Manuale Msd

Please confirm that you are not located inside the Russian Federation

Caricamento in corso

Tiroidite linfocitaria silente

(tiroidite post-partum)

Di

Jerome M. Hershman

, MD, MS, David Geffen School of Medicine at UCLA

Ultima revisione/verifica completa ago 2019| Ultima modifica dei contenuti ago 2019
per accedere alla Versione per i professionisti
NOTA: Questa è la Versione per i pazienti. CLICCA QUI per accedere alla Versione per i professionisti
per accedere alla Versione per i professionisti
Risorse sull’argomento

La tiroidite linfocitaria silente è un’infiammazione autoimmune indolore della tiroide che solitamente insorge dopo il parto e in genere si risolve spontaneamente.

(Vedere anche Panoramica sulla tiroide)

La tiroidite linfocitaria silente insorge più spesso tra le donne, generalmente da tre a quattro mesi dopo il parto, e determina l’ingrossamento non dolente della tiroide. Questa malattia recidiva a ogni gravidanza.

Per un periodo che va da alcune settimane ad alcuni mesi, il soggetto presenta una tiroide iperattiva (ipertiroidismo) e, successivamente, una tiroide ipoattiva (ipotiroidismo) prima di recuperare la normale funzionalità tiroidea.

Sintomi

La tiroidite linfocitaria silente insorge nei 3-4 mesi successivi al parto. Inizia con una fase di ipertiroidismo, quando la tiroide si ingrossa ma non è dolente, neanche al tatto. Successivamente si instaura una fase di ipotiroidismo, prima che la condizione si risolva di solito spontaneamente. Durante la seconda fase si possono manifestare sintomi di ipotiroidismo che possono comprendere affaticamento, aumento di peso, stipsi, secchezza della pelle e dei capelli e intolleranza al freddo.

Sapevate che…

  • Il termine “silente”, nella tiroidite linfocitaria silente, indica un’infiammazione della tiroide che non causa alcun dolore.

  • Il termine “linfocitaria” si riferisce al tipo di globuli bianchi presenti nel tessuto tiroideo quando questo viene esaminato al microscopio.

Diagnosi

  • Esami della funzionalità tiroidea

La diagnosi di tiroidite linfocitaria silente viene effettuata in base ai sintomi, nonché ai risultati dell’esame obiettivo e degli esami della funzionalità tiroidea. Raramente, il medico esegue una biopsia della tiroide per confermare la diagnosi.

Se una donna ha sviluppato la tiroidite linfocitaria silente dopo una gravidanza, il medico di solito prescrive degli esami per verificare se il disturbo si presenta nelle gravidanze successive.

Trattamento

  • Betabloccanti per l’ipertiroidismo

  • Ormone tiroideo sostitutivo per l’ipotiroidismo

L’ipertiroidismo può richiedere un trattamento per qualche settimana, spesso con un beta-bloccante come l’atenololo.

Durante la fase di ipotiroidismo, il soggetto può dover assumere l’ormone tiroideo, di solito per un periodo non superiore a circa 12 mesi. Tuttavia, l’ipotiroidismo diventa permanente in circa il 10% dei soggetti con tiroidite linfocitaria silente e tali soggetti devono assumere l’ormone tiroideo per il resto della vita.

NOTA: Questa è la Versione per i pazienti. CLICCA QUI per accedere alla Versione per i professionisti
per accedere alla Versione per i professionisti
Ottieni

Potrebbe anche Interessarti

Video

Vedi Tutto
Retinopatia diabetica
Video
Retinopatia diabetica
Durante la normale visione, la luce passa attraverso la cornea sulla superficie esterna dell’occhio...
Modelli 3D
Vedi Tutto
Sistema endocrino femminile
Modello 3D
Sistema endocrino femminile

SOCIAL MEDIA

PARTE SUPERIORE