Manuale Msd

Please confirm that you are not located inside the Russian Federation

honeypot link

Colera

Di

Larry M. Bush

, MD, FACP, Charles E. Schmidt College of Medicine, Florida Atlantic University

Ultima revisione/verifica completa feb 2020| Ultima modifica dei contenuti feb 2020
per accedere alla Versione per i professionisti

Il colera è una grave infezione intestinale, causata dal batterio Gram-negativo Vibrio cholerae, che provoca diarrea grave e che, in assenza di trattamento, può essere fatale.

  • L’infezione viene contratta quando si consumano cibi (spesso frutti di mare) o acqua contaminati.

  • Il colera è raro, tranne che nelle aree con servizi sanitari inadeguati.

  • Le persone presentano diarrea acquosa e vomito, solitamente senza febbre.

  • L’identificazione dei batteri in un campione di feci conferma la diagnosi.

  • La reintegrazione dei liquidi persi e la somministrazione di antibiotici riescono a curare l’infezione in modo efficace.

(Vedere anche Panoramica sui batteri)

Diverse specie di batteri del genere Vibrio causano diarrea ( Microrganismi che causano la gastroenterite). La malattia più grave, il colera, è causata da Vibrio cholerae. Il colera può verificarsi in grandi epidemie.

L’infezione da Vibrio cholerae viene acquisita consumando acqua, frutti di mare, o altri cibi contaminati da feci di soggetti infetti. I soggetti infetti eliminano i batteri attraverso le feci. Pertanto l’infezione si può diffondere rapidamente, soprattutto nelle aree in cui i rifiuti umani non vengono trattati.

In passato il colera era una patologia comune in tutto il mondo, ma attualmente è limitato ai Paesi in via di sviluppo delle aree tropicali e subtropicali. È diffuso (endemico) in parti dell’Asia, del Medio Oriente, dell’Africa e dell’America centrale e meridionale. Piccole epidemie si sono verificate in Europa, Giappone e Australia. Negli Stati Uniti, il colera può insorgere lungo la costa del Golfo del Messico.

Grandi epidemie di colera continuano a verificarsi ovunque vi sia povertà e le persone non abbiano accesso all’acqua potabile e a servizi igienico-sanitari adeguati. Ad Haiti, dopo il terremoto del 2010, si verificò una grave epidemia di colera che durò fino al 2017. Durante questa epidemia, 700.000 persone hanno contratto la malattia e 9.000 sono decedute. Nello Yemen è scoppiata un’epidemia nel 2016 e non si è ancora risolta. L’epidemia nello Yemen sta provocando effetti devastanti persino maggiori, con oltre 1 milione di persone ammalate e oltre 2.000 decessi. È ritenuta l’epidemia di colera più grande e con la diffusione più rapida della storia moderna.

Nelle aree endemiche, le epidemie di solito avvengono quando le guerre o i conflitti civili bloccano i servizi sanitari pubblici. L’infezione è particolarmente comune durante i mesi caldi e tra i bambini. Nelle aree recentemente colpite, le epidemie possono manifestarsi in qualsiasi stagione e colpire, in pari misura, soggetti di tutte le età.

Perché l’infezione si sviluppi, è necessario ingerire molti batteri. Se ciò avviene, la quantità di batteri può essere talmente grande da non poter essere distrutta dall’acido gastrico; alcuni batteri possono raggiungere l’intestino tenue, dove proliferano e producono una tossina. La tossina fa sì che l’intestino tenue secerna ingenti quantità di sale e acqua. L’organismo espelle questi liquidi sotto forma di diarrea acquosa, ed è proprio la perdita di acqua e sale a causare la morte. I batteri rimangono nell’intestino tenue e non invadono i tessuti.

Poiché l’acido gastrico uccide i batteri, gli individui che ne producono minori quantità sono più soggetti a contrarre il colera. Tra questi troviamo:

  • Bambini piccoli

  • Persone più avanti con l’età

  • Individui che assumono farmaci che riducono la quantità di acido gastrico, compresi gli inibitori della pompa protonica (come l’omeprazolo) e gli antagonisti dei recettori H2 dell’istamina (come la famotidina)

Coloro che vivono nelle aree endemiche acquisiscono gradualmente l’immunità.

Sapevate che…

  • Senza trattamento, oltre la metà dei soggetti affetti da colera grave muore.

Sintomi

La maggior parte dei soggetti infetti è asintomatica.

Quando si manifestano, 1-3 giorni dopo l’esposizione, i sintomi iniziali del colera di solito consistono in diarrea acquosa improvvisa senza dolore e vomito. Di solito, i soggetti non presentano febbre.

La diarrea e il vomito possono essere da leggeri a gravi. Nelle infezioni gravi negli adulti, si perde quasi 1 litro di acqua e sali all’ora. Le feci appaiono di colore grigio e contengono tracce di muco. Sono descritte come feci ad acqua di riso. Nel giro di poche ore, la disidratazione può aggravarsi, causare sete intensa, crampi muscolari e debolezza. La minzione è ridotta al minimo. Gli occhi potrebbero apparire infossati e la pelle delle dita potrebbe riempirsi di rughe. Se la disidratazione non viene trattata, la perdita di acqua e sali può portare a insufficienza renale, shock, coma e morte.

Nelle persone che sopravvivono, i sintomi del colera di solito scompaiono in 3-6 giorni. La maggior parte di loro si libera dai batteri in due settimane. In alcune persone, i batteri permangono indefinitamente senza causare sintomi. Tali individui vengono chiamati portatori.

Diagnosi

  • Coltura di un campione di feci

I medici prelevano un campione di feci o utilizzano un tampone per ottenere un campione dal retto. Il campione viene inviato in laboratorio per far crescere (in coltura) i batteri del colera, se presenti. L’identificazione di Vibrio cholerae nel campione conferma la diagnosi. Può venire utilizzata la tecnica della reazione a catena della polimerasi (PCR) per aumentare la quantità di materiale genetico (DNA) dei batteri, in modo da poterli rilevare più rapidamente.

Vengono eseguite analisi del sangue e delle urine per valutare la disidratazione e la funzionalità renale.

Prevenzione

Per la prevenzione del colera è indispensabile adottare le seguenti misure:

  • Purificazione delle risorse idriche

  • Smaltimento adeguato dei rifiuti organici umani

Nelle aree in cui il colera è presente, altre precauzioni includono:

  • Utilizzare acqua bollita o clorata

  • Evitare di consumare verdure crude e pesce, crostacei e molluschi poco cotti

Molluschi e crostacei tendono a veicolare anche altre specie di Vibrio.

Vaccini

Negli Stati Uniti, per le persone tra i 18 e i 64 anni è disponibile un vaccino contro il colera, se si recano in aree in cui la malattia è endemica. Se ne assume una dose singola per via orale. Tuttavia, non è noto se questo vaccino sia efficace per più di 3-6 mesi.

Fuori dagli Stati Uniti sono disponibili altri due vaccini contro il colera, che forniscono protezione per un periodo massimo di 5 anni in circa il 60-85% delle persone vaccinate. Di questi vaccini si assumono due dosi per via orale. Per coloro che continuano ad essere a rischio di contrarre il colera, sono raccomandate dosi di richiamo dopo 2 anni.

Trattamento

  • Liquidi salini

  • Antibiotici

Reintegrazione dell’acqua e dei sali corporei persi

Reintegrare rapidamente l’acqua e i sali corporei persi può salvare la vita. La maggior parte dei soggetti colpiti può essere trattata efficacemente con una soluzione somministrata per via orale. Queste soluzioni servono a sostituire i liquidi che il corpo umano ha perso.

Nel caso di grave disidratazione in soggetti che non sono in grado di bere, la soluzione salina viene somministrata per via endovenosa.

In caso di epidemia, se la soluzione endovenosa non è disponibile, viene somministrata una soluzione salina per bocca o, se necessario, tramite un sondino inserito nello stomaco attraverso il naso. Dopo aver consumato una giusta quantità di liquidi per alleviare i sintomi, i soggetti dovrebbero bere una soluzione salina sufficiente a ricostituire i liquidi persi a causa della diarrea e del vomito.

I soggetti vengono anche incoraggiati a bere quanta più acqua possibile. I cibi solidi possono essere assunti dopo la scomparsa del vomito e il ritorno dell’appetito.

Senza trattamento, oltre il 50% dei malati gravi di colera muore. Tra le persone che ricevono una tempestiva ed efficace terapia reidratante il decesso si verifica in meno dell’1% dei casi.

Antibiotici

Per ridurre la gravità della diarrea e risolverla in tempi più rapidi viene solitamente somministrato un antibiotico. Inoltre, i soggetti che assumono un antibiotico hanno minore probabilità di diffondere l’infezione durante un’epidemia.

Gli antibiotici che possono essere utilizzati includono la doxiciclina, l’azitromicina e la ciprofloxacina. Ciascuno di questi antibiotici viene assunto per via orale. Il medico sceglie antibiotici noti per la loro efficacia nei confronti dei batteri che causano il colera nella comunità locale. Poiché la tetraciclina e la doxiciclina possono macchiare i denti nei bambini di età inferiore agli 8 anni, in alternativa si somministra l’azitromicina.

Ulteriori informazioni

NOTA: Questa è la Versione per i pazienti. CLICCA QUI per accedere alla Versione per i professionisti
per accedere alla Versione per i professionisti
Ottieni

Metti alla prova la tua conoscenza

Amebiasi
Quando si manifestano, i sintomi dell’amebiasi possono includere ciascuno dei seguenti, ECCETTO:

Potrebbe anche Interessarti

PARTE SUPERIORE