Manuale Msd

Please confirm that you are a health care professional

Caricamento in corso

Disturbo psicotico breve

Di

Carol Tamminga

, MD,

  • UT Southwestern Medical Dallas

Ultima modifica dei contenuti ott 2018
Clicca qui per l’educazione dei pazienti

Il disturbo psicotico breve consiste in deliri, allucinazioni o altri sintomi psicotici che durano almeno 1 giorno ma < 1 mese, con successivo ritorno al normale funzionamento premorboso.

Il disturbo psicotico breve è raro. Disturbi di personalità preesistenti (p. es., paranoide, istrionico, narcisistico, schizotipico, borderline) come anche alcune condizioni cliniche (p.es., lupus sistemico, ingestione di steroidi) predispongono alla sua insorgenza. Un evento stressante importante, come la perdita di una persona amata, può scatenare il disturbo.

I pazienti con la malattia manifestano almeno un sintomo psicotico:

  • Deliri

  • Allucinazioni

  • Eloquio disorganizzato

  • Comportamento macroscopicamente disorganizzato o catatonico

Il disturbo psicotico breve non può essere diagnosticato se i sintomi sono meglio attribuibili a un disturbo dell'umore con manifestazioni psicotiche, a un disturbo schizoaffettivo, alla schizofrenia, a un disturbo organico o agli effetti avversi di una sostanza (prescritta o illegale).

La distinzione tra il disturbo psicotico breve e la schizofrenia in un paziente senza sintomi psicotici primari si basa sulla durata dei sintomi; se la durata è superiore a 1 mese, il paziente non risponde più ai criteri diagnostici per il disturbo psicotico breve.

Il trattamento del disturbo psicotico breve è simile al trattamento di un'esacerbazione acuta della schizofrenia; possono essere necessari dei controlli a breve termine e un trattamento con antipsicotici.

Le ricadute sono frequenti, ma i pazienti tipicamente funzionano bene tra gli episodi e hanno pochi o nessun sintomo.

Clicca qui per l’educazione dei pazienti
NOTA: Questa è la Versione per Professionisti. CLICCA QUI per accedere alla versione per i pazienti
Ottieni

Potrebbe anche Interessarti

SOCIAL MEDIA

PARTE SUPERIORE