
NOTA: Questa è la Versione per Professionisti. CLICCA QUI per accedere alla versione per i pazienti
Ottieni

Potrebbe anche Interessarti

SOCIAL MEDIA

PARTE SUPERIORE