Manuale Msd

Please confirm that you are not located inside the Russian Federation

honeypot link

Dacriostenosi

Di

James Garrity

, MD, Mayo Clinic College of Medicine

Ultima revisione/verifica completa lug 2020| Ultima modifica dei contenuti lug 2020
per accedere alla Versione per i professionisti
Risorse sull’argomento

La dacriostenosi è il restringimento del dotto nasolacrimale da cui le lacrime drenano dall’occhio.

La dacriostenosi può essere presente dalla nascita (congenita) o svilupparsi dopo la nascita (acquisita). Entrambi i tipi possono causare lacrimazione o un’infezione del sacco lacrimale (dacriocistite).

Dacriostenosi congenita

La dacriostenosi congenita può essere dovuta a uno sviluppo inadeguato di una parte del dotto nasolacrimale. Molto spesso, l’estremità del dotto nasolacrimale è ostruita. Il risultato è uno stravaso del liquido lacrimale sulla guancia (epifora) o formazione persistente di croste. Possono essere interessati uno o entrambi gli occhi.

Il problema si rende spesso evidente a 3-12 settimane di vita. In genere, questa ostruzione si risolve entro i 6-9 mesi, spontaneamente, con lo sviluppo del sistema nasolacrimale. Finché il bambino non ha circa 1 anno, il medico spesso suggerisce ai genitori di massaggiare delicatamente il sacco lacrimale 4 o 5 volte al giorno per aiutare ad alleviare l’ostruzione.

Se l’ostruzione non viene rimossa entro l’anno di vita, è necessario l’intervento di un medico specializzato in orecchie, naso e gola (otorinolaringoiatra) o negli occhi (oftalmologo) per riaprire il dotto nasolacrimale con una piccola sonda inserita, in genere, attraverso l’apertura del dotto (punto lacrimale) sull’angolo interno della palpebra vicino al naso. Per questa procedura, di solito, il bambino viene sottoposto ad anestesia generale.

Da dove provengono le lacrime

Da dove provengono le lacrime

Dacriostenosi acquisita

La dacriostenosi acquisita deriva spesso dal restringimento del dotto legato all’età. Può anche derivare dalla cicatrizzazione dopo una lesione o un intervento chirurgico, oppure da patologie che provocano infiammazione come sarcoidosi o granulomatosi con poliangioite (in precedenza denominata granulomatosi di Wegener). Di solito il semplice inserimento di una sonda, come nel caso della dacriostenosi congenita, non è efficace. Se la dacriostenosi causa lacrimazione persistente e fastidiosa o episodi ripetuti di infezione, può essere necessario un intervento chirurgico (dacriocistorinostomia [DCR]) per creare un passaggio tra il sacco lacrimale e il naso.

NOTA: Questa è la Versione per i pazienti. CLICCA QUI per accedere alla Versione per i professionisti
per accedere alla Versione per i professionisti
Ottieni

Metti alla prova la tua conoscenza

Infezioni dell’orbita (Cellulite presettale; Cellulite orbitaria)
Quale forma di trattamento può essere necessaria per la cellulite orbitaria ma non per la cellulite presettale?

Potrebbe anche Interessarti

PARTE SUPERIORE