Manuale Msd

Please confirm that you are not located inside the Russian Federation

Caricamento in corso
I fatti in Breve

Endoscopia

Di

The Manual's Editorial Staff

Ultima revisione/verifica completa lug 2018| Ultima modifica dei contenuti lug 2018
per accedere alla Versione per i professionisti
Ottenere tutti i dettagli
NOTA: Questa è la Versione per i pazienti. CLICCA QUI per accedere alla Versione per i professionisti
per accedere alla Versione per i professionisti
Risorse sull’argomento

Che cos’è un endoscopio?

“Endo” significa all’interno, e “scopio” significa guardare. Pertanto, un endoscopio è uno strumento usato dai medici per esaminare l’interno del corpo. Può essere utilizzato anche per eseguire esami e trattare malattie.

Gli endoscopi sono tubi dotati all’estremità di una luce e di una piccola videocamera, e all’interno sono cavi. Il medico può introdurvi strumenti per eseguire esami e trattare problemi.

Gli endoscopi possono essere:

  • Rigidi, di metallo non pieghevoli

  • Flessibili, in modo da potersi curvare negli angoli come un serpente

Si usano endoscopi di misura diversa per parti diverse del corpo. La misura scelta dal medico dipende dalla parte del corpo che deve essere esaminata e trattata. Ad esempio, l’endoscopio può essere:

  • Corto e stretto: per il naso e la parte posteriore della gola (nasofaringolaringoscopia) o per la parte inferiore dell’intestino crasso (sigmoidoscopia)

  • Lungo e stretto: per le vie respiratorie nei polmoni (broncoscopia)

  • Lungo e più largo: per lo stomaco (endoscopia superiore) e l’intestino (colonscopia)

Che cos’è l'endoscopia?

Si definisce endoscopia qualsiasi esame nel quale i medici usano una sonda di esplorazione per ottenere un’immagine ravvicinata dell’interno del corpo. Tuttavia, quando parlano di “endoscopia”, i medici di norma si riferiscono all’esame del tratto digerente (tratto GI).

Esistono due tipi principali di endoscopia GI:

  • Endoscopia superiore, inserimento di una sonda nella bocca fino all’esofago, per esaminare esofago, stomaco e parte dell’intestino tenue

  • Endoscopia inferiore (colonscopia), inserimento di una sonda nell’ano per esaminare il retto e l’intestino crasso

La sigmoidoscopia è un tipo di endoscopia del tratto GI inferiore nella quale il medico usa una sonda corta ed esamina solo i 25 centimetri inferiori dell’intestino crasso.

Esplorazione del tratto digerente con un endoscopio

Una sonda flessibile detta endoscopio viene utilizzata per osservare parti diverse del tratto digerente. Introdotto attraverso la bocca (come illustrato a sinistra), l’endoscopio può essere utilizzato per esaminare l’esofago, lo stomaco e parte dell’intestino tenue. Introdotto attraverso l’ano (destra), un endoscopio può essere utilizzato per esaminare il retto e tutto l’intestino crasso.

Esplorazione del tratto digerente con un endoscopio

Perché si esegue un’endoscopia?

Si effettua un’endoscopia GI per individuare, e spesso trattare, problemi dell’esofago, dello stomaco, dell’intestino e del retto. Anche in assenza di sintomi, il medico può eseguire un’endoscopia per ricercare problemi gravi come il tumore del colon, che può essere trattato se individuato.

I medici possono utilizzare l’endoscopia per:

  • Capire il motivo alla base di alcuni sintomi

  • Controllare problemi in pazienti di una certa età, ad esempio, una colonscopia per lo screening del tumore del colon negli ultracinquantenni

  • Trattare alcuni problemi utilizzando piccoli strumenti che possono essere inseriti attraverso l’endoscopio

Fra le procedure che si possono effettuare con un endoscopio vi sono:

  • Prelievo di un piccolo frammento di tessuto per esaminarlo (biopsia)

  • Asportazione di una neoformazione, come un polipo nell’intestino crasso

  • Iniezione di un farmaco, per esempio un farmaco che arresta il sanguinamento da un’ulcera

  • Arresto di emorragie con laser, calore o elettricità

Come ci si prepara per un’endoscopia superiore?

  • È necessario non mangiare né bere prima del test; il medico dirà esattamente quando

  • Il medico stabilirà se la mattina dell’esame è possibile assumere alcuni dei farmaci che si assumono regolarmente

Come ci si prepara per un’endoscopia inferiore (colonscopia)?

  • Il giorno prima dell’esame è permesso solo assumere liquidi, senza alcun cibo solido

  • Non si deve mangiare né bere dalla notte prima dell’esame; il medico dirà esattamente quando

  • Il medico stabilirà se la mattina dell’esame è possibile assumere alcuni dei farmaci che si assumono regolarmente

  • Il giorno prima dell’esame è necessario assumere farmaci per eliminare tutte le feci dall’intestino; il farmaco può essere sotto forma di compresse, liquidi da bere o liquidi somministrati per via anale (clistere)

Cosa accade durante un’endoscopia?

Durante l’endoscopia superiore o la colonscopia il paziente è sdraiato ed è collegato ad alcuni strumenti per misurare la pressione arteriosa e il polso durante il test.

  • Viene inserita una flebo nel braccio per somministrare liquidi e farmaci

  • Nel caso dell’endoscopia superiore, i medici somministrano un anestetico nella gola

  • Viene infuso un farmaco per via EV per mantenere il soggetto calmo e rilassato o addormentarlo

Il medico introduce delicatamente la sonda nel corpo

e può visualizzare problemi come:

  • Arrossamento

  • Piaghe aperte (ulcere)

  • Gonfiore

  • Neoformazioni anomale

Il rivestimento e gli strati interni dell’apparato digerente (ad eccezione della parte inferiore dell'ano) non possiedono nervi che avvertono il dolore, quindi la procedura è indolore, anche in assenza di anestesia.

L’endoscopia impiega circa 15-30 minuti. Dopo il risveglio e se tutto è normale, il paziente può tornare a casa con un amico o un familiare e riposare fino al giorno seguente.

L’endoscopia è sicura?

L’endoscopia è generalmente molto sicura. I problemi sono rari, ma possono includere:

  • Sensazione di stanchezza a causa del farmaco rilassante

  • Sensazione fastidiosa nella parte del corpo che è stata esaminata

  • Sanguinamento di piccola entità

  • Lesioni alla zona esaminata

  • Gola irritata dopo un’endoscopia superiore

  • Molta flatulenza dopo un’endoscopia inferiore

Chiamare immediatamente il medico in presenza di uno qualsiasi dei seguenti sintomi dopo un’endoscopia:

  • Febbre

  • Grave dolore addominale

  • Dolore toracico o respiro affannoso

  • Vomito, soprattutto se è scuro o contiene sangue

  • Sangue nelle feci oppure feci nere

NOTA: Questa è la Versione per i pazienti. CLICCA QUI per accedere alla Versione per i professionisti
per accedere alla Versione per i professionisti
Ottieni

Potrebbe anche Interessarti

Video

Vedi Tutto
Malattia da reflusso gastroesofageo
Video
Malattia da reflusso gastroesofageo
Il tratto gastrointestinale, o GI, è composto da cavità orale, faringe, esofago, stomaco e...

SOCIAL MEDIA

PARTE SUPERIORE