Manuale Msd

Please confirm that you are a health care professional

honeypot link

Infezioni da enterococchi

Di

Larry M. Bush

, MD, FACP, Charles E. Schmidt College of Medicine, Florida Atlantic University;


Maria T. Vazquez-Pertejo

, MD, FACP, Wellington Regional Medical Center

Ultima modifica dei contenuti mar 2021
Clicca qui per l’educazione dei pazienti

Gli enterococchi sono microrganismi aerobi facoltativi e Gram-positivi. L'Enterococcus faecalis e l'E. faecium causano una varietà di infezioni, incluse endocarditi, infezioni delle vie urinarie, prostatiti, infezioni intra-addominali, celluliti e infezioni di ferite, ma anche batteriemie concomitanti.

Gli enterococci fanno parte della normale flora intestinale. Erano classificati come streptococchi di gruppo D, ma sono ormai considerati un genere a parte. Ci sono > 17 specie, ma E. faecalis e E. faecium più comunemente causano infezioni nell'uomo.

Gli enterococchi tipicamente causano

Trattamento delle infezioni da enterococchi

  • Varia a seconda della sede di infezione e ai test di sensibilità

Gli enterococchi associati a endocarditi sono difficili da eradicare a meno che non venga usata un'associazione di alcuni farmaci attivi sulla parete cellulare (p. es., penicillina, ampicillina, amoxicillina, piperacillina, vancomicina) con un aminoglicoside (p. es., gentamicina o streptomicina) per ottenere un'attività battericida. Tuttavia, alcuni farmaci attivi contro la parete cellulare hanno limitata o nessuna attività contro gli enterococchi; essi includono nafcillina, oxacillina, ticarcillina, ertapenem, la maggior parte delle cefalosporine e aztreonam. Gli E. faecium sono più resistenti alla penicillina degli E. faecalis. Quando un aminoglicoside non può essere usato, la combinazione di un'aminopenicillina, come l'ampicillina, più ceftriaxone è un'alternativa efficace per il trattamento dell'endocardite associata ad E. faecalis. L'imipenem e, a un minor grado, il meropenem sono attivi contro E. faecalis.

Per le infezioni cutanee complicate dovute a enterococchi vancomicino-sensibili, la daptomicina, il linezolid, il tedizolid, la tigeciclina e l'omadaciclina sono le opzioni di trattamento efficaci.

La piperacillina/tazobactam, l'imipenem o il meropenem, la tigeciclina e l'ervaciclina sono consigliati per le infezioni intra-addominali complicate quando gli enterococchi sono noti o si presumono coinvolti.

Le infezioni delle vie urinarie non richiedono terapia battericida e, se il microrganismo responsabile è sensibile, sono di solito trattate con un singolo antibiotico come l'ampicillina. Nitrofurantoina e fosfomicina sono spesso efficaci contro l'infezione urinaria da enterococchi resistenti alla vancomicina.

Resistenza

Negli ultimi decenni, la resistenza a diversi farmaci antimicrobici è aumentata rapidamente, soprattutto tra E. faecium.

La resistenza agli aminoglicosidi (p. es., gentamicina, streptomicina), in particolare con E. faecium, continua ad emergere.

Gli enterococchi resistenti alla vancomicina possono anche essere resistenti ai glicopeptidi altri (p. es., teicoplanina), aminoglicosidi e beta-lattamine attive sulla parete cellulare (p. es., penicillina G, ampicillina). Una volta identificati, i pazienti infetti devono essere rigorosamente isolati. La terapia raccomandata comprende le streptogramine (quinupristina/dalfopristina solo per E. faecium) e gli oxazolidinoni (linezolid, tedizolid). La daptomicina, l'oritavancina, la tigeciclina e l'eravaciclina hanno attività in vitro contro gli enterococchi resistenti alla vancomicina e possono essere opzioni di trattamento off-label.

Gli enterococchi produttori di beta-lattamasi sono occasionalmente problematici, particolarmente quando sono presenti un gran numero di microrganismi nei tessuti (p. es., nella vegetazione dell'endocardite). La resistenza può essere presente clinicamente anche seil microrganismo appare suscettibile nei test standard. La vancomicina o una combinazione di antibiotici costituiti da beta-lattamine/inibitori delle beta-lattamasi possono essere utilizzate (p. es., piperacillina/tazobactam, ampicillina/sulbactam).

Gli enterococchi possono incorporare folati prodotti per via esogena e quindi invertire l'effetto di trimetoprim e sulfametossazolo; pertanto, la terapia con questi farmaci può non riuscire nonostante l'apparente suscettibilità in vitro (per questo motivo, il trimetoprim/sulfametossazolo viene spesso escluso dai pannelli di suscettibilità per gli enterococchi).

Per ulteriori informazioni sulle infezioni da enterococchi

A seguire vi sono risorse in lingua inglese che possono essere utili. Si noti che il Manuale non è responsabile per il contenuto di questa risorsa.

Clicca qui per l’educazione dei pazienti
NOTA: Questa è la Versione per Professionisti. CLICCA QUI per accedere alla versione per i pazienti
Ottieni
Metti alla prova la tua conoscenza
Verruche genitali
Circa il 70% di tutti i tumori della cervice è causato da quale dei seguenti tipi di papilloma virus umano (HPV)?

Potrebbe anche Interessarti

PARTE SUPERIORE