Manuale Msd

Please confirm that you are a health care professional

honeypot link

Erisipela

Di

Wingfield E. Rehmus

, MD, MPH, University of British Columbia

Ultima modifica dei contenuti feb 2021
Clicca qui per l’educazione dei pazienti
Risorse sull’argomento

L'erisipela è un tipo di cellulite Cellulite La cellulite è un'infezione batterica acuta della cute e del tessuto sottocutaneo causata nella maggior parte dei casi da streptococchi o stafilococchi. I sintomi e i segni sono dolore, calore... maggiori informazioni  Cellulite superficiale con interessamento linfatico del derma. La diagnosi è clinica. Il trattamento consiste nella somministrazione di antibiotici orali o EV.

L'erisipela è caratterizzata clinicamente da placche lucenti, sollevate, indurite e dolenti a margini netti. Febbre alta, brividi e malessere spesso accompagnano l'erisipela. Vi è anche una forma di erisipela bollosa.

Manifestazioni di erisipela

Nella maggior parte dei casi è causata da streptococchi beta-emolitici di gruppo A (o raramente di gruppo C o G) e le sedi più comuni sono le gambe e il viso. Tuttavia, altre cause sono state riportate, tra cui Staphylococcus aureus (compreso lo S. aureus meticillino-resistente), Klebsiella pneumoniae, Haemophilus influenzae, Escherichia coli, S. warneri, Streptococcus pneumoniae, S. pyogenes, e Moraxella spp.

L'erisipela può essere recidivante e determinare un linfedema cronico. Le complicazioni dell'erisipela comprendono generalmente tromboflebite, ascessi e gangrena.

Diagnosi dell'erisipela

Trattamento dell'erisipela

  • Antibiotici orali o EV

  • Terapia orale di routine di prima linea: penicillina V 500 mg 4 volte/die per ≥ 2 settimane

  • Terapia orale alternativa (p. es., per pazienti allergici alla penicillina): erythromycin 500 mg per via orale 4 volte/die per 10 giorni (tuttavia, la resistenza ai macrolidi negli streptococchi sta crescendo)

  • Terapia parenterale di prima linea (per casi gravi): penicillina G 1,2 milioni di unità EV ogni 6 h, seguita dopo 36-48 h dalla terapia orale con penicillina V 500 mg 4 volte/die

  • Terapia parenterale alternativa (p. es., per i pazienti allergici alla penicillina): ceftriaxone 1 g EV ogni 24 h o cefazolina 1-2 g EV ogni 8 h, seguita dopo 36-48 h dalla terapia orale con eritromicina 500 mg 4 volte/die per 5-10 giorni

  • Infezioni da S. aureus sensibili alla meticillina: dicloxacillina 500 mg per via orale 4 volte/die per 10 giorni

La durata del trattamento si basa principalmente sulla risposta clinica piuttosto che su un intervallo fisso.

In Europa, pristinamicina e roxitromicina hanno dimostrato di essere buone scelte per l'erisipela.

Lo S. Aureus meticillino-resistente non è frequente nei pazienti con erisipela, e l'aggiunta di antibiotici per coprire lo S. aureus meticillino-resistente in genere aggiunge un limitato beneficio aggiuntivo. Tuttavia, se lo S. Aureus meticillino-resistente è identificato attraverso la coltura o se si sospetta fortemente lo S. Aureus meticillino-resistente, può essere aggiunto un antibiotico appropriato come clindamicina, trimetoprim/sulfametossazolo, linezolid, doxiciclina o vancomicina.

Il riposo a letto e l'elevazione delle gambe sono utili per l'erisipela delle gambe. Gli impacchi freddi e gli analgesici possono alleviare il fastidio locale. Le infezioni fungine dei piedi possono costituire una porta d'ingresso per l'infezione e richiedere un trattamento antimicotico per prevenire le recidive. La terapia compressiva (utilizzando, per esempio, gli stivali di Unna e le calze a compressione) può anche essere di beneficio per l'erisipela degli arti inferiori.

Riferimento relativo al trattamento

Punti chiave sull'erisipela

  • Considerare l'erisipela se sono presenti placche lucide, rilevate, indurite e molli con margini distinti, in particolare in associazione a segni sistemici (p. es., febbre, brividi, malessere).

  • Trattare l'erisipela con penicillina orale o, nei pazienti allergici alla penicillina, eritromicina; nei casi gravi, utilizzare penicillina parenterale o, nei pazienti allergici alla penicillina, ceftriaxone o cefazolina.

  • Trattare le infezioni di S. aureus sensibile alla meticillina con dicloxacillina, ma trattare lo S. aureus meticillino-resistente sospetto con clindamicina orale o trimetoprim/sulfametossazolo o vancomicina parenterale o linezolid.

Clicca qui per l’educazione dei pazienti
NOTA: Questa è la Versione per Professionisti. CLICCA QUI per accedere alla versione per i pazienti
Ottieni
Metti alla prova la tua conoscenza
Rosacea
Una donna di 35 anni si presenta in ambulatorio lamentando di avere rossore e gonfiore sul viso da una settimana. Riferisce di aver manifestato anche diversi episodi di arrossamento e pizzicore nella stessa zona dopo essere stata fuori al freddo durante questo stesso periodo. L’esame obiettivo mostra eritema, edema e teleangectasie multiple su guance e naso. Molto probabilmente a quale delle seguenti fasi della rosacea si trova questa paziente?

Potrebbe anche Interessarti

PARTE SUPERIORE