Manuale Msd

Please confirm that you are not located inside the Russian Federation

honeypot link

Infezione da virus herpes simplex (HSV) nei neonati

(infezione da virus herpes simplex neonatale)

Di

Brenda L. Tesini

, MD, University of Rochester School of Medicine and Dentistry

Ultima revisione/verifica completa lug 2020| Ultima modifica dei contenuti lug 2020
per accedere alla Versione per i professionisti
Risorse sull’argomento

Negli adulti sani, l’infezione da virus herpes simplex di solito causa unicamente vesciche sgradevoli e ricorrenti ma nei neonati può provocare un’infezione grave.

  • I neonati possono infettarsi durante o dopo la nascita.

  • Il sintomo principale è un’eruzione di vesciche.

  • La diagnosi in genere si basa su esami di campioni prelevati dalle vesciche.

  • Molti bambini non trattati muoiono.

  • Per prevenire la diffusione dell’infezione, le donne infette possono essere sottoposte a un parto cesareo.

  • Ai neonati con infezione da virus herpes simplex si somministra aciclovir, un farmaco antivirale.

Di solito, il virus herpes simplex Infezioni da virus herpes simplex (HSV) L’infezione da virus herpes simplex causa episodi ricorrenti di vescicole piccole, dolorose e piene di liquido su pelle, bocca, labbra (ulcere da raffreddore), occhi o genitali. Questa infezione... maggiori informazioni Infezioni da virus herpes simplex (HSV) (HSV) si trasmette durante il parto attraverso il tratto genitale materno infetto. Anche le madri infette che non presentano alcun sintomo di herpes possono comunque trasmettere l’infezione. Talvolta i neonati vengono infettati dopo la nascita, quando l’infezione è trasmessa da qualcuno con infezione in fase attiva. Nei neonati l’infezione da HSV può portare al decesso o a problemi cronici.

Sintomi dell’infezione da HSV nel neonato

I sintomi dell’infezione da virus herpes simplex di solito iniziano tra la prima e la terza settimana di vita, ma, seppur raramente, possono manifestarsi solo alla quarta settimana. Il primo sintomo è solitamente un’eruzione di piccole vesciche piene di liquido, che possono comparire anche all’interno della bocca e intorno agli occhi.

Esempi di ulcere e vesciche dell’infezione da virus herpes simplex nel neonato

In alcuni neonati l’infezione colpisce solo alcune aree (localizzata). Ad esempio, l’infezione può interessare solo gli occhi, la pelle o la bocca. Talvolta, sono interessati solo il cervello e il sistema nervoso. Se l’infezione localizzata non viene trattata, alcuni neonati sviluppano malattia diffusa.

In altri neonati l’infezione è diffusa e colpisce molte aree. In questi casi sono interessati contemporaneamente organi come occhi, polmoni, fegato, cervello e pelle. Altri sintomi includono letargia, decremento del tono muscolare, problemi respiratori, pause del respiro (apnea) e convulsioni.

Diagnosi di infezione da HSV nel neonato

  • Esame di un campione prelevato dalle vesciche e di altri liquidi corporei

Per la diagnosi di infezione da virus herpes simplex il medico preleva campioni di materiale dalle vesciche e di altri liquidi corporei e li invia al laboratorio per la crescita (coltura) del virus in modo da identificare il virus herpes simplex. I medici possono anche eseguire il test mediante reazione a catena della polimerasi Reazione a catena della polimerasi (PCR) Le tecnologie di diagnostica genetica sono metodi scientifici utilizzati per comprendere e valutare i geni di un individuo. (vedere anche Geni e cromosomi.) I geni sono segmenti di acido desossiribonucleico... maggiori informazioni (PCR) sui campioni. Questo esame consente di individuare il materiale genetico del virus e di identificarlo rapidamente.

Prognosi dell’infezione da HSV nel neonato

Se non viene trattata, l’infezione da herpes del neonato solitamente comporta problemi gravi. L’85% circa dei bambini con infezione da herpes diffusa non trattata muore. Il 50% circa dei neonati con infezione cerebrale non trattata muore. La morte non è comune nei neonati con infezione limitata a cute, occhi oppure bocca. Senza trattamento, almeno il 65% dei sopravvissuti alla malattia diffusa o all’infezione cerebrale sviluppa gravi problemi neurologici.

Il trattamento corretto con farmaci antivirali riduce il tasso di decesso e aumenta significativamente la probabilità di uno sviluppo normale.

Prevenzione dell’infezione da HSV nel neonato

Gli sforzi per prevenire la trasmissione dalla madre al neonato non hanno avuto molto successo. Tuttavia, le donne che presentano vesciche sui genitali all’avvicinarsi del parto devono essere sottoposte al test per l’infezione da herpes simplex.

Se la donna presenta un’infezione da herpes attiva al momento del parto, si può procedere a un parto cesareo Parto cesareo Il parto cesareo è un parto chirurgico che comporta un’incisione sull’addome e sull’utero della donna. Negli Stati Uniti, circa il 30% dei parti sono tagli cesarei. I medici ricorrono al parto... maggiori informazioni Parto cesareo (taglio cesareo) per ridurre il rischio di infezione del neonato. Inoltre, se vi è la possibilità che la madre abbia un’infezione da herpes genitale attiva, durante il travaglio non si utilizzano monitor applicati sullo scalpo del feto, in quanto questi aderiscono al cuoio capelluto e possono diffondere l’infezione. I neonati da donne che hanno un’infezione da herpes attiva devono essere sottoposti al test per l’infezione da virus herpes simplex.

Somministrati alle donne durante le ultime settimane di gravidanza, i farmaci antivirali come aciclovir o valaciclovir possono prevenire le recidive al momento del parto e ridurre la necessità di parto cesareo.

Trattamento dell’infezione da HSV nel neonato

  • Aciclovir

Ai neonati che presentano un’infezione diffusa si somministra il farmaco antivirale aciclovir in vena (per via endovenosa) per 3 settimane e poi per via orale per 6 mesi. Ai neonati che presentano un’infezione localizzata si somministra aciclovir per via endovenosa per 2˜settimane. Questo farmaco non cura l’infezione, ma contribuisce a prevenirne la diffusione e limita i sintomi.

Le infezioni oculari sono trattate anche con colliri di trifluridina, iododeossiuridina o vidarabina.

Ulteriori cure, come somministrazione di liquidi e respirazione assistita, vengono fornite al bisogno.

NOTA: Questa è la Versione per i pazienti. CLICCA QUI per accedere alla Versione per i professionisti
per accedere alla Versione per i professionisti
Ottieni

Potrebbe anche Interessarti

PARTE SUPERIORE