Manuale Msd

Please confirm that you are not located inside the Russian Federation

Caricamento in corso

Morsi di serpente

Di

Robert A. Barish

, MD, MBA, University of Illinois at Chicago;


Thomas Arnold

, MD, Department of Emergency Medicine, LSU Health Sciences Center Shreveport

Ultima revisione/verifica completa set 2018| Ultima modifica dei contenuti set 2018
per accedere alla Versione per i professionisti
I fatti in Breve
NOTA: Questa è la Versione per i pazienti. CLICCA QUI per accedere alla Versione per i professionisti
per accedere alla Versione per i professionisti
Risorse sull’argomento
  • Negli Stati Uniti i serpenti velenosi sono i crotali (serpenti a sonagli, testa di rame e mocassini acquatici) e i serpenti corallo.

  • Un avvelenamento grave può causare danno all’estremità interessata, sanguinamento e danno agli organi vitali.

  • Nei casi gravi si somministra l’antidoto al veleno.

I morsi di un serpente non velenoso raramente causano problemi gravi. Negli Stati Uniti sono presenti circa 25 specie di serpenti velenosi. I serpenti velenosi sono i crotali (serpenti a sonagli, testa di rame e mocassini acquatici) e i serpenti corallo.

Dei circa 45.000 morsi di serpente che si verificano ogni anno, poco meno di 8.000 riguardano i serpenti velenosi e circa sei casi sono letali. I morsi di serpente letali sono molto più comuni fuori dagli Stati Uniti.

Nel 25% circa di tutti i morsi di crotali, il veleno non viene iniettato. La maggior parte dei decessi si verifica nei bambini, negli anziani e nei soggetti non trattati o trattati inadeguatamente. I serpenti a sonagli sono responsabili di circa il 70% dei morsi velenosi negli Stati Uniti e di quasi tutti i decessi. I testa di rame e, in misura minore, i mocassini acquatici sono responsabili della maggior parte degli altri morsi di serpente velenoso. I morsi dei serpenti corallo e quelli dei serpenti importati sono molto meno comuni.

Il veleno dei serpenti a sonagli o di altri crotali lede i tessuti intorno al morso. Il veleno del serpente a sonagli può produrre alterazioni delle cellule del sangue, impedire la coagulazione del sangue e danneggiare i vasi sanguigni, provocando emorragie. Queste alterazioni possono causare anche emorragie interne e insufficienza cardiaca, respiratoria e renale.

Il veleno dei serpenti corallo colpisce l’attività del sistema nervoso, ma provoca scarse lesioni ai tessuti intorno al morso. La maggior parte dei morsi si verifica su mani o piedi.

Sapevate che...

  • I morsi di serpente possono scatenare tanta paura ma negli Stati Uniti di rado sono letali.

Sintomi

I sintomi da avvelenamento da morso di serpente variano notevolmente, a seconda delle seguenti caratteristiche:

  • Dimensioni e specie del serpente

  • Quantità e tossicità del veleno iniettato (in relazione alle dimensioni e alla specie del serpente)

  • Sede del morso (la pericolosità dipende dalla vicinanza a testa e tronco)

  • L’età della vittima (le persone molto anziane o molto giovani sono a maggiore rischio)

  • I problemi medici già presenti

Crotali

I morsi della maggior parte dei crotali danno subito dolore, ma non tutti i morsi iniettano veleno, un segno della presenza di veleno è la fuoriuscita di liquido dalla ferita. Arrossamento e tumefazione in genere compaiono entro 30-60 minuti e, nel giro di qualche ora, si diffondono fino a interessare tutta la gamba o il braccio. Un avvelenamento da crotalo, moderato o grave, in genere provoca ecchimosi della cute 3-6 ore dopo il morso. La cute intorno al morso si presenta tesa e discromica, e possono formarsi vescicole, spesso piene di sangue. Senza trattamento, i tessuti circostanti possono diventare necrotici.

Altri sintomi sono febbre, brividi, debolezza generale, svenimento, sudorazione, ansia, nausea, vomito e diarrea. Alcuni di questi sintomi possono scaturire più dalla paura che dal veleno. Le gengive sanguinano e appaiono strie di sangue nel vomito, nelle feci e nelle urine. Possono comparire difficoltà respiratorie, soprattutto dopo i morsi del serpente a sonagli Crotalus scutulatus. In alcuni casi, il paziente avverte dolore toracico. Alcune ore dopo, la vittima può presentare cefalea, offuscamento della vista, abbassamento delle palpebre e bocca secca.

Il soggetto morso da un serpente a sonagli può avere formicolio e intorpidimento alle dita di mani o piedi, oppure attorno alla bocca e percepire un gusto metallico o gommoso in bocca.

Serpenti corallo

I morsi dei serpenti corallo spesso causano dolore lieve o tardivo e tumefazione. Sintomi più gravi compaiono dopo diverse ore. Si può avvertire un formicolio nella zona circostante il morso, e debolezza dei muscoli vicini; seguono incoordinazione muscolare e debolezza grave e generalizzata. Altri sintomi sono rappresentati da visione offuscata o doppia, stato confusionale, sonnolenza, aumento della produzione di saliva e difficoltà di linguaggio e di deglutizione. Possono svilupparsi anche disturbi respiratori, che possono essere molto gravi.

Come riconoscere un crotalo

I crotali presentano alcune caratteristiche che li distinguono dai serpenti non velenosi:

  • Pupille verticali a fessura

  • Fossette fra gli occhi e il naso

  • Denti retrattili

  • Serie di scaglie singole attraverso la parte interna della coda

  • Testa triangolare (simile alla punta di una freccia)

I serpenti non velenosi in genere presentano le seguenti caratteristiche:

  • Testa arrotondata

  • Pupille rotonde

  • Assenza di fossette

  • Assenza di denti

  • Serie di scaglie doppie attraverso la parte interna della coda

Se si vede un serpente privo di denti veleniferi non bisogna subito dedurre che non sia velenoso in quanto essi potrebbero essere retratti.

Come riconoscere un crotalo

Diagnosi

  • Valutazione medica

  • Per i morsi con avvelenamento, ricovero per osservazione

Il personale medico d’urgenza deve cercare di stabilire il grado di velenosità e la specie del serpente e capire se sia stato iniettato del veleno.

I segni del morso a volte sono indicativi per stabilire se il serpente fosse velenoso. I denti di un serpente velenoso in genere provocano una o due grosse punture, mentre quelli di un serpente innocuo lasciano numerose piccole file di graffi. Senza una descrizione dettagliata del serpente, il medico ha difficoltà a individuare la specie che ha causato il morso.

L’avvelenamento si riconosce dalla comparsa di sintomi caratteristici. Le vittime sono di solito trattenute in osservazione in ospedale per 6-8 ore per valutare l’eventuale comparsa di sintomi. I medici eseguono alcune analisi per valutare gli effetti del veleno.

Trattamento

  • L’arto (braccio o gamba) con il morso viene collocato in posizione più bassa rispetto al cuore e immobilizzato; si rimuovono indumenti e gioielli che possono causare costrizione

  • Antidoto

Fino all’arrivo dei medici possono essere utili alcune misure di primo soccorso. Chiunque sia morso da un serpente velenoso deve essere spostato a distanza di sicurezza dal serpente, mantenuto il più possibile calmo e immobile, e trasportato immediatamente al più vicino ospedale.

L’arto morso deve essere immobilizzato con legacci non troppo stretti e mantenuto approssimativamente al livello del cuore. Anelli, orologi e indumenti stretti devono essere rimossi dall’area del morso e si devono evitare anche tabacco e alcolici. Lacci, impacchi di ghiaccio e incisioni sul morso sono controindicati poiché potenzialmente pericolosi. Non funziona neanche succhiare per rimuovere il veleno.

Se non è stato iniettato veleno, il trattamento è quello previsto per qualsiasi ferita da puntura.

Se è stato iniettato veleno e i sintomi rivelano un morso grave, la parte più importante della terapia consiste nel somministrare l’antidoto (antiveleno). L’antidoto contiene anticorpi che neutralizzano gli effetti tossici del veleno. L’efficacia dell’antidoto dipende dalla tempestività con cui viene somministrato. L’antidoto è più efficace quando viene somministrato entro breve tempo dopo un morso di serpente ed è somministrato per via endovenosa.

Negli Stati Uniti sono disponibili antidoti per tutti i serpenti velenosi autoctoni.

Per le forme di avvelenamento più gravi è necessario il trattamento in terapia intensiva. Le vittime sono tenute sotto stretta osservazione e si curano le complicanze dell’avvelenamento. A un soggetto con bassa pressione arteriosa si somministrano liquidi per via endovenosa. Se compaiono problemi di coagulazione, possono essere necessari ulteriori dosi di antidoto, trasfusioni di plasma fresco congelato, fattori di coagulazione concentrati (crioprecipitato) o trasfusioni di piastrine.

La prognosi dipende dall’età, dallo stato di salute generale del soggetto, dalla sede e dal contenuto di veleno del morso. Quasi tutte le vittime di un morso di serpente velenoso sopravvivono se trattate precocemente con appropriati quantitativi di antidoto.

Reazione da siero

L’antidoto per il crotalo è costituito da siero di pecora immunizzata con veleno di serpente. La somministrazione di proteine estranee, come gli anticorpi da siero di pecora, talvolta scatena una reazione immunitaria definita malattia da siero,

che causa febbre, eruzioni cutanee e dolori articolari a circa 1-3 settimane di distanza dalla somministrazione. A volte possono esserne interessati anche i reni.

La reazione da siero è molto meno frequente con l’antidoto prodotto dalla pecora rispetto ai precedenti antidoti prodotti dai cavalli, tuttavia si manifesta ancora in circa 1 caso su 6.

I medici trattano la malattia da siero con farmaci antistaminici, come difenidramina, e con i corticosteroidi.

NOTA: Questa è la Versione per i pazienti. CLICCA QUI per accedere alla Versione per i professionisti
per accedere alla Versione per i professionisti
Ottieni

Potrebbe anche Interessarti

Video

Vedi Tutto
Rotazione esterna della spalla in posizione eretta...
Video
Rotazione esterna della spalla in posizione eretta...
1. Mettere un’estremità della fascia elastica assicurata a un oggetto sicuro a livello del...
Modelli 3D
Vedi Tutto
Ossa della mano
Modello 3D
Ossa della mano

SOCIAL MEDIA

PARTE SUPERIORE