Manuale Msd

Please confirm that you are a health care professional

Caricamento in corso

Sporotricosi

Di

Sanjay G. Revankar

, MD, Wayne State University School of Medicine

Ultima modifica dei contenuti lug 2019
Clicca qui per l’educazione dei pazienti
Risorse sull’argomento

La sporotricosi è un'infezione cutanea causata dalla muffa saprofita Sporothrix schenckii. Il coinvolgimento polmonare ed ematogeno è poco frequente. I sintomi sono noduli cutanei che si diffondono per via linfatica ed evolvono in ascessi e ulcere. La diagnosi si basa sulla coltura. Il trattamento prevede itraconazolo o amfotericina B.

Sporothrix schenckii si ritrova sui cespugli di rose o di crespino, sul muschio di sfagno, e su altri pacciami. Gli orticultori, i giardinieri, i contadini, e i lavoratori del legno vengono infettati con il più delle volte, tipicamente dopo un trauma minore che coinvolge il materiale contaminato. In contrasto con gli altri funghi dimorfici, S. schenckii solitamente non è inalato, ma entra nel corpo attraverso piccoli tagli e abrasioni della pelle.

Sintomatologia

Le infezioni linfocutanee sono le più frequenti. Tipicamente coinvolgono una mano e il braccio, sebbene possano verificarsi ovunque sul corpo; lesioni primarie si possono verificare su superfici esposte dei piedi o del viso.

La lesione primaria può apparire come una piccola papula non dolente o, occasionalmente, come un nodulo sottocutaneo che si espande lentamente e infine diventa necrotico e alcune volte si ulcera. Tipicamente, pochi giorni o settimane più tardi, una catena di linfonodi che drenano l'area interessata comincia ad ingrossarsi, lentamente ma progressivamente, formando noduli sottocutanei mobili. Se non trattata, la cute sovrastante si arrossa e può successivamente necrotizzare, alcune volte causando un ascesso, un'ulcerazione, e una sovrainfezione batterica. La sintomatologia sistemica di infezione è tipicamente assente.

Manifestazioni di sporotricosi

La Sporotricosi linfocutanea è cronica e non dolente; è potenzialmente mortale solo se superinfezioni batteriche causano sepsi.

Raramente, in assenza di lesioni primarie linfocutanee, la disseminazione ematogena causa infezioni non dolenti di più articolazioni periferiche, alcune volte delle ossa e, meno spesso, dei genitali, del fegato, della milza, dei reni, o delle meningi. Queste infezioni sono più comuni tra i pazienti con immunocompromissione a causa di un altro disturbo (p. es., l'alcolismo). Ugualmente rara è la polmonite cronica causata dall'inalazione di spore e che si manifesta con infiltrati localizzati o con cavità, il più delle volte in pazienti con patologie croniche polmonari preesistenti.

Diagnosi

  • Valutazione clinica

  • Coltura

La diagnosi di sporotricosi viene sospettata sulla base della presentazione clinica in un paziente con un'anamnesi di possibile esposizione al fungo (p. es., giardiniere, paesaggista, silvicoltore).

La sporotricosi deve essere differenziata da infezioni locali causate da Mycobacterium tuberculosis, micobatteri atipici, Nocardia, o di altri microrganismi. Durante i primi stadi senza disseminazione, la lesione primitiva è talvolta erroneamente diagnosticata come morso di un ragno.

La coltura di tessuto dalla sede di un'infezione attiva fornisce la diagnosi definitiva. I lieviti di S. schenckii possono essere visti solo raramente sui campioni di tessuto fissati, anche con colorazioni speciali. I test sierologici non sono disponibili.

Trattamento

  • Itraconazolo

L'itraconazolo 200 mg per via orale 1 volta/die dato fino a 2-4 settimane dopo la risoluzione di tutte le lesioni (tipicamente 3-6 mesi) è il trattamento di scelta.

Infezioni severe richiedono una formulazione lipidica di amfotericina B (3-5 mg/kg EV 1 volta/die); dopo una risposta favorevole, si passa al trattamento con itraconazolo orale per un totale di 12 mesi di terapia. I pazienti con AIDS possono avere necessità di una terapia di mantenimento per tutta la vita con itraconazolo per infezioni meningee e disseminate. Il posaconazolo può avere un ruolo.

Per ulteriori informazioni

Clicca qui per l’educazione dei pazienti
NOTA: Questa è la Versione per Professionisti. CLICCA QUI per accedere alla versione per i pazienti
Ottieni

Potrebbe anche Interessarti

Video

Vedi Tutto
Come lavarsi le mani
Video
Come lavarsi le mani
Modelli 3D
Vedi Tutto
SARS-CoV-2
Modello 3D
SARS-CoV-2

SOCIAL MEDIA

PARTE SUPERIORE