Manuale Msd

Please confirm that you are not located inside the Russian Federation

Caricamento in corso

Alopecia areata

Di

Wendy S. Levinbook

, MD, Hartford Dermatology Associates

Ultima revisione/verifica completa ott 2019| Ultima modifica dei contenuti ott 2019
per accedere alla Versione per i professionisti
I fatti in Breve
NOTA: Questa è la Versione per i pazienti. CLICCA QUI per accedere alla Versione per i professionisti
per accedere alla Versione per i professionisti
Risorse sull’argomento

L’alopecia areata è l’improvvisa perdita di capelli a chiazze quando non esiste alcuna causa evidente, come un disturbo cutaneo o sistemico.

L’alopecia areata è comune. Si verifica in entrambi i sessi e a tutte le età, ma è più frequente nei bambini e negli adolescenti.

Si ritiene che la causa dell’alopecia areata sia una reazione autoimmune, in cui le difese dell’organismo attaccano erroneamente i follicoli piliferi. L’alopecia areata non è il risultato di un altro disturbo, ma alcune persone potrebbero soffrire anche di disturbi della tiroide o di vitiligine (un disturbo della pigmentazione cutanea) coesistenti.

Sintomi

Perdita improvvisa dei peli a chiazze rotonde e irregolari. Intorno ai margini delle chiazze si presentano caratteristici peli corti e rotti che somigliano a punti esclamativi. L’area interessata dalla perdita di peli è generalmente il cuoio capelluto o la barba. A volte si perdono tutti i capelli (alopecia totale), oppure si perdono i capelli delle parti laterali e posteriore del cuoio capelluto (ofiasi) o quelli della parte superiore ma non dei margini del cuoio capelluto (ofiasi inversa). Raramente si ha la perdita totale del pelo corporeo (una condizione definita alopecia universale).

Le unghie possono diventare fissurate o ruvide, oppure la mezza luna alla base delle unghie (la lunula) può essere arrossata.

Diagnosi

  • Valutazione medica

Il medico esamina il cuoio capelluto, la superficie corporea e le unghie.

Per escludere altri disturbi, il medico può eseguire delle analisi.

Trattamento

  • Corticosteroidi

  • Farmaci o sostanze chimiche applicati direttamente sulla pelle

  • Talvolta, il metotressato

L’alopecia areata può essere trattata con corticosteroidi. Per piccole chiazze alopeciche, i corticosteroidi vengono, in genere, iniettati sotto la cute della chiazza calva; anche il minoxidil può essere applicato topicamente. Per le chiazze più grandi, i corticosteroidi possono essere applicati sul cuoio capelluto (topicamente) oppure, più raramente, possono essere assunti per via orale.

Altri trattamenti per l’alopecia areata comportano l’applicazione sul cuoio capelluto di sostanze chimiche, quali l’antralina, il difenilciclopropenone o il dibutilestere dell’acido squarico, al fine di indurre una lieve reazione irritante o allergica, che talvolta promuove la crescita dei capelli. Questi trattamenti vengono solitamente somministrati a persone che presentano una perdita di capelli diffusa in cui altri trattamenti sono risultati inefficaci.

Nei casi più gravi, può essere prescritto il metotressato per via orale. Questo farmaco può essere combinato con corticosteroidi per via orale. I farmaci chiamati inibitori delle Janus chinasi (Janus Kinase, JAK), utilizzati nel trattamento di altre malattie del sangue e autoimmuni, possono essere utili nel trattamento di alopecia areata.

Il medico e il paziente potrebbero decidere di lasciare che l’alopecia areata si risolva spontaneamente, cosa che talvolta avviene senza trattamenti nei casi più lievi. In alcuni casi, i capelli possono ricrescere in qualche mese. Nelle persone in cui la perdita di peli è diffusa, la ricrescita è meno probabile.

Per ulteriori informazioni

NOTA: Questa è la Versione per i pazienti. CLICCA QUI per accedere alla Versione per i professionisti
per accedere alla Versione per i professionisti
Ottieni

Potrebbe anche Interessarti

Video

Vedi Tutto
Orticaria
Video
Orticaria
L’orticaria è una condizione cutanea innocua causata da un aumento del flusso ematico e dei...
Modelli 3D
Vedi Tutto
Stria linfangitica
Modello 3D
Stria linfangitica

SOCIAL MEDIA

PARTE SUPERIORE