Manuale Msd

Please confirm that you are not located inside the Russian Federation

Caricamento in corso

Eccesso di vitamina D

(Tossicità da vitamina D)

Di

Larry E. Johnson

, MD, PhD, University of Arkansas for Medical Sciences

Ultima revisione/verifica completa ott 2019| Ultima modifica dei contenuti ott 2019
per accedere alla Versione per i professionisti
NOTA: Questa è la Versione per i pazienti. CLICCA QUI per accedere alla Versione per i professionisti
per accedere alla Versione per i professionisti

L’assunzione di dosi molto elevate di integratori di vitamina D può causare tossicità da vitamina D.

  • La tossicità della vitamina D causa elevati livelli di calcio nel sangue.

  • I soggetti affetti da tossicità della vitamina D possono perdere l’appetito, mostrare sintomi di nausea, vomito, e sentirsi deboli e nervosi.

  • Il medico diagnostica la carenza misurando i livelli di calcio e vitamina D nel sangue.

  • Il trattamento prevede la sospensione degli integratori di vitamina D e l’assunzione di liquidi e a volte di farmaci.

L’assunzione quotidiana di dosi molto elevate di vitamina D, ad esempio una dose 60-100 volte superiore alla dose giornaliera raccomandata (RDA) per diversi mesi, può causare tossicità e alti livelli ematici di calcio (ipercalcemia). I livelli di calcio si innalzano perché quando i livelli di vitamina D sono alti, avviene quanto segue:

  • Maggior tessuto osseo è degenerato rispetto a quanto è ricostituito. (Di norma le ossa sono continuamente demolite e riformate - un processo detto rimodellamento - per adattarsi alle richieste variabili a cui sono sottoposte). Di conseguenza, il calcio viene rilasciato dall’osso nel torrente ematico.

  • Nell’intestino viene assorbito più calcio dagli alimenti.

I soggetti affetti da tossicità della vitamina D possono avere sintomi causati dagli elevati livelli di calcio nel sangue.

Sintomi

I sintomi iniziali della tossicità della vitamina D sono perdita dell’appetito, nausea e vomito, seguiti da debolezza, nervosismo e ipertensione arteriosa.

Dati gli elevati livelli di calcio, quest’ultimo può depositarsi in tutto l’organismo, soprattutto nei reni, nei vasi sanguigni, nei polmoni e nel cuore. I reni possono subire danni e disfunzioni permanenti che portano all’insufficienza renale.

Diagnosi

  • Esami del sangue

In genere, viene posta una diagnosi di eccesso di vitamina D quando gli esami del sangue riscontrano un elevato livello di calcio in un soggetto che assume dosi elevate di vitamina D. Il medico misura inoltre il livello ematico di vitamina D.

Trattamento

  • Interrompere gli integratori di vitamina D

  • Liquidi somministrati per via endovenosa

  • Farmaci

Il trattamento della tossicità della vitamina D prevede la sospensione degli integratori di vitamina D per controbilanciare gli effetti dell’elevato livello di calcio nel sangue. I liquidi vengono somministrati per via endovenosa, in base alle necessità.

Sono prescritti farmaci come corticosteroidi o bifosfonati per sopprimere il rilascio di calcio dalle ossa.

NOTA: Questa è la Versione per i pazienti. CLICCA QUI per accedere alla Versione per i professionisti
per accedere alla Versione per i professionisti

Potrebbe anche Interessarti

Video

Vedi Tutto
Panoramica su vitamine e minerali
Video
Panoramica su vitamine e minerali
Per la sua salute il corpo umano ha bisogno di varie vitamine e minerali. Molte di queste...

SOCIAL MEDIA

PARTE SUPERIORE