Manuale Msd

Please confirm that you are a health care professional

Caricamento in corso

Cancro del pene

Di

J. Ryan Mark

, MD, Sidney Kimmel Cancer Center at Thomas Jefferson University

Ultima modifica dei contenuti set 2019
Clicca qui per l’educazione dei pazienti
NOTA: Questa è la Versione per Professionisti. CLICCA QUI per accedere alla versione per i pazienti
Risorse sull’argomento

La maggior parte dei tumori del pene è costituita da carcinomi a cellule squamose; in genere si presenta negli uomini non circoncisi, particolarmente in quelli che curano poco l'igiene locale. La diagnosi viene formulata mediante biopsia. La terapia consiste nell'escissione.

Il cancro del pene è raro, con circa 2000 casi e 400 morti negli Stati Uniti e tassi più alti in regioni come il Sud America. Il papillomavirus umano (HPV), in particolare i tipi 16 e 18, svolge un ruolo nell'eziologia. Le lesioni premaligne comprendono l'eritroplasia di Queyrat, la malattia di Bowen e la papulosi bowenoide. L'eritroplasia di Queyrat (che colpisce il glande o il prepuzio interno) e il morbo di Bowen (che colpisce la diafisi) evolvono verso il carcinoma squamocellulare invasivo nel 5-10% dei pazienti; questo non accade nella papulosi bowenoide. Le 3 lesioni hanno manifestazioni cliniche ed effetti biologici diversi, ma sono praticamente le stesse dal punto di vista istologico; possono essere definite in modo più appropriato come neoplasie intraepiteliali o carcinomi in situ.

Sintomatologia

La maggior parte dei carcinomi squamocellulari nasce nel glande, nel solco coronale o sotto il prepuzio. Questi tumori iniziano generalmente come una piccola lesione eritematosa e possono restare confinati alla cute per lungo tempo. Questi carcinomi possono essere fungiformi, esofitici o ulcerati, infiltranti. L'ultimo tipo metastatizza più frequentemente, di solito ai linfonodi inguinofemorali superficiali e profondi e ai linfonodi pelvici. Le metastasi a distanza (p. es., polmoni, fegato, osso, cervello) sono rare fino alla fase avanzata della malattia.

La maggior parte dei pazienti si presenta con un'ulcera che non guarisce, un impercettibile indurimento della cute o, a volte, con una formazione purulenta o verrucoide. L'ulcera può essere superficiale o profonda con bordi arrotondati. La maggior parte dei pazienti non nota il cancro o non lo riferisce prontamente. Il dolore è raro. I linfonodi inguinali possono apparire ingranditi a causa di infiammazioni e infezioni secondarie.

Diagnosi

  • Biopsia

Se si sospetta una neoplasia, è necessaria una biopsia; se possibile, devono essere asportati i tessuti sotto la lesione. La TC o la RM permettono la stadiazione del cancro localizzato, l'accertamento dell'invasione dei corpi cavernosi e la valutazione dei linfonodi.

Trattamento

  • Di solito un'escissione

Il cancro del pene non trattato progredisce, portando di solito al decesso entro 2 anni. Se trattato precocemente, il cancro del pene può in genere essere curato.

La terapia topica con 5-fluorouracile o imiquimod o l'ablazione con il laser sono efficaci per piccole lesioni superficiali. La circoncisione viene eseguita per le lesioni del prepuzio. L'escissione ampia è preferibile per le lesioni ricorrenti o nei pazienti che non sono affidabili per il follow up. La chirurgia di Mohs, quando disponibile, può essere eseguita invece di un'ampia escissione.

Le lesioni invasive e di alto grado richiedono una resezione più radicale. La penectomia parziale è indicata se il tumore può essere escisso completamente con margini adeguati, lasciando un moncone penieno che permette la minzione e l'attività sessuale. La penectomia totale è necessaria per le grandi lesioni infiltranti. Se i tumori sono di grado elevato o invadono i corpi cavernosi, è necessaria la linfadenectomia ileoinguinale bilaterale. Se vi è il sospetto di malattia bilaterale con linfonodi positivi o di linfoadenopatia unilaterale voluminosa, si consiglia una chemioterapia neoadiuvante prima della linfoadenectomia. Il ruolo della radioterapia non è ancora ben chiaro. Per un tumore invasivo in fase avanzata, la terapia palliativa può comprendere la chirurgia e la radioterapia, ma la guarigione è improbabile. La chemioterapia per la malattia in fase avanzata ha avuto un successo limitato. La terapia mirata e l'immunoterapia utilizzate per i tumori squamocellulari della testa e del collo possono essere utili per i pazienti con cancro del pene, ma nessuno studio definitivo supporta il loro uso nella pratica clinica di routine.

Prevenzione

Le misure che possono aiutare nella prevenzione comprendono la circoncisione nei primi anni di vita e la vaccinazione raccomandata contro il papillomavirus umano negli adolescenti.

Punti chiave

  • Il cancro del pene è di solito un cancro squamoso della pelle o di un altro tipo.

  • Il cancro del pene va considerato come con una ferita dolorante che non cicatrizza, che può essere caratterizzata da indurimento, crescita verrucosa o purulenta, soprattutto negli uomini non circoncisi.

  • La diagnosi va eseguita tramite biopsia e il trattamento prevede l'escissione.

  • Lo stato dei linfonodi è il motore della sopravvivenza. L'uso appropriato della linfoadenectomia nei pazienti a medio e alto rischio è una componente essenziale nella gestione di questa malattia.

Clicca qui per l’educazione dei pazienti
NOTA: Questa è la Versione per Professionisti. CLICCA QUI per accedere alla versione per i pazienti
Ottieni

Potrebbe anche Interessarti

Video

Vedi Tutto
Come fare il cateterismo uretrale nei maschi
Video
Come fare il cateterismo uretrale nei maschi
Modelli 3D
Vedi Tutto
Sistema riproduttivo maschile
Modello 3D
Sistema riproduttivo maschile

SOCIAL MEDIA

PARTE SUPERIORE