Manuale Msd

Please confirm that you are not located inside the Russian Federation

Caricamento in corso
I fatti in Breve

Gastroenterite nei bambini

Di

The Manual's Editorial Staff

Ultima revisione/verifica completa dic 2019| Ultima modifica dei contenuti dic 2019
per accedere alla Versione per i professionisti
Ottenere tutti i dettagli
NOTA: Questa è la Versione per i pazienti. CLICCA QUI per accedere alla Versione per i professionisti
per accedere alla Versione per i professionisti

Che cos’è la gastroenterite?

La gastroenterite è un’infezione del tratto digerente (o gastrointestinale o GI) che causa vomito, diarrea o entrambi. Lo stomaco e l’intestino sono i principali organi del tratto digerente. La gastroenterite viene spesso chiamata erroneamente “influenza intestinale”. Non si tratta tuttavia di influenza e non ha nulla a che vedere con essa.

  • La gastroenterite è il problema GI più comune nei bambini

  • I bambini che ne soffrono vomitano e hanno diarrea, crampi addominali e febbre

  • Il vomito e la diarrea possono provocare disidratazione (insufficiente acqua o altri liquidi organici), che può causare gravi problemi

  • Si può cercare di prevenire la gastroenterite rispettando il calendario vaccinale e facendo lavare spesso le mani al bambino

  • La gastroenterite viene trattata sostituendo acqua ed elettroliti, di norma bevendo un liquido appositamente creato per i bambini affetti da gastroenterite

  • I bambini che non riescono a trattenere i liquidi devono essere portati dal medico, potrebbero aver bisogno di un’infusione EV

Quali sono le cause della gastroenterite?

Il più delle volte la gastroenterite è causata da un virus (come il rotavirus). Può essere causata anche da batteri o parassiti.

I bambini possono contrarre la gastroenterite:

  • Toccando bambini infetti o i loro giocattoli e mettendo poi le dita in bocca

  • Stando vicini a un bambino malato che starnutisce o sputa

  • Mangiando cibi o bevendo liquidi che contengono batteri (intossicazione alimentare)

  • Bevendo latte o succhi non pastorizzati (non pastorizzati significa non riscaldati per uccidere i germi)

  • Toccando rettili, uccelli, rane o salamandre che trasportano batteri

  • Mangiando alcune piante o medicine

  • Bevendo acqua infetta di piscine, parchi acquatici o corsi d’acqua

Quali sono i sintomi della gastroenterite?

I sintomi includono:

  • Vomito

  • Diarrea

  • Crampi addominali

  • Mancanza di appetito

Talvolta alcuni tipi di gastroenterite provocano diarrea sanguinolenta. Questi casi sono più gravi e il bambino deve essere portato immediatamente dal medico.

Quali sono le complicanze della gastroenterite?

La complicanza principale è:

  • Disidratazione

Disidratazione significa una quantità insufficiente di acqua o altri liquidi nel corpo. Può essere pericolosa. I neonati si disidratano più facilmente perché sono più piccoli.

Un neonato è disidratato e deve essere portato immediatamente da un medico se:

  • Presenta un affossamento della fontanella in cima alla testa (tutti i bambini hanno una fontanella, che non deve essere infossata)

  • Ha gli occhi infossati

  • Ha la bocca secca

  • Piange senza lacrime

  • Non fa molta pipì

  • È meno vigile e ha meno energia

Un bambino è disidratato e deve essere portato immediatamente dal medico se:

  • Non fa molta pipì e non la fa per almeno 6 ore o più

  • È irritabile e letargico

  • Ha la bocca secca

Come viene diagnosticata la gastroenterite?

I sintomi del bambino e un esame obiettivo contribuiscono a diagnosticare la gastroenterite. Di norma non sono necessari esami del sangue o delle feci. Talvolta il medico deve sapere che tipo di infezione ha causato la gastroenterite e preleva un tampone di diarrea da analizzare.

Come si tratta la gastroenterite?

Nei neonati la gastroenterite viene trattata come segue:

  • Continuando ad allattarli al seno o con latte artificiale

  • Facendo bere loro una speciale soluzione reidratante (soluzione orale di elettroliti; si tratta di polveri o liquidi acquistabili in farmacia e nei supermercati)

Nei bambini più grandi il medico consiglia:

  • Assunzione di liquidi, come una soluzione orale di elettroliti il primo giorno di malessere; gli adolescenti possono assumere bevande sportive invece di bibite gassate o succhi di frutta

  • Se il bambino vomita, fargli bere piccoli sorsi di liquido ogni 10-15 minuti, se non vomita, aumentare gradualmente le quantità

  • In un periodo di 24 ore il bambino deve bere almeno 45 ml di liquido per ogni kg di peso corporeo

  • In caso di diarrea, far bere più liquido del solito

  • Se possibile, il bambino deve seguire la dieta abituale, non sono necessari cibi particolari

  • In caso di diarrea, sono consigliabili meno latticini (come latte o burro)

Il pediatra del bambino può somministrare:

  • Liquidi per via endovenosa (EV) se il bambino è disidratato

  • Farmaci per prevenire il vomito o aiutare a eliminare la diarrea

  • Antibiotici se la causa sono alcuni tipi di batteri

  • Farmaci antiparassitari se la causa è un parassita

Come si può prevenire la gastroenterite?

Per cercare di prevenire la gastroenterite:

  • Assicurarsi che il bambino riceva il vaccino contro il rotavirus, uno dei vaccini standard

  • Far lavare regolarmente le mani al bambino

  • Conservare i cibi correttamente (tenere al freddo gli alimenti freddi e caldi gli alimenti caldi) e non lasciare che il bambino mangi cibi rimasti a temperatura ambiente per più di un’ora

  • Tenere pulita la zona dedicata al cambio dei pannolini (e disinfettarla regolarmente con una soluzione preparata con un 60 ml di candeggina e 4 litri d’acqua)

  • Allattarlo al seno

  • Non lasciare che i bambini o i neonati con un sistema immunitario debole tocchino rettili, uccelli o anfibi

  • Insegnare al bambino a non ingoiare acqua mentre nuota

Per cercare di prevenire la diffusione della gastroenterite:

  • Un bambino con diarrea non deve andare a scuola o all’asilo e non deve nuotare in acque pubbliche

  • Controllare spesso il pannolino del bambino e cambiarlo lontano dalle acque pubbliche

NOTA: Questa è la Versione per i pazienti. CLICCA QUI per accedere alla Versione per i professionisti
per accedere alla Versione per i professionisti
Ottieni

Potrebbe anche Interessarti

SOCIAL MEDIA

PARTE SUPERIORE