Manuale Msd

Please confirm that you are a health care professional

honeypot link

Gengiviti

Di

James T. Ubertalli

, DMD, Hingham, MA

Ultima modifica dei contenuti lug 2020
Clicca qui per l’educazione dei pazienti
Risorse sull’argomento

La gengivite è un tipo di malattia parodontale caratterizzata da infiammazione delle gengive, che provoca sanguinamento con tumefazione, arrossamento, essudato, cambiamento dei normali contorni, e occasionalmente, fastidio. La diagnosi si basa sull'ispezione. Il trattamento comporta l'igiene dentale professionale e l'intensificazione di quello domiciliare. I casi avanzati possono richiedere una terapia antibiotica o un intervento chirurgico.

Normalmente, le gengive sono compatte, strettamente adese ai denti e sagomate per formare un fine punto interdentale. La gengiva cheratinizzata vicina alle corone dentarie è costituita da tessuto roseo e punteggiato. Questo tessuto deve riempire l'intero spazio tra le corone. La gengiva più lontana dalle corone, detta mucosa alveolare, è non cheratinizzata, altamente vascolarizzata, rossa, mobile e in continuità con la mucosa orale. Un abbassalingua non deve provocare perdita di sangue o pus da una gengiva normale.

L'infiammazione, o gengivite, il più frequente problema gengivale, può evolvere in periodontite.

Eziologia

La gengivite può essere

  • Indotta da placche (tipicamente dovuta a scarsa igiene orale)

  • Non indotta da placca

Gengivite indotta da placca

Quasi tutti i tipi di gengivite sono indotti da placca. La placca mineralizzata è una concrezione di batteri, residui di cibo, saliva e muco con sali di calcio e di fosfato. Una scarsa igiene orale consente alla placca di accumularsi tra denti e gengiva; la gengivite non colpisce le zone prive di denti. L'irritazione dovuta alla placca approfondisce il normale crevicolo (solco) tra il dente e la gengiva, creando delle tasche gengivali. Queste tasche contengono batteri che possono causare gengivite e carie radicolari. Altri fattori locali come malocclusione, tartaro, inclusione di cibo, restauri dentari difettosi e xerostomia, svolgono un ruolo secondario.

La gengivite indotta da placca può essere accelerata o aggravata da cambiamenti ormonali, disturbi sistemici, farmaci o carenze nutrizionali.

I cambiamenti ormonali che si verificano durante la pubertà, durante i cicli mestruali e la gravidanza, e in menopausa o che sono causa di contraccettivi orali (o iniettabili) possono esacerbare l'infiammazione.

Disturbi sistemici (p. es., il diabete, l'AIDS, la carenza di vitamina, la leucemia, la leucopenia) possono influenzare la risposta alle infezioni. Alcuni pazienti con morbo di Crohn presentano un'area ciottolosa di ipertrofia gengivale granulomatosa quando compaiono acutizzazioni intestinali.

Farmaci come ciclosporina e nifedipina e carenze gravi (rare negli Stati Uniti) di niacina (che causa la pellagra) o di vitamina C (che causa lo scorbuto) possono causare gengiviti.

L'esposizione a metalli pesanti (p. es., piombo, bismuto) può causare gengivite e una linea scura sul margine gengivale.

Gengivite non indotta da placca

La gengivite non indotta da placca si verifica in una piccola percentuale di persone. Le cause includono infezioni batteriche, virali, fungine e, reazioni allergiche, traumi, disturbi mucocutanee (p. es., lichen planus, pemfigoide), e malattie ereditarie (p. es., ereditaria gengivale fibromatosi).

Sintomatologia

La gengivite semplice causa inizialmente un approfondimento del solco gengivale tra dente e gengiva, seguito da una banda di gengiva rossa e infiammata attorno a uno o più denti, con tumefazione della papilla interdentale e facile sanguinamento indotto. Il dolore è di solito assente. L'infiammazione può risolversi, restare superficiale per anni, o occasionalmente evolvere in parodontite.

La pericoronite è un'infiammazione acuta, dolorosa del lembo gengivale (opercolo) che riveste un dente parzialmente erotto, in genere intorno ai terzi molari mandibolari (denti del giudizio). L'infezione è frequente e può svilupparsi un ascesso o una cellulite. La pericoronite spesso recidiva quando il cibo rimane intrappolato sotto il lembo e può essere esacerbato dal trauma di un 3o molare mascellare opposto. Quando il dente erompe completamente, il lembo gengivale scompare. Molti denti del giudizio non erompono e sono detti impattati.

Durante la menopausa, potrebbe verificarsi una gengivite desquamativa. È caratterizzata da tessuto gengivale rosso scuro, dolente e facilmente sanguinante. La desquamazione può essere preceduta da vescicole. La gengiva è soffice perché le cellule cheratinizzate che resistono all'abrasione da parte delle particelle di cibo sono assenti. Una lesione gengivale simile può essere associata al pemfigo volgare, al pemfigoide bolloso, al pemfigoide mucoso benigno membranoso, o al lichen planus atrofico.

Durante la gravidanza, è probabile che compaia tumefazione, soprattutto delle papille interdentarie. Escrescenze gengivali peduncolate, morbide e rossastre spesso compaiono sulle papille interdentarie durante il 1o trimestre, possono persistere per tutta la gravidanza e possono recedere o meno dopo il parto. Tali escrescenze sono i granulomi piogenici che sono a volte chiamati tumori della gravidanza. Si sviluppano rapidamente e poi rimangono statici. È frequente una causa irritante sottostante, come tartaro o un restauro con un margine ruvido. Queste escrescenze possono verificarsi anche nelle donne non gravide e negli uomini.

Il diabete non controllato può accentuare gli effetti degli irritanti gengivali, rendendo frequenti le infezioni secondarie e gli ascessi gengivali acuti.

Nella leucemia, la gengiva può essere congestionata da un infiltrato leucemico, presentando sintomi clinici di edema, dolore e facile sanguinamento.

Nello scorbuto, le gengive sono infiammate, iperplastiche e congeste, facilmente sanguinanti. In tutta la bocca possono comparire petecchie ed ecchimosi.

Nella pellagra, le gengive sono infiammate, sanguinano con facilità e sono suscettibili di infezioni secondarie. Inoltre, le labbra sono arrossate e screpolate, si sente forte bruciore in bocca, la lingua è liscia e di color rosso vivo e lingua e mucosa possono presentare ulcerazioni.

Diagnosi

  • Valutazione clinica

Il riscontro di tessuto eritematoso, friabile sulla linea gengivale conferma la diagnosi di gengivite. Per rilevare la patologia gengivale in fase iniziale, alcuni dentisti misurano frequentemente la profondità della tasca attorno a ciascun dente. Una profondità < 3 mm è normale; tasche più profonde sono ad alto rischio di gengivite e periodontite.

Trattamento

  • Regolare igiene orale e pulizia professionale

La gengivite semplice è controllata con un'igiene orale appropriata con o senza un collutorio antibatterico. Un'accurata detartrasi (igiene professionale con strumenti manuali e ultrasonici) deve essere effettuata. Se appropriato, i restauri con scarsi margini, sono rimodellati o sostituiti e gli irritanti locali sono rimossi. La gengiva in eccesso, se presente, può essere escissa. I farmaci che causano iperplasia gengivale devono essere sospesi se possibile; in caso contrario, l'intensificazione dell'igiene domiciliare e delle pulizie professionali più frequenti (almeno ogni 3 mesi) solitamente riducono l'iperplasia. I tumori gravidici vengono asportati.

Il trattamento della pericoronite consiste in

  • Rimozione di detriti da sotto il lembo gengivale

  • Sciacqui con soluzione fisiologica, perossido di idrogeno all'1,5%, o clorexidina allo 0,12%

  • Estrazione (particolarmente, quando gli episodi recidivano)

Se si sviluppa un'infezione grave, gli antibiotici possono essere somministrati un giorno prima dell'estrazione e in seguito durante la guarigione. Uno schema terapeutico abituale è l'amoxicillina 500 mg per via orale ogni 6 h per 10 giorni (o fino a 3 giorni dopo la remissione dell'infiammazione). Gli ascessi associati a pericoronite richiedono incisione e drenaggio locali, un lembo parodontale e sbrigliamento radicolare o l'estrazione.

Nella gengivite causata da malattie sistemiche, il trattamento è rivolto alla causa. Nella gengivite desquamativa durante la menopausa, la somministrazione sequenziale di estrogeni e progestinici può essere efficace, ma gli effetti avversi di tale terapia ({blank} Menopausa : Terapia ormonale) ne limitano le indicazioni di uso. In caso contrario, i dentisti possono prescrivere un collutorio contenente corticosteroide o una pasta corticosteroide che viene applicato direttamente alle gengive. La gengivite causata da pemfigo volgare e simili patologie mucocutanee possono richiedere una terapia corticosteroidea sistemica.

Prevenzione

La rimozione quotidiana della placca dentaria con lo spazzolino da denti e il filo interdentale e periodiche sedute di igiene orale presso un dentista o igienista a intervalli di 6 mesi o 1 anno possono aiutare a minimizzare la gengivite. I pazienti con patologie sistemiche che predispongono alla gengivite richiedono una pulizia professionale più frequente (da 2 a 4 settimane ogni 3 mesi).

Punti chiave

  • La gengivite è causata principalmente da una scarsa igiene orale, ma a volte è a causa dei cambiamenti ormonali (p. es., gravidanza, menopausa) o alcuni disturbi sistemici (p. es., diabete, AIDS).

  • La pulizia professionale con o senza risciacquo antibatterico è di solito un trattamento adeguato.

  • Anche le cause sistemiche devono essere trattate.

Clicca qui per l’educazione dei pazienti
NOTA: Questa è la Versione per Professionisti. CLICCA QUI per accedere alla versione per i pazienti
Ottieni

Potrebbe anche Interessarti

SOCIAL MEDIA

PARTE SUPERIORE