Manuale Msd

Please confirm that you are not located inside the Russian Federation

honeypot link

Disidratazione

Di

James L. Lewis III

, MD, Brookwood Baptist Health and Saint Vincent’s Ascension Health, Birmingham

Ultima revisione/verifica completa giu 2020| Ultima modifica dei contenuti giu 2020
per accedere alla Versione per i professionisti
I fatti in Breve
Risorse sull’argomento

La disidratazione è una carenza di acqua nell’organismo.

  • Vomito, diarrea, sudorazione eccessiva, ustioni, insufficienza renale e l’uso di diuretici possono causare disidratazione.

  • Le persone hanno sete e, con il peggioramento della disidratazione, possono sudare di meno e ridurre l’escrezione urinaria.

  • Se la disidratazione è grave, le persone possono sentirsi confuse o avere dei capogiri.

  • Il trattamento ripristina l’acqua e i sali minerali persi (come sodio e potassio) che sono disciolti nel sangue (elettroliti), di solito bevendo ma talvolta con liquidi per via endovenosa.

(Vedere anche I liquidi corporei)

La disidratazione compare quando l’organismo perde più acqua di quanta non ne assorba. Il vomito, la diarrea, l’assunzione di farmaci che aumentano l’escrezione urinaria (diuretici), la sudorazione profusa (ad esempio, durante le ondate di caldo, in particolare con l’attività fisica prolungata) e la diminuzione nell’assunzione di acqua possono portare alla disidratazione.

La disidratazione è particolarmente frequente nelle persone anziane perché il centro della sete non funziona bene come nei giovani. Pertanto, un anziano potrebbe non rendersi conto che si sta disidratando. Alcune patologie, come il diabete mellito, il diabete insipido e il morbo di Addison, possono aumentare l’escrezione urinaria e quindi favorire la disidratazione.

Anche la disidratazione nei neonati e nei bambini è comune, in quanto la quantità di liquidi persa durante gli episodi di diarrea o vomito può rappresentare una percentuale maggiore di liquidi corporei rispetto ai bambini più grandi e agli adulti.

Sintomi

Inizialmente, la disidratazione stimola il centro cerebrale della sete, inducendo il soggetto ad assumere più liquidi. Se l’apporto idrico non compensa la perdita di liquidi, la disidratazione si aggrava. La sudorazione si riduce, così come l’escrezione urinaria. L’acqua passa dall’interno delle cellule al flusso sanguigno per mantenere la quantità di sangue (volemia) e la pressione arteriosa necessarie (vedere I liquidi corporei). Se la disidratazione continua, i tessuti dell’organismo iniziano a perdere liquidi, le cellule si raggrinziscono e funzionano in modo anomalo.

I sintomi di disidratazione da lieve a moderata includono:

  • Sete

  • Diminuzione della sudorazione

  • Ridotta elasticità cutanea

  • Minore produzione di urina

  • Bocca secca

In caso di disidratazione grave, la sensazione di sete potrebbe ridursi e la pressione arteriosa può scendere, causando vertigini o svenimento, soprattutto quando ci si alza in piedi (una condizione definita ipotensione ortostatica). Se la disidratazione continua, possono verificarsi shock e gravi danni agli organi interni, come reni, fegato e cervello. Le cellule cerebrali sono particolarmente sensibili a livelli di disidratazione gravi. Di conseguenza, la confusione è uno dei migliori indicatori della gravità della disidratazione. Una disidratazione molto grave può condurre al coma.

icon

Spotlight on Aging: Water Balance

Disidratazione

Gli anziani sono particolarmente predisposti alla disidratazione. Nelle persone anziane, le cause comuni di disidratazione includono:

  • Stato confusionale

  • Disturbi che rendono difficile l’assunzione di liquidi (spesso per riduzione della capacità motoria, ad esempio dopo un ictus)

Inoltre, negli anziani lo stimolo della sete compare molto più tardi ed è meno intenso rispetto alle persone più giovani; quindi, anche in assenza di altri problemi specifici gli anziani tendono a bere in modo insufficiente per varie ragioni, tra cui l’incontinenza o il timore dell’incontinenza.

Gli anziani hanno una percentuale maggiore di grasso corporeo. Poiché il tessuto adiposo contiene meno acqua di quello magro, la quantità totale di acqua corporea tende a diminuire con l’età.

Iperidratazione

Nell’iperidratazione, l’organismo contiene troppa acqua. Negli anziani, i reni espellono l’acqua in eccesso con minore efficacia, quindi le persone anziane sviluppano iperidratazione più facilmente rispetto alle persone più giovani. Può insorgere o meno gonfiore.

Diagnosi

  • Valutazione medica

  • A volte esami del sangue

La disidratazione può essere spesso diagnosticata in base ai sintomi e ai risultati di un esame medico, ma talvolta i medici eseguono esami del sangue per i soggetti che appaiono gravemente malati o che assumono determinati farmaci oppure presentano determinate patologie.

Inoltre, la disidratazione causa un aumento del livello di sodio nel sangue. Il motivo risiede nel fatto che sebbene le cause comuni di disidratazione (come ad esempio sudorazione profusa, vomito e diarrea) comportino la perdita di elettroliti (in particolare sodio e potassio), si perde una quantità ancora maggiore di acqua, quindi la concentrazione di sodio nel sangue aumenta.

Prevenzione

È meglio prevenire la disidratazione che curarla. Gli adulti devono bere almeno 6 bicchieri di liquidi al giorno (compresi i liquidi provenienti dal consumo di alimenti ricchi di acqua, come ad esempio frutta e verdura). L’assunzione di liquidi deve aumentare nelle giornate calde e durante o dopo l’attività fisica prolungata e, se possibile, dopo vomito e/o diarrea.

L’attività fisica, la temperatura del corpo elevata e il caldo aumentano il fabbisogno di acqua. Sono disponibili bevande aromatizzate per lo sport, adatte a rimpiazzare gli elettroliti perduti durante un’intensa attività fisica. Tali bevande possono essere utilizzate per prevenire la disidratazione. Bisognerebbe assumere liquidi con elettroliti prima, durante e dopo l’attività fisica. Prima dell’attività fisica, i soggetti con malattie cardiache o renali devono consultare il proprio medico per informarsi sulle modalità più sicure per integrare i liquidi.

Trattamento

  • Reintegrare liquidi ed elettroliti

Nella disidratazione lieve, l’assunzione di molta acqua rappresenta la soluzione migliore. In caso di disidratazione moderata e grave, è necessario reintegrare gli elettroliti persi (in particolare sodio e potassio).

Le soluzioni reidratanti orali che contengono quantità adeguate di elettroliti sono disponibili senza prescrizione. Tali soluzioni sono efficaci per il trattamento della disidratazione, in particolare quella causata da vomito o diarrea nei bambini. Le bevande sportive non contengono necessariamente una quantità di elettroliti tale da poter essere considerate dei sostituti adeguati di queste soluzioni. Tuttavia, quando una persona vomita, l’assunzione di liquidi potrebbe non essere sufficiente a trattare la disidratazione.

La disidratazione grave richiede il trattamento da parte del medico con soluzioni per via endovenosa contenenti cloruro di sodio. L’infusione per via endovenosa è veloce all’inizio, poi viene rallentata quando le condizioni del soggetto migliorano.

Il trattamento deve essere diretto anche alla causa della disidratazione. Ad esempio, in caso di nausea e vomito o diarrea, possono essere necessari dei farmaci per controllare o interrompere questi disturbi.

Domande frequenti sulla disidratazione

Cos’è la disidratazione?

La disidratazione è una quantità insufficiente di acqua nell’organismo.

Quali sono i segni della disidratazione?

In caso di disidratazione lieve, si avverte sete e la bocca è secca. In caso di disidratazione grave, si hanno stordimento, stato confusionale e capogiri quando ci si alza in piedi. Senza trattamento, le persone alla fine entrano in coma e muoiono.

La disidratazione può causare febbre?

No, la disidratazione non causa febbre, sebbene molte malattie che causano febbre possano anche portare alla disidratazione.

Quali sono le cause della disidratazione?

La disidratazione è causata dalla perdita, da parte dell’organismo, di una quantità di liquidi superiore a quella assunta. Può quindi essere causata da disturbi o problemi che comportano una perdita di liquidi, come gastroenteriti con vomito e diarrea, sudorazione profusa nella stagione calda e diabete non controllato. Inoltre, la disidratazione può verificarsi quando non si assume una quantità sufficiente di acqua, come nel caso di viaggiatori in panne o anziani disabili che vivono da soli.

La disidratazione può causare diarrea?

No, anzi è esattamente il contrario. La diarrea può causare disidratazione.

Come si interviene in caso di disidratazione?

In caso di disidratazione lieve può essere sufficiente bere molta acqua. Nei casi un po’ più gravi, è necessario assumere una particolare soluzione reidratante orale che contiene la giusta concentrazione di sali minerali (elettroliti) e zuccheri. Il consumo di succhi di frutta, bibite gassate e bevande sportive non è altrettanto efficace. In caso di disidratazione grave, i medici somministrano liquidi per via endovenosa.

La disidratazione può causare infezioni delle vie urinarie (IVU)?

No, la disidratazione non causa IVU.

Che esami si fanno in caso di disidratazione?

Il medico può spesso diagnosticare la disidratazione senza esami, ma talvolta può misurare la concentrazione di sodio e di altri elettroliti nel sangue e controllare la concentrazione delle urine.

Quanto tempo è necessario per riprendersi dalla disidratazione?

Se il problema che ha causato la disidratazione è stato risolto e il soggetto riceve la giusta quantità di liquidi, i casi lievi e moderati possono risolversi in meno di un giorno. La disidratazione grave o la disidratazione di lunga durata deve essere trattata in ospedale e in genere occorrono da 2 a 3 giorni per la risoluzione con una terapia appropriata.

Come si può prevenire la disidratazione?

Per prevenire la disidratazione occorre bere più liquidi se si lavora o si svolge attività fisica quando fa caldo. Occorre fare in modo che i familiari anziani abbiano accesso a quantità sufficienti di acqua se si trovano da soli in un edificio o un luogo caldo. Chi non svolge attività fisica intensa o non si trova in ambienti molto caldi non ha bisogno di bere più acqua del necessario se non ha sete.

NOTA: Questa è la Versione per i pazienti. CLICCA QUI per accedere alla Versione per i professionisti
per accedere alla Versione per i professionisti
Ottieni

Potrebbe anche Interessarti

SOCIAL MEDIA

PARTE SUPERIORE