Manuale Msd

Please confirm that you are not located inside the Russian Federation

honeypot link

Disposofobia

Di

Katharine A. Phillips

, MD, Weill Cornell Medical College;


Dan J. Stein

, MD, PhD, University of Cape Town

Ultima revisione/verifica completa set 2018| Ultima modifica dei contenuti set 2018
per accedere alla Versione per i professionisti
I fatti in Breve

Nella disposofobia (accaparramento compulsivo o accumulo patologico) il soggetto ha sempre grandi difficoltà a disfarsi o a separarsi dagli oggetti, che finiscono per accumularsi e invadere gli ambienti in cui vive fino a renderli non più vivibili.

  • A differenza dei collezionisti, il soggetto disposofobico accumula oggetti in maniera disorganizzata e ha difficoltà a separarsi dalle cose di scarso valore.

  • Il medico pone la diagnosi del disturbo quando il soggetto accumula molti beni, ha grandi difficoltà a separarsene ed è angosciato in modo significativo e impedito nelle sue attività quotidiane a causa dell’accumulo.

  • Alcuni antidepressivi e la terapia cognitivo-comportamentale possono essere efficaci.

I sintomi della disposofobia spesso compaiono nel corso dell’adolescenza. All’inizio, il disturbo può essere lieve ma con l’età può gradualmente peggiorare, causando problemi seri intorno ai 30 anni. Si ritiene che questo disturbo colpisca circa il 2-6% delle persone.

Sintomi

Il soggetto affetto da disposofobia ha un bisogno impellente di conservare oggetti e prova una forte angoscia quando è costretto a separarsene o addirittura al solo pensiero di doverlo fare. Il soggetto non ha spazio a sufficienza per sistemare tutti gli oggetti che accumula. Le stanze si riempiono talmente tanto da non essere più vivibili; servono solo ad accumulare oggetti. Ad esempio, il lavandino può essere coperto da pile di giornali accumulati, così come i piani di lavoro, i fornelli e il pavimento della cucina, che di fatto non è più utilizzabile per cucinare i pasti.

L’accumulo spesso interferisce con le attività domestiche del soggetto e, talvolta, con quelle scolastiche o lavorative. Ad esempio, il soggetto non vuole che le persone entrino in casa, compresi i familiari, gli amici e i tecnici per le riparazioni, perché è imbarazzato dal disordine. Il disordine può compromettere la sicurezza e mettere la casa a rischio d’incendio o di animali infestanti. Alcuni soggetti realizzano che l’accumulo è un problema, altri no.

Nell’accumulo di animali, il soggetto tiene con sé animali da compagnia in quantità superiori allo spazio disponibile e al cibo e alle cure veterinarie che può dare o prestare. Fa sì che gli animali vivano in condizioni non igieniche. Spesso, gli animali vivono in spazi angusti e perdono peso e/o si ammalano. Tuttavia, molti soggetti affetti da tale disturbo non ammettono di non prendersi cura in maniera corretta degli animali. Gli accumulatori di animali sono molto affezionati ai loro animali e non vogliono darli via.

Senza trattamento, i sintomi di solito perdurano per tutta la vita, con poco o nessun cambiamento.

Diagnosi

  • Valutazione di un medico basata su determinati criteri diagnostici

Il medico distingue l’accumulo patologico di cose e beni da quello temporaneo (ad esempio, quando si ereditano dei beni) perché l’accumulo rimane. Si differenzia dal collezionare oggetti (come libri o figurine) perché l’accumulo, a differenza del collezionismo, è disorganizzato e interferisce con la capacità del soggetto di usare le stanze ingombrate.

I medici diagnosticano la disposofobia quando

  • I soggetti hanno costantemente difficoltà a eliminare o separarsi dagli oggetti, a prescindere dal loro valore reale.

  • I soggetti conservano gli oggetti principalmente perché sentono di doverlo fare, indipendentemente dal valore dell’oggetto.

  • L’accumulo di oggetti congestiona e ingombra gli spazi abitativi (non le cantine o i ripostigli) e interferisce con l’uso di tali spazi per gli scopi previsti.

  • I soggetti si sentono molto angosciati al pensiero di eliminare uno qualsiasi dei propri oggetti e/o la loro funzionalità (sul lavoro, in famiglia o con gli amici) si riduce a causa dell’accumulo.

Trattamento

  • Alcuni antidepressivi

  • Terapia cognitivo-comportamentale

Un trattamento con inibitori selettivi della ricaptazione della serotonina (un tipo di farmaci antidepressivi) può essere efficace.

Anche la terapia cognitivo-comportamentale incentrata specificamente sull’accumulo può ridurre i sintomi. Per esempio, i medici possono tentare di aiutare i soggetti ad eliminare oggetti, evitare di acquisirne nuovi (se l’acquisizione eccessiva è un problema) e a prendere decisioni migliori.

Poiché molte persone non riescono a smettere di accumulare, il medico deve ricorrere a tecniche motivazionali per convincere il soggetto a partecipare al trattamento.

NOTA: Questa è la Versione per i pazienti. CLICCA QUI per accedere alla Versione per i professionisti
per accedere alla Versione per i professionisti
Ottieni

Metti alla prova la tua conoscenza

Disturbo ciclotimico
Nelle persone affette dal disturbo ciclotimico, episodi di esaltazione (ipomania) relativamente lievi e brevi si alternano a episodi di tristezza (depressione) lievi e brevi. Quale delle seguenti affermazioni riguardo al disturbo ciclotimico è corretta?

Potrebbe anche Interessarti

PARTE SUPERIORE