Manuale Msd

Please confirm that you are not located inside the Russian Federation

honeypot link

Infezione da hantavirus

Di

Thomas M. Yuill

, PhD, University of Wisconsin-Madison

Ultima revisione/verifica completa mag 2020| Ultima modifica dei contenuti mag 2020
per accedere alla Versione per i professionisti
I fatti in Breve

L’infezione da Hantavirus è una malattia virale che viene trasmessa all’uomo dai roditori. Il virus può causare gravi infezioni ai polmoni (con tosse e respiro affannoso) o ai reni (con eruzione, dolore addominale e talvolta insufficienza renale).

  • L’hantavirus si trasmette attraverso il contatto con roditori infetti o con i loro escrementi.

  • L’infezione inizia con febbre improvvisa, cefalea, dolori muscolari e a volte sintomi addominali, che possono essere seguiti da tosse e respiro affannoso o da eruzione e problemi renali.

  • Le analisi del sangue finalizzate a identificare il virus possono confermare la diagnosi.

  • Vengono utilizzati ossigeno e farmaci atti a stabilizzare la pressione arteriosa se i polmoni sono interessati; la dialisi può essere necessaria in caso di problemi renali.

Gli hantavirus infettano varie specie di roditori in tutto il mondo. Il virus è presente nell’urina e nelle feci dei roditori. L’uomo contrae l’infezione quando entra in contatto con i roditori o con i loro escrementi, o eventualmente inalando particelle virali in luoghi in cui sono presenti grandi quantità di escrementi di roditori. Alcune prove indicano che raramente il virus si trasmette da persona a persona. Le infezioni da hantavirus stanno si stanno diffondendo.

Esistono vari ceppi di hantavirus. A seconda del ceppo, il virus colpisce organi diversi:

  • I polmoni, causando la sindrome polmonare da hantavirus (hantavirus pulmonary syndrome, HPS)

  • I reni, causando febbre emorragica con sindrome renale (hemorrhagic fever renal syndrome, HFRS).

Comunque, molti sintomi delle due infezioni sono simili.

La sindrome polmonare è stata riconosciuta per la prima volta nella regione sudoccidentale degli Stati Uniti nel 1993. A partire dal 2017, negli Stati Uniti si sono verificati circa 697 casi, soprattutto negli stati occidentali. Alcuni casi sono stati riscontrati anche in Canada e in vari Paesi dell’America centrale e meridionale.

La sindrome renale si manifesta principalmente in zone dell’Europa, in Corea, in Cina e in Russia. La sindrome renale è causata dal ceppo Seoul dell’hantavirus. Il virus si trasmette attraverso il ratto norvegese ed è stata diffusa in tutto il mondo dai ratti presenti sulle navi. Negli Stati Uniti, in Canada e in Europa si sono verificati alcuni casi di infezione da hantavirus, trasmessa da ratti da compagnia.

Sintomi

I sintomi dell’infezione da hantavirus iniziano con febbre improvvisa, cefalea e dolori muscolari, tipicamente circa 2 settimane dopo l’esposizione agli escrementi dei roditori. Alcuni soggetti lamentano anche dolore addominale, nausea, vomito e diarrea.

Questi sintomi continuano per diversi giorni (normalmente per circa quattro ma talvolta fino a un massimo di 15 giorni).

Sindrome polmonare da hantavirus

Le persone affette da sindrome polmonare sviluppano quindi tosse e respiro affannoso, che possono aggravarsi nel giro di poche ore. Del liquido si forma intorno ai polmoni e la pressione arteriosa si abbassa.

La sindrome polmonare causa il decesso in circa il 50% delle persone. Coloro che sopravvivono i primi giorni migliorano rapidamente e guariscono del tutto in 2-3 settimane.

Febbre emorragica con sindrome renale

In alcune persone affette da febbre emorragica con sindrome renale l’infezione è lieve e non provoca sintomi.

In altri casi, si manifestano improvvisamente sintomi vaghi (come febbre alta, dolori muscolari, cefalea e nausea). Coloro che presentano sintomi di lieve entità guariscono completamente.

Nelle altre persone la sintomatologia si aggrava. In alcuni soggetti, si sviluppa grave ipotensione arteriosa (shock). Si instaura un’insufficienza renale e la produzione di urina può interrompersi (anuria). Possono comparire sangue nelle urine e/o nelle feci ed ecchimosi sulla pelle. Il decesso si verifica nel 6-15% dei casi. La maggior parte di coloro che sopravvivono si riprende in 3-6 settimane, ma la guarigione può richiedere fino a sei mesi.

Diagnosi

  • Analisi del sangue per identificare il virus

Le infezioni da hantavirus si sospettano quando i soggetti che possono essere stati esposti al virus presentano i sintomi caratteristici.

Le analisi del sangue finalizzate a identificare il virus possono confermare la diagnosi.

I medici eseguono ulteriori analisi del sangue per valutare la funzionalità dei reni e di altri organi. Se vi è il sospetto di sindrome polmonare, si può eseguire una radiografia del torace. Per escludere altre cause dell’accumulo di liquido attorno ai polmoni, solitamente si effettua un ecocardiogramma (ecografia del cuore).

Trattamento

  • Cure di supporto

  • Per la sindrome polmonare, ossigenoterapia e farmaci per stabilizzare la pressione arteriosa

  • Per la sindrome renale, dialisi e ribavirina

Il trattamento dell’infezione da hantavirus è prevalentemente di supporto.

Nella sindrome polmonare, l’ossigenoterapia e i farmaci per stabilizzare la pressione arteriosa sembrano essere essenziali per la guarigione. Talora, per agevolare la respirazione, si rende necessaria la ventilazione artificiale.

Per la sindrome renale può rendersi indispensabile la dialisi, che può salvare la vita; il farmaco antivirale ribavirina, somministrato per via endovenosa, può contribuire a ridurre la gravità dei sintomi e la mortalità.

NOTA: Questa è la Versione per i pazienti. CLICCA QUI per accedere alla Versione per i professionisti
per accedere alla Versione per i professionisti
Ottieni

Potrebbe anche Interessarti

SOCIAL MEDIA

PARTE SUPERIORE