Manuale Msd

Please confirm that you are not located inside the Russian Federation

honeypot link

Porpora trombocitopenica trombotica (PTT)

Di

David J. Kuter

, MD, DPhil, Harvard Medical School

Ultima revisione/verifica completa lug 2020| Ultima modifica dei contenuti lug 2020
per accedere alla Versione per i professionisti

La porpora trombocitopenica trombotica (PTT) è una malattia grave che provoca la formazione di piccoli coaguli di sangue in tutto il corpo che bloccano l’apporto di sangue a organi vitali come il cervello, il cuore e i reni.

  • I sintomi variano a seconda del sito in cui si formano i coaguli.

  • La diagnosi si basa sui sintomi del soggetto e sugli esami del sangue.

  • Il trattamento della PTT negli adulti prevede plasmaferesi, corticosteroidi, rituximab e raramente caplacizumab.

Trombotica significa che si formano coaguli di sangue, trombocitopenica significa che la conta piastrinica è bassa e porpora fa riferimento ai puntini o lividi color porpora che compaiono sulla cute. La porpora trombocitopenica trombotica (PTT) è una patologia rara nella quale si formano improvvisamente in tutto il corpo molti piccoli coaguli di sangue (trombi). È correlata alla sindrome emolitico-uremica (SEU), ma si osserva con maggiore probabilità negli adulti rispetto alla SEU. I coaguli ostruiscono i vasi sanguigni di piccolo calibro in tutto il corpo, in particolare quelli del cervello, del cuore e dei reni. Il blocco dei vasi sanguigni causa danni agli organi e può spezzare i globuli rossi che passano poi attraverso vasi parzialmente bloccati. La presenza di coaguli indica anche un consumo eccessivo di piastrine, con conseguente calo repentino del numero di quelle circolanti.

Le piastrine sono cellule prodotte nel midollo osseo che circolano nel torrente ematico e favoriscono la coagulazione del sangue. Le piastrine sono dette anche trombociti. La presenza di un numero insufficiente di piastrine è detta trombocitopenia.

La causa della PTT è spesso sconosciuta, ma in alcune persone si sviluppa dopo l’assunzione di certi farmaci (tra cui chinina, ciclosporina e mitomicina C), dopo alcuni tipi di infezioni intestinali, durante la gravidanza o raramente come malattia ereditaria. In altri soggetti la PTT può essere una malattia autoimmune, nella quale il sistema immunitario dell’organismo crea anticorpi che distruggono un enzima (ADAMTS13). Se vi è una carenza di questo enzima, le piastrine iniziano a coagulare in modo anomalo all’interno dei vasi sanguigni, il numero di piastrine nel sangue (conta piastrinica) diminuisce e gli organi in cui si verificano i coaguli (come il cervello e i reni) possono subire dei danni.

Sintomi

Nella porpora trombocitopenica trombotica (PTT), i sintomi si sviluppano improvvisamente

e sono piuttosto diversi rispetto a quelli della maggior parte delle altre forme di trombocitopenia.

Nella PTT, i piccoli coaguli che si formano (con consumo di piastrine) provocano numerosi sintomi e complicanze, alcuni dei quali potenzialmente letali. I sintomi derivanti dalla presenza di coaguli cerebrali possono includere cefalea, confusione, convulsioni e coma. I sintomi causati dalla presenza di coaguli nel cervello possono comparire e scomparire e la loro gravità può variare. I sintomi dovuti alla presenza di coaguli in altre sedi dell’organismo includono alterazioni del ritmo cardiaco, sangue nelle urine e dolore addominale.

Diagnosi

  • Esami del sangue per misurare la conta piastrinica

  • Esami per autoanticorpi contro l'enzima ADAMTS13

  • Esami per escludere eventuali altre patologie che causano bassa conta piastrinica e sanguinamento

Il medico sospetta la presenza di porpora trombocitopenica trombotica (PTT) quando rileva una bassa conta piastrinica in soggetti che hanno avuto malattie, che hanno assunto determinati farmaci o in donne in gravidanza.

Sebbene non esistano esami del sangue specifici per la diagnosi della PTT, il medico prescrive una serie di analisi del sangue che, assieme ai sintomi del soggetto, possono contribuire a formularla. Tali esami del sangue spesso includono analisi che dimostrano la distruzione dei globuli rossi, esami per valutare la funzionalità dei reni e spesso analisi per rilevare la presenza di anticorpi contro l’enzima ADAMTS13.

Trattamento

  • Corticosteroidi e plasmaferesi

  • Talvolta il farmaco rituximab

  • Caplacizumab (raramente)

In presenza di porpora trombocitopenica trombotica (PTT) si ricorre spesso al trattamento con corticosteroidi e a scambio del plasma (trasfusioni di plasma associate a plasmaferesi). Nella plasmaferesi il sangue prelevato dal soggetto viene introdotto in un apparecchio che separa le cellule ematiche dalla parte liquida del sangue (il plasma). Quest’ultimo, che contiene gli anticorpi causa della malattia, viene eliminato, mentre le cellule ematiche vengono reinfuse nel paziente.

Rituximab è un farmaco che sopprime il sistema immunitario ed è talvolta utilizzato in soggetti con recidiva di PTT dopo il trattamento con corticosteroidi e plasmaferesi.

Caplacizumab è un nuovo farmaco che inibisce l’interazione tra una proteina coinvolta nella coagulazione del sangue e le piastrine. Sebbene sia in grado di ridurre la necessità di plasmaferesi e accelerare la guarigione nella PTT, caplacizumab può aumentare il rischio di sanguinamento.

NOTA: Questa è la Versione per i pazienti. CLICCA QUI per accedere alla Versione per i professionisti
per accedere alla Versione per i professionisti
Ottieni

Potrebbe anche Interessarti

PARTE SUPERIORE