Manuale Msd

Please confirm that you are a health care professional

honeypot link

Emicrania

Clicca qui per l’educazione dei pazienti
Risorse sull’argomento

L'emicrania è una cefalea primitiva episodica. I sintomi in genere durano da 4 a 72 h e possono essere di entità grave. Il dolore è spesso unilaterale, pulsante, peggiora durante sforzo fisico ed è accompagnato da sintomi quali nausea e ipersensibilità a luce, suoni o odori. Le aure si verificano in circa il 25% dei pazienti, solitamente appena prima ma a volte dopo il mal di testa. La diagnosi è clinica. Il trattamento si serve di triptani, diidroergotamina, antiemetici e analgesici. La prevenzione si basa sulla modificazione dello stile di vita (p. es., abitudini legate al sonno o dieta) e sulla terapia farmacologica (p. es., beta-bloccanti, amitriptilina, topiramato, divalproex, anticorpi monoclonali).

Epidemiologia dell'emicrania

L'emicrania è la causa più frequente di cefalea ricorrente di grado medio-grave; la prevalenza a 1 anno è del 18% nelle donne e del 6% negli uomini negli Stati Uniti. L'emicrania più comunemente inizia durante la pubertà o in età giovane-adulta, variando in frequenza e intensità nel corso degli anni seguenti; diminuisce spesso dopo i 50 anni. Alcuni studi mostrano una familiarità per l'emicrania.

Fisiopatologia dell'emicrania

Si ritiene che l'emicrania sia una sindrome dolorosa neurovascolare con alterata elaborazione neuronale centrale (attivazione di nuclei del tronco encefalico, ipereccitabilità corticale e "cortical spreading depression") e coinvolgimento del sistema trigemino-vascolare (innesco del rilascio di neuropeptidi che provoca un'infiammazione dolorosa dei vasi cranici e della dura madre).

Sono stati identificati molti potenziali fattori scatenanti dell'emicrania; questi comprendono:

  • Bere vino rosso

  • Saltare i pasti

  • Eccessivi stimoli afferenti (p. es., luci lampeggianti, odori forti)

  • Cambiamenti climatici

  • Deprivazione di sonno

  • Stress

  • Fattori ormonali, in particolare il ciclo mestruale

  • Alcuni alimenti

I trigger alimentari variano da persona a persona.

Livelli fluttuanti di estrogeni hanno un potente effetto nello scatenamento dell'emicrania. Molte donne presentano l'esordio dell'emicrania al menarca, attacchi gravi durante le mestruazioni (emicrania catameniale) e un peggioramento durante la menopausa. Nella maggior parte delle donne, l'emicrania regredisce durante la gravidanza (ma talvolta si verifica un peggioramento nel corso del 1o o del 2o trimestre); esse peggiorano dopo la nascita del bambino, quando i livelli di estrogeni diminuiscono rapidamente.

I contraccettivi orali e altre terapie ormonali a volte scatenano o peggiorano l'emicrania e sono stati associati all'ictus nelle donne affette da emicrania con aura.

L'emicrania emiplegica familiare, un raro sottotipo di emicrania, è associata a difetti genetici sui cromosomi 1, 2, e 19. Il ruolo dei geni nelle forme più frequenti di emicrania è in fase di studio. In alcune famiglie, il fenotipo dell'emicrania varia considerevolmente, causando principalmente cefalea in alcuni membri della famiglia, vertigini in altri e emiplegia o un'aura in altri. Questa scoperta suggerisce che l'emicrania possa essere in realtà un disturbo più generalizzato e non solo un mal di testa.

Sintomatologia dell'emicrania

Spesso, un prodromo (una sensazione che l'emicrania sta iniziando) annuncia gli attacchi. Il prodromo può comprendere cambiamenti di umore, dolore al collo, desiderio di cibo, perdita di appetito, nausea o una combinazione di questi.

Un'aura precede gli attacchi in circa il 25% dei pazienti. Le aure sono transitori disturbi neurologici che possono influenzare la sensazione, l'equilibrio, la coordinazione muscolare, la parola o la visione; durano da alcuni minuti a un'ora. L'aura può persistere dopo l'inizio del mal di testa. Più comunemente, l'aura è caratterizzata da sintomi visivi (spettri di fortificazione, p. es., lampi binoculari, archi di luci scintillanti, strie luminose, scotomi). Parestesie e sensazione di addormentamento (che tipicamente iniziano in una mano e progrediscono al braccio e all'emivolto omolaterale), disturbi del linguaggio e disfunzione transitoria del tronco encefalico (responsabili, per esempio, di atassia, confusione, o persino ottundimento) sono meno frequenti rispetto all'aura visiva. Alcuni pazienti presentano un'aura con sintomatologia dolorosa lieve o assente.

L'emicrania varia da moderata a grave e gli attacchi durano da 4 h a diversi giorni, e tipicamente si risolve con il sonno. Il dolore di solito è monolaterale ma può essere bilaterale, in genere a distribuzione frontotemporale, e viene tipicamente descritto come pulsante o lancinante.

L'emicrania non è caratterizzata solo da cefalea. Sintomi associati quali nausea (e talvolta vomito), fotofobia, fonofobia e osmofobia sono prominenti. I pazienti riferiscono difficoltà di concentrazione durante le crisi. L'attività fisica abituale spesso aggrava l'emicrania; questo effetto, associato alla fotofobia e alla fonofobia, spinge la maggioranza dei pazienti a stare sdraiata in una stanza buia e silenziosa durante gli attacchi. Gli attacchi gravi possono essere invalidanti, interferendo con la vita familiare e lavorativa.

Gli attacchi variano significativamente in frequenza e gravità. Molti pazienti hanno diversi tipi di cefalea, compresi attacchi più lievi senza nausea o fotofobia; questi possono farla somigliare a una cefalea di tipo tensivo Cefalea tensiva La cefalea tensiva provoca un dolore lieve generalizzato (di solito costrittivo), senza l'inabilità funzionale, la nausea o la fotofobia che sono associate all'emicrania. (Vedi anche Approccio... maggiori informazioni ma è una forma frusta di emicrania.

Emicrania cronica

I pazienti con emicrania episodica possono sviluppare emicrania cronica. Questi pazienti hanno mal di testa 15 giorni/mese. Questo mal di testa veniva definito come combinazione o mal di testa misto, poiché aveva caratteristiche di emicrania e cefalea di tipo tensivo. Questi mal di testa si sviluppano spesso in pazienti che fanno abuso di farmaci per il trattamento acuto di mal di testa.

Altri sintomi

Altre, rare forme di emicrania possono provocare altri sintomi:

  • L'emicrania dell'arteria basilare è caratterizzata da un'associazione di vertigini, atassia, deficit del campo visivo, disturbi sensitivi, deficit di forza focale e alterazione del livello di coscienza.

  • L'emicrania emiplegica, che può essere sporadica o familiare, causa debolezza unilaterale.

Diagnosi dell'emicrania

  • Valutazione clinica

I segni d'allarme che suggeriscono una diagnosi alternativa (anche in pazienti noti per avere l'emicrania) sono i seguenti:

I pazienti con sintomi caratteristici e segni d'allarme non necessitano di test. I pazienti con segni d'allarme spesso richiedono esami Esami La cefalea è un dolore che può coinvolgere ogni parte della testa, compresi il cuoio capelluto, il viso (compresa la zona orbitotemporale) e l'interno della testa. La cefalea è uno dei motivi... maggiori informazioni , tra cui il neuroimaging cerebrale e a volte una puntura lombare.

Frequenti errori diagnostici comprendono:

  • Non tener presente che l'emicrania spesso causa un dolore bilaterale e non sempre viene descritta come pulsante

  • Confondere un'emicrania con cefalea da sinusite o affaticamento della vista perché i sintomi autonomici e visivi dell'emicrania sono assenti

  • Supporre che qualsiasi cefalea in pazienti con un'emicrania nota rappresenti un altro attacco di emicrania (per esempio una cefalea a rombo di tuono o un cambiamento nel pattern della precedente cefalea può indicare una nuova malattia potenzialmente grave)

  • Confondere un'emicrania con aura con un attacco ischemico transitorio, specialmente se l'aura si verifica in assenza di cefalea, nei pazienti anziani

  • Diagnosi di una cefalea a rombo di tuono come emicrania, perché un triptano la allevia (un triptano può anche alleviare il mal di testa da emorragia subaracnoidea)

Diversi disturbi insoliti sono in grado di simulare l'emicrania con aura:

Prognosi dell'emicrania

In alcuni pazienti l'emicrania rappresenta un fastidio infrequente e tollerabile. In altri costituisce un disturbo devastante che determina frequenti periodi di inabilità, perdita di produttività e grave compromissione della qualità di vita.

Trattamento dell'emicrania

  • Eliminazione dei trigger

  • Yoga o interventi comportamentali

  • Per cefalee lievi, acetaminofene (paracetamolo) o FANS

  • Per attacchi gravi, triptani lasmiditan o diidroergotamina associati a un antiemetico antagonista della dopamina

Una spiegazione dettagliata della malattia aiuta i pazienti a comprendere che sebbene l'emicrania non possa essere guarita, questa può essere controllata, consentendo loro di partecipare meglio al trattamento.

È necessario esortare i pazienti a tenere un diario scritto per documentare il numero e il momento degli attacchi, i possibili fattori scatenanti e la risposta al trattamento. I fattori scatenanti identificati, quando possibile, vengono eliminati. I pazienti devono essere incoraggiati ad evitare i fattori scatenanti.

I medici a volte raccomandano interventi comportamentali (biofeedback, gestione dello stress, psicoterapia) per gestire l'emicrania, specialmente quando lo stress è un fattore scatenante o quando lo stress costituisce uno dei principali fattori scatenanti o quando c'è un abuso di analgesici.

Lo yoga può ridurre la frequenza e l'intensità del mal di testa; migliora il tono vagale e diminuisce l'impulso simpatico, migliorando così l'equilibrio cardiaco autonomo.

Attacchi da lievi a moderati

Si utilizzano i FANS o l'acetaminofene (paracetamolo) per trattare gli attacchi di emicrania da lievi a moderati.

Se questi farmaci sono inefficaci, i medici devono prendere in considerazione l'uso di triptani, lasmiditan (un nuovo agonista selettivo del recettore della serotonina [5-HT] 1F), diidroergotamina o ubrogepant (un piccolo antagonista molecolare del recettore del peptide correlato al gene della calcitonina).

Una terapia antiemetica (p. es., metoclopramide, proclorperazina) da sola può essere usata per alleviare attacchi lievi o moderati.

Attacchi gravi

Se attacchi lievi evolvono in cefalea disabilitante o se gli attacchi sono gravi fin dall'inizio, possono essere utilizzati i triptani o il lasmiditan. I triptani sono agonisti selettivi dei recettori 1B e 1D della serotonina. Non sono di per sé analgesici, tuttavia bloccano specificamente il rilascio di neuropeptidi che scatenano il dolore emicranico. I triptani sono più efficaci se assunti all'inizio dell'attacco. Sono disponibili in preparazioni per uso orale, endonasale e sottocutaneo (vedi tabella Farmaci per emicrania e cefalea a grappolo Farmaci per la cefalea a grappolo* La cefalea a grappolo causa un dolore lancinante monolaterale, a localizzazione periorbitaria o temporale, con sintomi autonomici omolaterali (ptosi, lacrimazione, rinorrea, congestione nasale)... maggiori informazioni ); le preparazioni sottocutanee sono più efficaci, ma hanno maggiori effetti avversi. L'eccessivo uso di triptani può anche portare a cefalea da abuso di farmaci Cefalea da abuso di farmaci La cefalea da abuso di farmaci è una cefalea cronica che si verifica > 15 giorni/mese in pazienti che abusano regolarmente di farmaci per > 3 mesi. Si sviluppa di solito in persone con emicrania... maggiori informazioni . Quando la nausea è prominente, la combinazione di un triptano con un antiemetico all'insorgenza degli attacchi è efficace.

Liquidi EV (p. es., da 1 a 2 L di soluzione fisiologica 0,9%) possono alleviare il mal di testa e aumentare il senso di benessere, soprattutto in pazienti disidratati da vomito.

La diidroergotamina EV, in associazione con un antiemetico antagonista della dopamina (p. es., metoclopramide 10 mg EV, proclorperazina 5-10 mg EV), aiuta ad arrestare attacchi molto gravi e persistenti. La diidroergotamina è disponibile anche in preparazioni per un uso sottocute e come spray nasale. È in fase di sviluppo una formulazione a rilascio polmonare.

I triptani e la diidroergotamina possono causare costrizione a livello delle coronarie e sono quindi controindicati in pazienti con coronaropatia o ipertensione non controllata; questi farmaci devono essere usati con cautela nei pazienti anziani e in quelli con fattori di rischio vascolare. Il lasmiditan, che ha una maggiore affinità per i recettori della serotonina 1F rispetto ai recettori 1B, non ha controindicazioni cardiovascolari. (I triptani causano vasocostrizione attivando i recettori 5-HT1B.) L'ubrogepant è un'alternativa; attualmente non sono note precauzioni o controindicazioni cardiovascolari e non ha gravi effetti cardiovascolari e gastrointestinali.

Una buona risposta alla diidroergotamina o ai triptani non deve essere considerata diagnostica per emicrania, poiché questi farmaci possono alleviare la cefalea dovuta a emorragia subaracnoidea e ad altre anomalie strutturali.

Supposte (25 mg) o compresse (10 mg) di proclorperazina sono un'opzione per i pazienti che non tollerano altri triptani e vasocostrittori.

Gli oppiacei devono essere utilizzati come risorsa estrema per la cefalea intensa (farmaci di salvataggio) qualora altri presidi risultassero inefficaci.

Emicranie croniche

Gli stessi farmaci usati per prevenire l'emicrania episodica, inclusi gli anticorpi monoclonali che bloccano la proteina correlata al gene della calcitonina, sono usati per trattare l'emicrania cronica. Inoltre, elementi di supporto sono la resistenza all'onabotulinumtoxinA e, in misura minore, al topiramato.

Alcune evidenze scientifiche supportano l'uso della neurostimolazione per il trattamento dell'emicrania cronica. Le opzioni non invasive comprendono la stimolazione sopraorbitaria, la stimolazione del nervo vago e la stimolazione magnetica transcranica a singolo impulso. Le opzioni invasive comprendono la stimolazione del nervo occipitale, la stimolazione del ganglio sfenopalatino e la stimolazione cerebrale profonda dell'area tegmentale ventrale (2 Riferimenti relativi al trattamento L'emicrania è una cefalea primitiva episodica. I sintomi in genere durano da 4 a 72 h e possono essere di entità grave. Il dolore è spesso unilaterale, pulsante, peggiora durante sforzo fisico... maggiori informazioni ).

Tabella
icon

Trattamenti neuromodulatori

I trattamenti neuromodulatori possono essere non invasivi, utilizzando dispositivi disponibili in commercio o invasivi. Alcuni possono essere utilizzati anche per la prevenzione.

La stimolazione magnetica transcranica non invasiva, utilizzando un dispositivo portatile applicato sul retro della testa, può alleviare l'emicrania acuta con aura (3 Riferimenti relativi al trattamento L'emicrania è una cefalea primitiva episodica. I sintomi in genere durano da 4 a 72 h e possono essere di entità grave. Il dolore è spesso unilaterale, pulsante, peggiora durante sforzo fisico... maggiori informazioni ). Un dispositivo che utilizza un bracciale per fornire uno stimolo elettrico non doloroso (chiamato neuromodulazione elettrica a distanza) sembra in grado di alleviare il dolore acuto dell'emicrania. Può essere usato un dispositivo portatile che eroga una stimolazione non invasiva del nervo vago Stimolazione vagale Una crisi epilettica è una scarica elettrica anomala e non controllata originata nel contesto della sostanza grigia cerebrale corticale, che interrompe transitoriamente la normale funzionalità... maggiori informazioni .

La stimolazione del nervo trigemino, con un dispositivo applicato sulla fronte, può essere utilizzata in pazienti di età ≥ 18 anni per trattare gli attacchi di emicrania acuta (con o senza aura) o per ridurre la frequenza degli attacchi in alcuni pazienti.

I trattamenti invasivi tendono ad essere disponibili solo presso centri specializzati e hanno maggiori rischi rispetto ai trattamenti non invasivi.

Riferimenti relativi al trattamento

  • 1. Marmura MJ, Silberstein SD, Schwedt TJ: The acute treatment of migraine in adults: The American Headache Society evidence assessment of migraine pharmacotherapies. Headache 55 (1):3–20, 2015.

  • 2. Miller S, Sinclair AJ, Davies B, Matharu M: Neurostimulation in the treatment of primary headaches. Pract Neurol 16 (5):362–375, 2016. doi: 10.1136/practneurol-2015-001298. Epub 2016 May 5.

  • 3. Lipton RB, Dodick DW, Silberstein SD, et al: Single-pulse transcranial magnetic stimulation for acute treatment of migraine with aura: A randomised, double-blind, parallel-group, sham-controlled trial. Lancet Neurol 9:373–380, 2010. doi: 10.1016/S1474-4422(10)70054-5. Epub 2010 Mar 4.

Prevenzione dell'emicrania

La terapia preventiva giornaliera è indispensabile se attacchi emicranici frequenti interferiscono con l'attività nonostante il trattamento della fase acuta. Alcuni esperti ritengono l'onabotulinumtoxina A il farmaco di scelta.

Nei pazienti che utilizzano frequentemente analgesici (p. es., > 2 giorni/settimana), in particolare quelli con cefalea da abuso, i farmaci preventivi (vedi tabella Farmaci per emicrania e cefalea a grappolo Farmaci per la cefalea a grappolo* La cefalea a grappolo causa un dolore lancinante monolaterale, a localizzazione periorbitaria o temporale, con sintomi autonomici omolaterali (ptosi, lacrimazione, rinorrea, congestione nasale)... maggiori informazioni ) devono essere combinati con un programma per l'interruzione dell'abuso di analgesici. La scelta del farmaco può essere guidata da patologie coesistenti, come le seguenti:

  • Una piccola dose di amitriptilina prima di coricarsi nei pazienti con insonnia

  • Un beta-bloccante nei pazienti con ansia o coronaropatia

  • Topiramato, che può indurre perdita di peso, per pazienti obesi o per pazienti che vogliono evitare un aumento di peso

  • Un anticorpo monoclonale (p. es., erenumab, fremanezumab, galcanezumab) se altri farmaci sono inefficaci

Anche i trattamenti neuromodulatori possono essere utili. La stimolazione transcutanea del nervo sopraorbitale, utilizzando un dispositivo applicato sulla fronte, può ridurre la frequenza delle emicranie (2 Riferimenti relativi al trattamento L'emicrania è una cefalea primitiva episodica. I sintomi in genere durano da 4 a 72 h e possono essere di entità grave. Il dolore è spesso unilaterale, pulsante, peggiora durante sforzo fisico... maggiori informazioni ). La stimolazione magnetica transcranica, utilizzando un dispositivo applicato sulla parte posteriore del cranio, è indicata per il trattamento acuto e profilattico della cefalea emicranica negli adolescenti (≥ 12) e negli adulti.

Riferimenti relativi al trattamento

  • 1. Jain S, Silberstein SD: Invited commentary on preventive anti-migraine therapy (PAMT). Curr Treat Options Neurol 21 (4):14, 2019. doi:10.1007/s11940-019-0555-4.

  • 2. Schoenen J, Vandersmissen B, Jeangette S, et al: Migraine prevention with a supraorbital transcutaneous stimulator: A randomized controlled trial. Neurol 80 (8):697–704, 2013. doi: https://doi.org/10.1212/WNL.0b013e3182825055. Epub 2013.

Punti chiave sull'emicrania

  • L'emicrania è un disturbo cefalico primario frequente con multipli potenziali fattori scatenanti.

  • I sintomi possono includere dolore lancinante unilaterale o bilaterale, nausea, sensibilità agli stimoli sensoriali (p. es., luce, suoni, odori), sintomi prodromici non specifici e sintomi neurologici temporanei che precedono il mal di testa (aura).

  • Diagnosticare l'emicrania sulla base di dati clinici; se i pazienti presentano segni d'allarme, sono spesso necessari imaging e altri test.

  • Coinvolgere i pazienti nella loro cura, evitando anche i fattori scatenanti e utilizzando biofeedback, gestione dello stress e psicoterapia a seconda dei casi.

  • Trattare la maggior parte dei mal di testa con analgesici, diidroergotamina EV, o triptani.

  • Se gli attacchi sono frequenti e interferiscono con le attività, utilizzare la terapia preventiva (p. es., anticorpi monoclonali che bloccano la proteina correlata al gene della calcitonina, amitriptilina, un beta-bloccante, topiramato, divalproex), l'onabotulinumtoxinA o, talvolta, i trattamenti neuromodulatori.

Clicca qui per l’educazione dei pazienti
NOTA: Questa è la Versione per Professionisti. CLICCA QUI per accedere alla versione per i pazienti
Ottieni

Metti alla prova la tua conoscenza

Malattia di Creutzfeld-Jakob (CJD)
Quale delle seguenti è la forma più comune di malattia di Creutzfeltdt-Jakob (CJD) negli esseri umani?

Potrebbe anche Interessarti

PARTE SUPERIORE