Manuale Msd

Please confirm that you are a health care professional

Caricamento in corso

Lesioni locali senza congelamento

Di

Daniel F. Danzl

, MD, University of Louisville School of Medicine

Ultima modifica dei contenuti mag 2019
Clicca qui per l’educazione dei pazienti
NOTA: Questa è la Versione per Professionisti. CLICCA QUI per accedere alla versione per i pazienti
Risorse sull’argomento

Lesioni tissutali sia di tipo acuto che cronico senza formazione di cristalli di ghiaccio possono derivare dall'esposizione al freddo.

Congelamento di primo grado

La più lieve lesione da freddo consiste nel congelamento di primo grado. Le aree affette sono insensibili, gonfie e arrossate. Il trattamento si basa sul riscaldamento, che causa dolore e prurito. Occasionalmente può persistere per mesi o anni una lieve ipersensibilità al freddo, ma senza alcun danno permanente ai tessuti sottostanti.

Piede da immersione (o da trincea)

L'esposizione prolungata all'umidità ma non a una temperatura di congelamento può causare il piede da immersione. Il danno è solitamente a carico del tessuto nervoso periferico e del sistema vascolare; il tessuto muscolare e la pelle possono essere danneggiati nei casi gravi.

Inizialmente il piede si presenta pallido, edematoso, sudato, freddo e insensibile. Se il paziente cammina a lungo si può verificare una macerazione dei tessuti. Il riscaldamento causa iperemia, dolore e spesso ipersensibilità tattile superficiale, che può persistere per 6-10 settimane. La cute si può ulcerare o si può formare una gangrena umida. La disfunzione autonomica è frequente con aumento o riduzione della sudorazione, alterazioni del tono vasomotorio e ipersensibilità locale alle variazioni di temperatura. L'atrofia muscolare e le disestesie o anestesia possono essere presenti e cronicizzare.

Il piede da immersione può essere prevenuto evitando di indossare calzature strette, mantenendo i piedi e gli scarponi asciutti e cambiando i calzini frequentemente.

Il trattamento immediato consiste nel riscaldare la zona interessata immergendola in acqua calda (da 40 fino a 42° C), seguita da una medicazione sterile. Bisogna evitare la nicotina. I sintomi legati alla neuropatia cronica sono difficili da trattare; l'uso dell'amitriptilina è stato descritto e può essere tentato (vedi Dolore neuropatico: trattamento).

Geloni (perniosi)

I geloni sono aree localizzate di eritema, edema, dolore e prurito conseguenti all'esposizione ripetuta al freddo umido che non gela; il meccanismo fisiopatologico non è chiaro. Si possono formare bolle o ulcere. I geloni colpiscono generalmente le dita e l'area pretibiale e sono autolimitanti. Occasionalmente la sintomatologia è ricorrente. Le donne più giovani sono più comunemente colpite, alcune delle quali possono avere Fenomeno di Raynaud o patologie autoimmuni sottostanti (p. es., lupus eritematoso sistemico o cutaneo).

Il danno endoteliale e neuronale porta al vasospasmo e a un'esagerata risposta simpatica quando si è esposti al freddo. La nifedipina 20 mg per via orale 3 volte/die, il limaprost 20 mcg per via orale 3 volte/die (non disponibile negli Stati Uniti) o i corticosteroidi (per via orale, p. es., prednisolone 0,25 mg/kg 2 volte/die, più corticosteroidi topici) possono essere efficaci per il pernio refrattario. Farmaci simpaticolitici e astensione dalla nicotina possono essere d'aiuto.

Clicca qui per l’educazione dei pazienti
NOTA: Questa è la Versione per Professionisti. CLICCA QUI per accedere alla versione per i pazienti
Ottieni

Potrebbe anche Interessarti

Video

Vedi Tutto
Come eseguire una toracostomia con ago
Video
Come eseguire una toracostomia con ago
Modelli 3D
Vedi Tutto
Torace
Modello 3D
Torace

SOCIAL MEDIA

PARTE SUPERIORE