Manuale Msd

Please confirm that you are not located inside the Russian Federation

Caricamento in corso

Dolore al fianco

Di

Anuja P. Shah

, MD, David Geffen School of Medicine at UCLA

Ultima revisione/verifica completa set 2019| Ultima modifica dei contenuti set 2019
per accedere alla Versione per i professionisti
NOTA: Questa è la Versione per i pazienti. CLICCA QUI per accedere alla Versione per i professionisti
per accedere alla Versione per i professionisti

Il dolore causato da disturbi renali in genere viene avvertito al fianco o in sede lombare. Talvolta, il dolore si irradia verso la parte centrale dell’addome e di norma si presenta perché il rivestimento dei reni (capsula renale) si dilata a causa di un disturbo che porta al rapido gonfiarsi del rene o per la presenza di un calcolo che è penetrato in uno degli ureteri (tubi che collegano il rene alla vescica). Il dolore renale intenso è spesso associato a nausea e vomito.

Cause

Un calcolo renale causa un dolore lancinante quando si incunea nell’uretere. L’uretere si contrae per vincere l’ostruzione dovuta al calcolo, causando un grave dolore crampiforme (colica renale o uretrale), nella regione lombare o al fianco, con frequente irradiazione all’inguine o, negli uomini, ai testicoli. Il dolore è tipicamente intermittente, con una durata che varia dai 20 ai 60 minuti per poi interrompersi. Il dolore scompare quando l’uretere si rilassa oppure quando il calcolo riesce a passare in vescica.

Un’infezione renale (pielonefrite) causa gonfiore del tessuto renale che dilata la capsula renale, causando dolore costante e intenso. I tumori del rene di norma non sono dolorosi finché non si siano ingranditi considerevolmente.

Altri disturbi che causano dolore al fianco includono ostruzione improvvisa del flusso di urina verso un rene o verso l’intestino, rottura e occasionalmente non rottura di aneurismi aortici addominali, problemi alla colonna o ai nervi spinali, traumi muscoloscheletrici e tumori localizzati nella parte lombare (retroperitoneo).

Valutazione e trattamento

Dopo avere notato i sintomi, il medico esamina il soggetto e di norma esegue un’analisi delle urine per rilevare la presenza di globuli rossi o globuli bianchi in eccesso. La presenza di globuli bianchi nelle urine indica un’infezione. Generalmente, se si sospetta un’infezione si effettua un’urinocoltura. In presenza di dolore crampiforme molto acuto e sangue nelle urine è molto probabile che vi sia un calcolo renale. Se il soggetto presenta un dolore più lieve, fisso, dolorabilità alla palpazione di un rene, febbre ed eccesso di globuli bianchi nelle urine è probabile che vi sia un’infezione renale.

Se si sospetta un calcolo renale, il medico spesso esegue una tomografia computerizzata (TC) o un’ecografia per determinare se il calcolo è la causa, nonché la dimensione e la posizione del calcolo e se ostruisce significativamente il flusso di urina. Per eseguire la TC non viene usato un agente di contrasto endovenoso. Se il medico non è sicuro della causa del dolore, spesso nella TC viene utilizzato un mezzo di contrasto per via endovenosa o viene eseguito un altro esame di diagnostica per immagini.

Si tenta di trattare la condizione alla base dell’eccessiva coagulazione. Il paracetamolo o i farmaci antinfiammatori non steroidei (FANS) possono alleviare il dolore lieve. Il dolore causato dai calcoli renali può risultare intenso e potrebbe richiedere la somministrazione di oppiacei per via endovenosa oppure orale.

NOTA: Questa è la Versione per i pazienti. CLICCA QUI per accedere alla Versione per i professionisti
per accedere alla Versione per i professionisti
Ottieni

Potrebbe anche Interessarti

Video

Vedi Tutto
Vescica ileale
Video
Vescica ileale
L’apparato urinario è composto da due reni, due ureteri, dalla vescica e dall’uretra. I reni...
Modelli 3D
Vedi Tutto
Calcoli renali nell’uretere
Modello 3D
Calcoli renali nell’uretere

SOCIAL MEDIA

PARTE SUPERIORE