Manuale Msd

Please confirm that you are not located inside the Russian Federation

Caricamento in corso

Introduzione alla diagnosi delle malattie cardiovascolari

Di

Michael J. Shea

, MD, Michigan Medicine at the University of Michigan ;


Thomas Cascino

, MD, MSc, University of Michigan

Ultima revisione/verifica completa ott 2019| Ultima modifica dei contenuti ott 2019
per accedere alla Versione per i professionisti
NOTA: Questa è la Versione per i pazienti. CLICCA QUI per accedere alla Versione per i professionisti
per accedere alla Versione per i professionisti

A volte, già l’anamnesi medica e l’esame obiettivo indicano la presenza di una cardiopatia o di una vasculopatia. Tuttavia, spesso sono necessarie procedure diagnostiche speciali per confermare la diagnosi, determinare l’estensione e la gravità della malattia e contribuire a definire la terapia.

Le procedure diagnostiche possono essere

  • Non invasive

  • Minimamente invasive

Le analisi non invasive non richiedono incisioni o punture, se non quelle per il prelievo del sangue o per l’inserimento di un piccolo catetere endovenoso (EV) in una vena del braccio. I test includono

La fluoroscopia (una procedura che usa raggi x continui) viene utilizzata raramente. Le analisi del sangue per misurare i livelli di zucchero (test per il diabete), di colesterolo e di altre sostanze vengono spesso utilizzati per individuare disturbi che possono causare malattie cardiache.

Gli esami minimamente invasivi richiedono in genere l’inserimento di un lungo catetere flessibile in un vaso sanguigno del polso, del collo o della coscia e il suo avanzamento all’interno del vaso fino al cuore. fra cui

La maggior parte di queste procedure comporta un rischio molto basso che cresce, tuttavia, con l’aumentare della loro complessità, la gravità della patologia cardiaca e di eventuali altre patologie presenti.

Talvolta i trattamenti possono essere somministrati durante alcuni esami diagnostici invasivi. Per esempio i soggetti con coronaropatia possono essere sottoposti a intervento coronarico percutaneo durante il cateterismo cardiaco e i soggetti con aritmie cardiache possono essere sottoposti ad ablazione con radiofrequenza durante gli esami elettrofisiologici.

NOTA: Questa è la Versione per i pazienti. CLICCA QUI per accedere alla Versione per i professionisti
per accedere alla Versione per i professionisti
Ottieni

Potrebbe anche Interessarti

Video

Vedi Tutto
Panoramica su cuore e vasi sanguigni
Video
Panoramica su cuore e vasi sanguigni
Modelli 3D
Vedi Tutto
Cateterismo dell’arteria polmonare
Modello 3D
Cateterismo dell’arteria polmonare

SOCIAL MEDIA

PARTE SUPERIORE