Manuale Msd

Please confirm that you are not located inside the Russian Federation

honeypot link

Cisti ossee

Di

Michael J. Joyce

, MD, Cleveland Clinic Lerner School of Medicine at Case Western Reserve University;


Hakan Ilaslan

, MD, Cleveland Clinic Lerner College of Medicine at Case Western Reserve University

Ultima revisione/verifica completa giu 2020| Ultima modifica dei contenuti giu 2020
per accedere alla Versione per i professionisti
Risorse sull’argomento

Molte anomalie ossee non cancerogene (benigne) possono sembrare un tumore osseo, pur non essendolo.

(Vedere anche Panoramica sui tumori ossei.)

Cisti ossee aneurismatiche

Le cisti ossee aneurismatiche si sviluppano solitamente prima dei 25 anni di età e la causa non è nota. Sono formate da varie sacche piene di sangue attaccate le une alle altre. Queste cisti si manifestano solitamente vicino ai bordi interni delle ossa lunghe (braccio e femore), ma possono colpire quasi ogni osso. Le cisti tendono a crescere lentamente. Il dolore e il gonfiore sono comuni. La cisti può essere presente da alcune settimane a un anno prima della diagnosi.

La diagnosi di cisti ossea aneurismatica di solito viene formulata tramite una radiografia e una risonanza magnetica per immagini (RMI). Il medico preleva anche un campione di tessuto per l’esame al microscopio (biopsia).

L’ablazione chirurgica dell’intera cisti è il trattamento più efficace, ma a volte la cisti si riforma, soprattutto se non viene rimossa completamente. Si deve evitare la radiazione quando è possibile, perché i tumori maligni si sviluppano a volte più tardi. Tuttavia, la radioterapia può essere il trattamento alternativo per le cisti che non è possibile trattare chirurgicamente e che esercitano pressione sul midollo spinale.

Cisti ossee unicamerali (cisti ossee semplici)

Le cisti ossee unicamerali si manifestano vicino alle cartilagini di accrescimento nelle braccia o nelle gambe dei bambini. Le cartilagini di accrescimento permettono ai bambini di crescere.

Le cisti causano spesso l’assottigliamento delle ossa circostanti, portando alla rottura (frattura). Quelle che misurano meno di 5 centimetri di lunghezza o di larghezza possono guarire e sparire con la guarigione della frattura. Le cisti che misurano più di 5 centimetri in lunghezza o in larghezza, soprattutto nei bambini, possono necessitare di trattamento.

La diagnosi delle cisti ossee unicamerali generalmente viene formulata mediante una radiografia. La maggior parte delle volte, le radiografie sono sufficienti per formulare la diagnosi, ma talvolta vengono eseguiti altri esami di diagnostica per immagini, come una risonanza magnetica per immagini (RMI) oppure, occasionalmente, una tomografia computerizzata (TAC).

La maggior parte delle volte, queste cisti sono trattate con iniezioni di corticosteroidi (spesso ripetutamente), con un inserto osseo plastico o con sostituti ossei sintetici. A volte il trattamento consiste in un intervento chirurgico per rimuovere il contenuto della cisti dall’osso mediante raschiamento con uno strumento a forma di cucchiaio (curettaggio), e il trapianto di osso prelevato da un’altra parte del corpo (innesto osseo). Indipendentemente dal trattamento, la cisti rimane o si ripresenta nel 10-15% circa delle persone.

NOTA: Questa è la Versione per i pazienti. CLICCA QUI per accedere alla Versione per i professionisti
per accedere alla Versione per i professionisti
Ottieni

Metti alla prova la tua conoscenza

Fasciosi plantare (Fascite plantare)
Quale delle opzioni di seguito conferma che si è affetti da fasciosi plantare?

Potrebbe anche Interessarti

PARTE SUPERIORE