Manuale Msd

Please confirm that you are a health care professional

Caricamento in corso

Ulcere da contatto laringee

Di

Clarence T. Sasaki

, MD, Yale University School of Medicine

Ultima modifica dei contenuti mar 2019
Clicca qui per l’educazione dei pazienti
Risorse sull’argomento

Le ulcere da contatto laringee sono erosioni monolaterali o bilaterali della mucosa al di sopra dei processi vocali della cartilagine aritenoide.

Le ulcere laringee da contatto sono generalmente dovute ad abuso vocale sotto forma di ripetuti bruschi attacchi glottali (improvviso aumento di volume all'inizio della fonazione), praticati spesso dai cantanti (vedi Voce del professionista). Possono verificarsi anche a seguito di intubazione tracheale se un tubo troppo grande va a erodere la mucosa sovrastante i processi vocali cartilaginei. Anche il reflusso gastroesofageo può causare o aggravare le ulcere da contatto. L'ulcerazione prolungata porta a granulomi aspecifici.

I sintomi delle ulcere laringee da contatto comprendono vari gradi di raucedine e dolore lieve alla fonazione e alla deglutizione.

La diagnosi delle ulcere laringee da contatto avviene mediante laringoscopia. È importante eseguire una biopsia al fine di escludere un carcinoma o una tubercolosi.

Il trattamento delle ulcere laringee da contatto consiste in ≥ 6 settimane di riposo vocale. I pazienti devono riconoscere i limiti della loro voce e imparare a riadattare le loro attività vocali, dopo il recupero, per evitare recidive. La soppressione della flora batterica mediante antibiotici è anche raccomandata.

Il rischio di recidive è ridotto con un vigoroso trattamento del reflusso gastroesofageo.

Voce del professionista

Gli individui che fanno uso professionale della loro voce per parlare in pubblico e cantare spesso vanno incontro a disturbi vocali che si manifestano come raucedine o irregolarità, abbassamento del tono di voce, affaticamento vocale, tosse non produttiva, persistente necessità di schiarirsi la gola e/o mal di gola. Questi sintomi spesso hanno cause benigne come noduli vocali, edema delle corde vocali, polipi o granulomi. Tali disturbi sono abitualmente causati dall'iperfunzione della corda vocale (eccessiva tensione muscolare laringea in fase di eloquio) ed eventualmente da reflusso gastroesofageo.

Il trattamento nella maggior parte dei casi comprende:

  • Valutazione della voce da parte di un logopedista o di un medico esperto, comprendendo, quando disponibile, l'utilizzo di un programma computerizzato per la valutazione di tono e intensità e per la determinazione dei parametri acustici della voce

  • Trattamento comportamentale (diminuzione della tensione muscolo-scheletrica della laringe durante l'eloquio) utilizzando un programma informatico per un biofeedback visivo e uditivo

  • Programma di igiene vocale per eliminare comportamenti dannosi per la voce, come eccessiva intensità, lunga durata (discorso continuo per > 1 h), tensione vocale (sforzo muscolare eccessivo durante la pronazione) e lo schiarirsi abitualmente la gola

  • Regime antireflusso, quando opportuno

  • Idratazione adeguata al fine di promuovere un'adeguata onda mucosale glottica

  • Modificazioni dietetiche e comportamentali prima delle performance vocali, che possono comprendere l'evitare alcol, caffeina, esposizione ambientale a fumo di tabacco e ad altre sostanze irritanti per le vie aeree

Clicca qui per l’educazione dei pazienti
NOTA: Questa è la Versione per Professionisti. CLICCA QUI per accedere alla versione per i pazienti
Ottieni

Potrebbe anche Interessarti

SOCIAL MEDIA

PARTE SUPERIORE