Manuale Msd

Please confirm that you are not located inside the Russian Federation

Caricamento in corso

Placenta accreta

Di

Julie S. Moldenhauer

, MD, Children's Hospital of Philadelphia

Ultima revisione/verifica completa gen 2020| Ultima modifica dei contenuti gen 2020
per accedere alla Versione per i professionisti
NOTA: Questa è la Versione per i pazienti. CLICCA QUI per accedere alla Versione per i professionisti
per accedere alla Versione per i professionisti

Si parla di placenta accreta quando la placenta è attaccata saldamente, ma non naturalmente, all’utero.

  • Un parto cesareo e la placenta previa in una gravidanza pregressa aumentano fortemente il rischio di placenta accreta.

  • Se una donna presenta dei fattori di rischio di placenta accreta, i medici eseguono periodicamente un’ecografia durante la gravidanza per verificare l’eventuale presenza di questa complicanza.

  • Qualche settimana prima della data presunta del parto, in genere i medici fanno nascere il bambino e poi rimuovono l’utero, a meno che la donna non sia contraria.

Dopo il parto, la placenta di solito si stacca dall'utero e la donna può spingerla fuori da sola o con l’aiuto di un medico o di un'ostetrica. Quando la placenta è attaccata troppo saldamente, alcuni lembi possono rimanere attaccati all’utero dopo il parto. In tal caso, l’espulsione della placenta viene rimandata ma aumentano i rischi di sanguinamento e infezione dell’utero, che possono essere potenzialmente letali.

La placenta accreta sta diventando sempre più diffusa. Si osservava in circa

  • 1 gravidanza su 30.000 negli anni ’50

  • 1 gravidanza su 2.000 negli anni ’80 e negli anni ’90

  • 3 gravidanze su 1.000 nel primo decennio del 2000

Tale aumento coincide con l’aumento dei parti cesarei.

Fattori di rischio

La placenta accreta è più probabile nelle donne con le seguenti caratteristiche:

  • La donna ha già avuto un parto cesareo

  • La placenta ricopre la cervice (detta (placenta previa)

  • L’età è superiore ai 35 anni

  • La donna ha avuto parecchie gravidanze

  • La donna presenta fibromi sotto al rivestimento interno dell’utero (endometrio)

  • La donna ha subito un intervento chirurgico con interessamento dell’utero, compresa l’asportazione di fibromi

  • La donna presenta disturbi del rivestimento dell’utero, come la sindrome di Asherman (cicatrizzazione dell’epitelio uterino dovuto a infezione o intervento chirurgico)

Aver avuto un parto cesareo in una gravidanza pregressa e la placenta previa nella gravidanza in corso aumenta fortemente il rischio di placenta accreta nelle gravidanze successive.

Diagnosi

  • Ecografia

  • Talvolta risonanza magnetica per immagini (RMI)

Se una donna presenta fattori di rischio di placenta accreta, prima del parto il medico esegue un’ecografia per stimarne l’eventuale presenza. L’ecografia mediante un dispositivo manuale posizionato sull’addome o all’interno della vagina può essere eseguita periodicamente a partire da 20-24 settimane di gravidanza. Se l’ecografia non è chiara, potrebbe essere eseguita una RMI.

Durante il parto, si sospetta placenta accreta nei seguenti casi:

  • La placenta non viene espulsa entro 30 minuti dalla nascita del bambino.

  • I medici non riescono a separare la placenta dall’utero con le mani.

  • I tentativi di rimozione della placenta provocano un’emorragia profusa.

Trattamento

  • Isterectomia associata a parto cesareo

Se i medici rilevano una placenta accreta prima del parto, di solito si procede con un parto cesareo seguito dall’asportazione dell’utero (isterectomia cesarea). Per questa procedura, il bambino viene dapprima partorito mediante taglio cesareo, quindi si procede all’asportazione dell’utero con tutta la placenta. In genere, questa procedura viene eseguita attorno alle 34 settimane di gestazione e contribuisce a prevenire una perdita di sangue potenzialmente letale che si potrebbe verificare se la placenta rimanesse in sede dopo il parto. Tuttavia, si tratta di una procedura che può causare complicanze, come emorragia profusa. Inoltre, se l’intervento dura molto a lungo e/o richiede un lungo riposo a letto successivamente, possono formarsi dei coaguli di sangue. I coaguli possono viaggiare nel torrente ematico e bloccare un’arteria nei polmoni. L’isterectomia cesarea deve essere eseguita in un ospedale dotato delle apparecchiature adatte per questo genere di complicanze.

Se per la donna è importante mantenere la fertilità, i medici possono tentare di preservare l’utero con varie tecniche. Queste tecniche, tuttavia, non possono essere utilizzate se l’emorragia è estremamente imponente o se sussiste tale possibilità (a causa della posizione della placenta).

NOTA: Questa è la Versione per i pazienti. CLICCA QUI per accedere alla Versione per i professionisti
per accedere alla Versione per i professionisti
Ottieni

Potrebbe anche Interessarti

Video

Vedi Tutto
Gravidanza ectopica
Video
Gravidanza ectopica
Ogni mese, durante l’ovulazione, un ovocito, o ovulo, viene rilasciato dall’ovaio della donna...
Modelli 3D
Vedi Tutto
Sindrome dell’ovaio policistico
Modello 3D
Sindrome dell’ovaio policistico

SOCIAL MEDIA

PARTE SUPERIORE