Manuale Msd

Please confirm that you are not located inside the Russian Federation

honeypot link

Lesione della milza

Di

Philbert Yuan Van

, MD, Oregon Health and Science University

Ultima revisione/verifica completa dic 2019| Ultima modifica dei contenuti dic 2019
per accedere alla Versione per i professionisti
Risorse sull’argomento

Data la posizione della milza nel lato superiore sinistro dell’addome, un grave colpo nella zona dello stomaco può danneggiare la milza, con lacerazione della capsula o del parenchima o di entrambi.

  • La lesione della milza è spesso dolorosa.

  • Esami di diagnostica per immagini, come ecografia o tomografia computerizzata (TC), consentono di giungere alla diagnosi.

  • Spesso sono necessarie trasfusioni di sangue e talvolta la chirurgia per asportare o riparare la milza.

Le dimensioni delle lacerazioni possono variare da piccole, con arresto spontaneo del sanguinamento, a molto ampie con conseguente emorragia potenzialmente fatale. Talvolta, sotto la capsula della milza o al suo interno può formarsi una raccolta di sangue (ematoma).

La milza è l’organo addominale più colpito in seguito a incidenti stradali, cadute da una certa altezza, infortuni sportivi e pestaggi. Talvolta anche altri organi addominali subiscono lesioni. L’ingrossamento della milza (ad esempio a causa del virus di Epstein-Barr che causa la mononucleosi infettiva) espone maggiormente l’organo ai traumi.

La lesione della milza provoca lo sversamento di sangue nell’addome in quantità proporzionali alle dimensioni della ferita. L’ematoma della milza dapprima non sanguina nell’addome, ma può rompersi e sanguinare nei primi giorni dopo la lesione, talvolta anche a distanza di settimane o mesi.

Sintomi

La lesione o la rottura della milza determina dolore addominale e dolorabilità alla pressione. Il sangue nell’addome agisce come irritante e causa dolore localizzato nel lato sinistro dell’addome proprio sotto la gabbia toracica e talvolta nella spalla sinistra. Per riflesso, i muscoli addominali si contraggono e si irrigidiscono. Se si perde molto sangue, la pressione sanguigna scende e si avverte stordimento, offuscamento della vista e stato confusionale fino alla perdita di coscienza (svenimento).

Quando sono fratturate costole del lato sinistro, i medici possono tenere la persona in osservazione per eventuali danni alla milza.

Diagnosi

  • Ecografia o scansioni tomografiche computerizzate

In caso di sospetta lesione alla milza, i medici eseguono un’ecografia o una tomografia computerizzata (TC) dell’addome. In casi rari, se si sospetta un’emorragia grave, si procede con l’intervento chirurgico per stabilire la diagnosi e controllare il sanguinamento. L’emorragia grave comporta la somministrazione di liquidi per via endovenosa e talvolta le trasfusioni di sangue.

Trattamento

  • Trasfusioni di sangue

  • Talvolta intervento chirurgico

Se la milza è danneggiata si procede con l’asportazione, un intervento che, tuttavia, può causare problemi successivi, come una maggiore predisposizione a pericolose infezioni. Attualmente si è compreso che la maggior parte delle lesioni della milza di dimensioni piccole o moderate possono guarire senza ricorrere all’intervento chirurgico, sebbene a volte siano necessarie trasfusioni di sangue e il trattamento debba essere eseguito in ospedale. Quando è necessario l’intervento chirurgico, solitamente si asporta l’intera milza (splenectomia), ma talvolta i chirurghi sono in grado di riparare una piccola lacerazione.

Prima e dopo la splenectomia sono necessarie alcune precauzioni per prevenire le infezioni ( Asplenia).

NOTA: Questa è la Versione per i pazienti. CLICCA QUI per accedere alla Versione per i professionisti
per accedere alla Versione per i professionisti

ALTRI ARGOMENTI IN QUESTO CAPITOLO

Ottieni

Metti alla prova la tua conoscenza

Malattia da altitudine
Anche se gli effetti dell’alta quota variano notevolmente da persona a persona, il rischio è generalmente aumentato da quale dei seguenti fattori?

Potrebbe anche Interessarti

PARTE SUPERIORE