Manuale Msd

Please confirm that you are not located inside the Russian Federation

honeypot link

Edema dello scroto

Di

Anuja P. Shah

, MD, David Geffen School of Medicine at UCLA

Ultima revisione/verifica completa set 2019| Ultima modifica dei contenuti set 2019
per accedere alla Versione per i professionisti
Risorse sull’argomento

Il gonfiore dello scroto (il sacco che circonda e protegge i testicoli) su uno o su entrambi i lati può essere un sintomo di un disturbo delle vie urinarie. Il gonfiore può risultare lieve e rilevabile solo tastando attentamente la parte o può essere molto ampio ed evidente. Alcuni disturbi che causano un gonfiore dello scroto causano anche dolore scrotale.

Cause

Un gonfiore non dolente dello scroto può essere causato da condizioni generalmente innocue o può essere un segno di tumore. Le cause possono essere diverse.

Cause comuni

Le cause più comuni sono rappresentate da:

  • Una raccolta di liquido nello scroto (idrocele)

  • La presenza di un’ernia inguinale

  • Allargamento delle vene che portano il sangue dai testicoli (varicocele)

L’idrocele è un disturbo caratterizzato dalla raccolta di liquido tra gli strati di tessuto che circondano i testicoli. L’idrocele e l’ernia inguinale sono le cause più comuni tra i ragazzi. Il 20% degli uomini è affetto da varicocele, che può causare infertilità.

Cause meno comuni

Le cause meno comuni includono

  • La presenza di una ciste dell’epididimo (spermatocele)

  • Un accumulo di sangue nello scroto (ematocele)

  • Accumulo di liquido in eccesso nel corpo (edema)

  • Carcinoma dei testicoli

Il carcinoma dei testicoli è la causa più grave di gonfiore non dolente dello scroto. Nella maggioranza dei casi il gonfiore non si rivela poi essere causato dal tumore, ma il carcinoma dei testicoli è il tipo di tumore solido più frequente nei giovani uomini al di sotto dei 40 anni e può verificarsi anche in soggetti più giovani o più anziani, quindi qualsiasi rigonfiamento dello scroto o presenza di un nodulo dovrebbe essere indagata dal medico.

Valutazione

Le seguenti informazioni possono aiutare a decidere la tempistica per la consultazione di un medico e cosa aspettarsi nel corso della valutazione.

Segnali d’allarme

La presenza di un nodulo dello scroto deve preoccupare se

  • Il nodulo è di consistenza solida ed è attaccato al testicolo o a una sua parte

  • È presente una protuberanza simile a un palloncino che parte dall’addome per arrivare allo scroto e che non può essere respinta all’interno

Quando rivolgersi a un medico

I soggetti con un rigonfiamento simile a un palloncino che si estende dall’addome fino allo scroto e che non può essere respinto all’interno potrebbero avere un’ernia inguinale incarcerata. Queste persone dovrebbero consultare immediatamente un medico. Qualora un rigonfiamento non dolente dovesse diventare improvvisamente doloroso si consiglia di consultare immediatamente un medico, poiché potrebbe essere causato da un’ernia inguinale divenuta incarcerata e che ha interrotto l’apporto di sangue (ernia strozzata). Gli altri dovrebbero consultare un medico non appena ve ne sia la possibilità. Un ritardo di una settimana circa nel fissare un appuntamento non comporta un pericolo.

Come si comporta il medico

Innanzitutto, il medico porrà domande relative ai sintomi, quindi condurrà un esame obiettivo. I risultati dell’anamnesi e dell’esame obiettivo spesso suggeriscono al medico una causa del gonfiore e gli eventuali esami da effettuare (tabella Alcune cause e caratteristiche del gonfiore scrotale).

Il medico chiederà da quanto tempo è presente il rigonfiamento e se si sono notate alterazioni del gonfiore nel passaggio dalla posizione eretta a quella supina o con l’aumento della pressione addominale (ad esempio, durante un colpo di tosse o in caso di sforzo di sollevamento). Il medico si interesserà anche all’anamnesi medica del soggetto, perché disturbi eventualmente presenti in altre parti del corpo (ad esempio un edema associato a insufficienza cardiaca o insufficienza epatica) potrebbero contribuire al gonfiore dello scroto.

L’esame obiettivo viene eseguito in posizione eretta e supina. Il medico tasta attentamente i testicoli, l’epididimo e il funicolo spermatico per localizzare esattamente il rigonfiamento o il nodulo e la trattabilità del rigonfiamento. Talvolta il medico usa una fonte luminosa posta dietro lo scroto per controllare se la luce penetra (transilluminazione). La luce riesce spesso a passare attraverso un accumulo di liquido (come un idrocele), ma non può attraversare un nodulo solido (come un tumore).

Tabella
icon

Some Causes and Features of Scrotal Swelling

Causa

Caratteristiche comuni*

Esami

Edema (accumulo di liquido in eccesso nel corpo)

Rigonfiamento che

  • È di consistenza spugnosa al tatto

  • Si verifica su entrambi i lati su tutta la superficie dello scroto

  • Resta avvallato se si comprime e rilascia la parte (edema improntabile) e affligge, inoltre, gli arti inferiori

È presente spesso negli uomini con gonfiore delle gambe e talvolta dell’addome

Nei soggetti con disturbi che possono causare gonfiore, come scompenso cardiaco o un disturbo grave di fegato o reni

Visita medica

Talvolta, ecografia

Ematocele (un accumulo di sangue nello scroto)

Rigonfiamento che

  • È dolente e trattabile

  • Compare dopo un trauma

Visita medica

Talvolta, ecografia

Idrocele (una raccolta di liquido nello scroto)

Rigonfiamento che

  • Morbido al tatto

  • Scompare in posizione supina

  • Talvolta può essere respinto all’interno dell’addome

Visita medica

Talvolta, ecografia

Si verifica generalmente negli uomini che abbiano presentato sporgenze indolori a livello dell’inguine per lungo tempo, spesso in quelli già affetti da ernia

La sporgenza

  • È morbida al tatto e simile a un palloncino

  • Può essere rilevato spesso anche sopra lo scroto

  • Si ingrossa tipicamente in posizione eretta o quando aumenta la pressione all’interno dell’addome (ad esempio in caso di spinta simile a quella causata dai movimenti intestinali o quando si sollevano pesi)

  • A volte scompare in posizione supina

  • Talvolta, può essere respinta all’interno dell’addome

Talvolta, dolore che inizia gradualmente o improvvisamente, generalmente nel caso in cui la sporgenza non possa essere respinta nell’addome

Soltanto una visita medica

Linfedema (accumulo di liquido linfatico), ad esempio dovuto a un’infezione causata da un verme tropicale (filariosi) oppure congenito

Rigonfiamento di consistenza elastica su tutta la superficie dello scroto

Non improntabile alla compressione

Visita medica

Talvolta, ecografia

Spermatocele (ciste dell’epididimo)

Un nodulo in prossimità della parte superiore dei testicoli

Visita medica

Talvolta, ecografia

Un nodulo duro attaccato al testicolo o al suo interno

Eventuale dolore sordo, lancinante o, se il tumore è emorragico, dolore acuto improvviso

Ecografia

Analisi del sangue

Talvolta TC dell’addome, della pelvi e del torace

Varicocele (allargamento delle vene che portano il sangue dai testicoli)

Rigonfiamento che

  • Al tatto è simile a un sacchetto pieno di vermi

  • Si verifica generalmente sul lato sinistro

Eventuale dolore e sensazione di tensione in posizione eretta

Eventuale testicolo di dimensioni ridotte (atrofia testicolare)

Soltanto una visita medica

*Le caratteristiche includono i sintomi e gli esiti della visita medica. Le caratteristiche citate sono tipiche, ma non sempre presenti.

TC = tomografia computerizzata.

Esami

Talvolta il medico può identificare la causa del gonfiore in base ai sintomi e ai risultati dell’esame obiettivo. Nel caso in cui questi non rivelino la causa, di norma è necessario condurre un esame. L’esame eseguito per primo è spesso l’ecografia. L’ecografia viene effettuata quando

  • Il medico non è sicuro della diagnosi

  • Il medico rileva un idrocele durante l’esame (l’ecografia potrebbe mostrare la fonte del liquido)

  • Mediante la transilluminazione non è possibile visualizzare del liquido nella zona del rigonfiamento

In base ai risultati dell’ecografia potrebbero essere eseguiti ulteriori esami per la ricerca di un carcinoma del testicolo. Questo esame include esami del sangue e a volte la TC (tomografia computerizzata) di addome, pelvi e torace.

Trattamento

Il modo migliore per trattare il gonfiore scrotale è intervenire sulla causa del rigonfiamento. Non è sempre necessario attuare un trattamento. Talvolta i medici cercano di ridurre l’ernia inguinale premendo delicatamente contro la parte di intestino protrusa per riportarla alla sua posizione normale.

Punti principali

  • Uomini e ragazzi con gonfiore dello scroto, anche non dolente, dovrebbero consultare un medico.

  • Il cancro dei testicoli può interessare tutti i soggetti di sesso maschile, e in particolare gli uomini con un’età inferiore ai 40 anni.

  • La diagnosi spesso è chiaramente indicata dai sintomi, dai risultati dell’esame obiettivo e dall’esame ecografico.

NOTA: Questa è la Versione per i pazienti. CLICCA QUI per accedere alla Versione per i professionisti
per accedere alla Versione per i professionisti

Potrebbe anche Interessarti

SOCIAL MEDIA

PARTE SUPERIORE