Manuale Msd

Please confirm that you are not located inside the Russian Federation

honeypot link

Difficoltà motorie

Di

Alexandra Villa-Forte

, MD, MPH, Cleveland Clinic

Ultima revisione/verifica completa feb 2021| Ultima modifica dei contenuti feb 2021
per accedere alla Versione per i professionisti

Un soggetto può avere difficoltà a muovere il corpo o una parte di esso.

Cause della difficoltà di movimento

Il movimento può essere difficile a causa di disturbi che limitano il movimento articolare o che causano debolezza, rigidità, tremore o difficoltà a iniziare il movimento (ad esempio il morbo di Parkinson). Il movimento, inoltre, può essere limitato quando causa dolore. I soggetti che soffrono di dolori muscolari, legamentosi, ossei o articolari (vedere Introduzione alla biologia del sistema muscoloscheletrico) tendono consciamente o inconsciamente a limitare il movimento. Questa limitazione del movimento dà spesso l’impressione di debolezza, anche se il sistema nervoso e i muscoli sono in grado di generare il movimento.

Patologie articolari

Un’articolazione può avere un’ampiezza di movimento limitata a causa di:

  • Dolore

  • Traumi articolari precedenti che danno origine a tessuto cicatriziale importante

  • Immobilizzazione prolungata dell’articolazione (ad esempio, quando il braccio di una persona è paralizzato da un ictus o è rimasto bendato) che causa una riduzione dei tendini

  • Accumulo di liquidi in un’articolazione in seguito ad artrite o a una lesione grave (che dà la sensazione di avere l’articolazione bloccata)

  • Un pezzo di cartilagine lacerata (in seguito a un trauma, solitamente nel ginocchio) che blocca il movimento articolare

Debolezza

Benché molte persone lamentino debolezza muscolare quando sono stanche o esaurite, la vera debolezza consiste nell’incapacità di generare una contrazione muscolare forte e normale con il massimo dello sforzo. La contrazione normale volontaria del muscolo richiede che il cervello generi un segnale che si sposta lungo il midollo spinale e i nervi, per raggiungere un muscolo con una funzionalità normale. Di conseguenza, la vera debolezza può derivare dal trauma o dal disturbo che colpisce il sistema nervoso, i muscoli o le connessioni fra loro (giunzione neuromuscolare).

Diagnosi di difficoltà di movimento

  • Valutazione medica

I medici formulano spesso la diagnosi di debolezza sulla base dei sintomi e dei riscontri all’esame obiettivo. I medici cercano prima di determinare se la persona può contrarre i muscoli con la forza normale. Se la forza muscolare è normale e il paziente ha difficoltà a muovere l’articolazione, il medico prova a muovere l’articolazione mentre il paziente si rilassa (movimento passivo). Se il movimento è doloroso, il problema potrebbe derivare da un’infiammazione dell’articolazione. Se il movimento passivo causa un leggero dolore, ma si blocca, il problema potrebbe scaturire da una contrattura articolare (ad esempio, dovuta a tessuto cicatriziale) o da una rigidità causata da un problema del sistema nervoso. Se il dolore passivo causa un dolore lieve senza essere bloccato, il medico incoraggia la persona a sforzarsi al massimo di effettuare il movimento. Se il movimento continua ad essere difficile e continua a non causare dolore, è possibile che esista una vera debolezza.

Trattamento della difficoltà di movimento

  • Esercizi di stretching e fisioterapia

  • Talvolta intervento chirurgico

Per le articolazioni con un’ampiezza di movimento limitato, la flessibilità articolare può essere aumentata al massimo con esercizi di stretching e fisioterapia.

Se l’ampiezza di movimento dell’articolazione è gravemente limitata da tessuto cicatriziale, potrebbe essere necessario un intervento chirurgico.

Il modo migliore per migliorare la debolezza è trattare il disturbo all’origine, ma la fisioterapia spesso aiuta molto, anche quando non esiste un trattamento farmacologico ideale.

NOTA: Questa è la Versione per i pazienti. CLICCA QUI per accedere alla Versione per i professionisti
per accedere alla Versione per i professionisti
Ottieni

Metti alla prova la tua conoscenza

Artrite reattiva
L’artrite reattiva causa infiammazione delle articolazioni e dei collegamenti dei tendini alle articolazioni. Viene definita “reattiva” perché si verifica frequentemente in reazione a un’infezione. In quale dei seguenti organi è più probabile che si verifichi un’infezione di questo tipo?

Potrebbe anche Interessarti

PARTE SUPERIORE